Slide-mainSportTreviso

Basket in carrozzina, PDM ai nastri di partenza

3 minuti di lettura

Dall’Australia Hannah Dodd e Steven Elliott compagni nella vita e nello sport.

Si riaccendono questo weekend i riflettori sul campionato di Serie A di basket in carrozzina. Forte del 5° posto ottenuto lo scorso campionato, anche quest’anno ai nastri di partenza si presenta la PDM Treviso.

E la squadra parte subito con delle grandi novità: due atleti, compagni nella vita e nello sport, che arrivano direttamente dall’Australia per giocare con la squadra trevigiana. Hannah Dodd e Steven Elliott hanno avuto la possibilità di essere ospitati in un alloggio a Treviso per iniziare subito gli allenamenti con i compagni della PDM.

La Dodd è la punti 1 titolare della nazionale aussie, giocatrice di valore assoluto che confidiamo ci farà fare un ulteriore step nel quintetto base – commenta il Direttore Sportivo della PDM Fabio Santinon – Elliott è invece un’ala piccola molto fisica e dinamica che può spaccare le partite con la sua intensità. Siamo convinti di aver messo a disposizione di coach Cricco delle buone opzioni che possono farci divertire”.

Quest’anno abbiamo un’altra importante novità – fa sapere il presidente di PDM Paolo Barbisan – oltre agli allenamenti nella palestra che condividiamo con la Nutribullet Treviso Basket a Sant’Antonino abbiamo integrato la preparazione atletica in collaborazione con Vivifit di Casale sul Sile. Con l’aiuto del personal trainer Nicola Michielan gli atleti della PDM che risiedono nel trevigiano, si sottoporranno settimanalmente ad esercizi specifici di condizionamento fisico studiati ad hoc dal preparatore atletico, per giocatori di basket in carrozzina. Anche questo – conclude il Presidente Barbisan – crediamo serva a dare buoni frutti anche per il futuro”.

Nei giorni scorsi la squadra si è ritrovata nella palestra Vivifit di Viviana Vanzetto, a Casale sul Sile per iniziare a prendere confidenza con la struttura e per le prime dimostrazioni degli esercizi. Presenti anche l’assessore allo sport di Mogliano Veneto Enrico Maria Pavan e di Casale sul Sile Stefano Lucarelli.

E a proposito di futuro la squadra guarda al campionato con ottimismo nonostante tre atleti abbiano lasciato Treviso.

PDM presso Vivifit con Assessori Sport di Mogliano Veneto e Casale sul Sile, prima del campionato

Durante l’estate abbiamo salutato Britt Dillmann che ha deciso di tornare in patria per intraprendere la carriera di coach e Domenico Beltrame che ha chiesto di rientrare nella sua Roma. Un arrivederci dovuto a problematiche burocratiche di richieste di visti, si è consumato anche con Vickson Ezeanyim, il lungo italo-nigeriano che giocherà quest’anno a Gradisca ma che contiamo di riportare a casa per il prossimo campionato”. Fa sapere il Direttore Sportivo Santinon

Come lo scorso campionato, le formazioni iscritte sono state suddivise i 2 gironi. La prima regular season prevede i classici incontri di andata e ritorno. Nella seconda fase ci saranno scontri incrociati tra le squadre dei 2 gironi.

L’unica variazione consiste nel numero delle partecipanti che, essendo elevato, passa da 10 a 12 squadre.

Da sinistra Fabio Santinon, Steven Elliott, Hannah Dodd e Paolo Barbisan

La PDM Treviso nella prima fase affronterà Firenze, Roma, Reggio Calabria, i cugini di Padova ed i campioni d’Italia di Cantù.

Inizialmente il campionato avrebbe dovuto prendere vita lo scorso weekend per lasciare spazio allo svolgimento dei campionati mondiali in programma a Dubai dal 16 al 27 novembre. Purtroppo però solo lo scorso 9 settembre il governo dell’emirato arabo ha comunicato l’impossibilità a gestire l’evento concordando con la federazione internazionale la ricalendarizzazione a giugno 2023. Questo ha, di riflesso, costretto tutte le federazioni nazionali ed i team a riprogrammare i campionati e le preparazioni dei giocatori.

È infine di questi giorni l’ufficialità che anche quest’anno la PDM parteciperà alle coppe europee organizzando dal 9 al 12 marzo 2023 al Bella Italia Village di Lignano Sabbiadoro (UD) uno dei gironi eliminatori di EuroCup3. Avversari della PDM saranno i greci del Thessaloniki, i francesi del Bordeaux, i polacchi di Konin ed i turchi di Karabük. La vittoria del girone consente di accedere alle finali in programma dal 27 al 30 aprile 2023 nel distretto di Yalova in Turchia.

Tra le nuove collaborazioni strette della PDM ci sono quelle con Operamed, Altamed, Eurospital ed Intermedia. Anche quest’anno la squadra scenderà sul campo da gioco con i partner storici che da sempre la sostengono: la Fadiel Italiana, OffCarr, Ossida, Nutribullet e il Presidio Ospedaliero “Giovanni XXIII” di Monastier.

“La Casa di Cura da molti anni è punto di riferimento medico sanitario di molte delle squadre più importanti della massima serie – commenta l’Amministratore Delegato del “Giovanni XXIII” Gabriele Geretto -. Non solo. Le sosteniamo come partner perché crediamo nel loro impegno e nei valori che esprimono attraverso lo sport, ma quella di cui siamo più orgogliosi è sicuramente la PDM perché i suoi atleti sono la dimostrazione tangibile che anche nelle situazioni più avverse della vita lo sport vince sempre”

Appuntamento quindi a sabato 15 ottobre al Pala Sant’Antonino con la PDM Treviso che ospiterà la neo promossa GET Roma. Palla a 2 alle ore 17:00.

In copertina, un momento della preparazione atletica dei due nuovi giocatori australiani presso Vivifit di Casale sul Sile.

Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio