Slide-mainSocialeVeneto

Avis Provinciale di Treviso: oltre 10.000 studenti sensibilizzati sulla donazione di sangue

2 minuti di lettura

Atelier di pittura creativa, letture di fiabe, un viaggio online per sviluppare i sensi, il teatro d’immagine e l’apprezzatissimo Giocavis, sono solo alcuni dei laboratori promossi dall’Avis Provinciale di Treviso con il coordinamento di Avis Regionale del Veneto per formare le giovani generazioni al dono. 

Più di cento volontari in campo, un referente per ciascuna delle 89 Avis Comunali della Marca Trevigiana con l’aggiunta di cinque gruppi di zona (Treviso, Opitergino, Castellana, Montelliana e Sinistra Piave) chiamati a fare da collegamento tra gli istituti scolastici e l’associazione avisina, proponendo dei corsi formativi che spaziano dalla scuola primaria alle superiori.  

L’attenzione alla promozione della donazione di sangue ed emocomponenti tra i banchi di scuola è rimasta sempre accesa, nonostante le difficoltà che questi ultimi due anni di pandemia hanno provocato, portando le scuole a riorganizzarsi sulla didattica a distanza prima di ritornare in presenza.  

«Per rispondere alle esigenze abbiamo riconvertito e adattato le nostre attività. Nel corso del 2022 abbiamo programmato parecchi laboratori per tutte le età scolastiche e ottenuto un’ottima adesione con oltre 10.000 studenti partecipanti, più di 6.000 alle superiori, oltre 2.500 alle primarie e quasi 2.000 alle medie. Inoltre, altre attività sono in fase di programmazione per altri 4.000 studenti. Siamo entusiasti per l’enorme richiesta che stiamo avendo da parte degli insegnanti» evidenzia Graziana Fuser, vicepresidente dell’Avis Provinciale di Treviso e responsabile del Progetto Scuola.  


Obiettivo: creare una cultura della donazione sempre più diffusa tra i giovani

Tutte le attività sono gestite da operatori professionisti con il supporto dell’associazione tramite un volontario di Avis. L’obiettivo è di creare attraverso l’educazione e la condivisione di esperienze una cultura della donazione sempre più diffusa tra i giovani che saranno chiamati a diventare i donatori di domani, attenti e partecipi alla buona causa. «Le esperienze più belle? Ritrovare i ragazzi che abbiamo conosciuto a scuola nei nostri centri trasfusionali o nelle articolazioni organizzative domenicali. E magari vederli accompagnare a loro volta i genitori, coinvolgendo tutta la famiglia nella donazione» sottolinea Fuser «i nostri volontari sono grati ai ragazzi e considerano gli incontri a scuola delle vere e proprie iniezioni di energia costruttiva».  

Il progetto Scuola di Avis è quindi una semina silenziosa e proficua che punta a sviluppare fin da bambini un’attenzione all’altro, ai valori della solidarietà, della generosità, della responsabilità di ognuno a fare dei gesti concreti per il bene della comunità. L’impegno da parte di Avis per creare momenti di stimolo, continuerà, conclude Fuser: «Le prospettive future ci vedranno sempre più impegnati nell’offrire ai volontari l’opportunità di una formazione specifica e professionalizzante per favorire l’approccio con i giovani e gli operatori. Non da ultimo, puntiamo ad accrescere la nascita di presìdi di studenti donatori nelle scuole che promuovano dall’interno la donazione del sangue e le altre forme di cittadinanza attiva».  

Per informazioni sui progetti Avis Scuola nel Trevigiano: [email protected] o 0422 405067. 

Articoli correlati
ArteItalia MondoSlide-main

Natura morta di Morandi venduta all'asta per 3,4 milioni: è record assoluto per un'opera italiana

2 minuti di lettura
Per aggiudicarsi il dipinto 15 minuti di rilanci via telefono partiti dalla cifra di 700mila euro. La Contemporary Art Evening Auction di…
CryptoDigitalSlide-main

L'sola di Tuvalu si sta ricreando nel Metaverso mentre il cambiamento climatico rischia di cancellarla dalla mappa

2 minuti di lettura
La nazione insulare del Pacifico di Tuvalu è stata a lungo una causa celebre per i rischi sul cambiamento climatico. Situata quasi…
AttualitàItalia MondoSlide-main

Frana a Ischia. Morta una donna, 11 dispersi

3 minuti di lettura
“Al momento c’è un decesso accertato”, quello di una donna, “i dispersi sono 11. Gli sfollati circa 130. Entro stasera saranno sistemati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio