AttualitàEditorialeSlide-main

Auguri, nonni. I nostri angeli custodi

1 minuti di lettura

Oggi, domenica 2 ottobre, si celebra la festa dei nonni, istituita nel 2005 dal parlamento italiano, proprio nella ricorrenza dei Santi angeli custodi.

Nonni. In una parola, un universo. Liberi dai doveri morali e sociali di essere genitori, di educare, guidare, sostenere e a volte contenere le esuberanze giovanili dei figli, questi adulti decisamente “cresciuti” sono la più grande espressione d’amore, complicità e condivisione con i propri nipoti.

Un nonno ti aiuta, ti sostiene, gioca con te, ride e scherza, ti racconta la Storia attraverso la sua storia. Spesso ricorda la guerra, gli amici perduti, i giochi per strada, le filastrocche dimenticate e ti porta in un mondo tra l’onirico e il fantastico. E la sua vita, pur se travagliata, a te sembra una favola. Perché ti viene raccontata così, scevra dal dolore e piena di struggente nostalgia.

Una nonna ti porta in cucina, ti insegna i primi rudimenti del cibo preparato con cura e amore, senza microonde, la pentola a pressione, il delivery. Ti porta nella tradizione dei piatti preparati con poco e che hanno il sapore del tutto. Ti insegna a ricamare, a cucire, ma anche ad amare i libri, il teatro, la musica, la danza, l’arte di accudire l’altro con affetto, senza servilismo.

Liberi dalle catene socialmente imposte, i nonni si rivelano ai nipoti per come sono realmente: persone con grandi sogni e aspirazioni, spesso soffocate dalle convenzioni, che tuttavia non hanno mai sopito del tutto le convinzioni di aver diritto alla felicità fuori dagli stereotipi sociali.

Per questo, i nonni, sono il più grande bagaglio di libertà che si possa donare a un bambino, un adolescente, un giovane. Hanno uno sguardo sul mondo ampio e colmo di saggia resilienza che, finalmente, possono donare a piene mani aiutando inconsapevolmente a forgiare i migliori adulti di domani.

Vanno amati e rispettati, i nonni. Il nostro compito è proteggere la loro fragilità di bambini anziani. Non esistono i vecchi, i “ruderi”, esistono semplicemente persone i cui occhi hanno visto di tutto, hanno vissuto di tutto e sono qui a raccontare che la vita, per quanto difficile, complicata, a volte assurdamente grottesca, va vissuta sempre e solo con amore e rispetto.

Nessuno può fare per i bambini piccoli ciò che fanno i nonni. I nonni cospargono la polvere di stelle sulla vita dei bambini. Alex Haley, giornalista e scrittore statunitense

Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio