Ascanio Celestini in “Barzellette” al Teatro Busan

Domani sera alle ore 21.00, al Teatro Busan di Mogliano Veneto la Stagione di Prosa 2019-2020 prosegue con Barzellette, il nuovo spettacolo di Ascanio Celestini. Le barzellette del titolo sono le storielle che un capostazione raccoglie dai viaggiatori sconosciuti che transitano senza lasciare traccia nella stazione terminale in cui lavora. Qui, un becchino attende un morto “di lusso”, un emigrante che ha fatto fortuna all’estero e che sta tornando al paese per farsi seppellire. Incastonate in una struttura narrativa sempre aperta all’improvvisazione, le barzellette di Celestini attraversano mondi e culture, descrivono popoli e mestieri e ci ricordano che possiamo ridere di tutto, soprattutto di noi stessi.

Nate come libro con l’editore Einaudi, le Barzellette in teatro diventano uno spettacolo aperto, soprattutto alla collaborazione con i musicisti, uno spettacolo ogni sera diverso, con una storia di base che fa da cornice ma che lascia libero sfogo all’improvvisazione. Le barzellette pescano nel torbido, nell’inconscio, ma attraverso l’ironia permettono di appropriarcene per smontarlo e conoscerlo. E poi la loro forza sta nel fatto che l’autore coincide perfettamente con l’attore. Non c’è uno Shakespeare delle storielle. Chi le racconta si prende la responsabilità di riscriverle in quel preciso momento. Ma anche l’ascoltatore diventa implicitamente un autore. Appena ascoltata, può a sua volta diventare un raccontatore e dunque un nuovo autore che la cambia, reinterpreta e improvvisa.

Le barzellette hanno attraversato il mondo e le culture vestendosi dell’abito locale, ma portando con sé elementi pescati ovunque. La stessa struttura di una storiella sarda che racconta la lite tra vicini la ritroviamo in una barzelletta cecoslovacca sull’invasione russa del ‘68. I carabinieri italiani in Francia diventano belgi. I tirchi sono scozzesi o genovesi e, un po’ ovunque, ebrei. Le barzellette sugli afroamericani quando arrivano in Italia finiscono sul corpo degli zingari. Se ne racconti solo un paio rischi di fare il gioco dei razzisti. Ma se ne metti in fila tante dimostri che nelle storielle c’è anche una grande compassione. Ci ricordano infatti che possiamo ridere di tutto e soprattutto di noi.

Chi è Ascanio Celestini

È attore, regista e autore teatrale italiano (Roma, 1972). È considerato uno dei rappresentanti più importanti del nuovo teatro di narrazione. I suoi spettacoli, preceduti da un approfondito lavoro di ricerca, hanno la forma di storie narrate in cui l’attore-autore assume il ruolo di filtro con il suo racconto, fra gli spettatori e i protagonisti della messa in scena. Tra i suoi spettacoli, Cicoria. In fondo al mondo, Pasolini (1998); Radio clandestina (2000); Fabbrica (2002); Scemo di guerra. Roma, 4 giugno 1944 (2004); La pecora nera. Elogio funebre del manicomio elettrico (2005); Live. Appunti per un film sulla lotta di classe (2006); Il razzismo è una brutta storia (2009); Pro patria (2012); Discorsi alla nazione (2013). Nel 2007 ha girato il documentario Parole sante, incentrato sul tema del lavoro precario, e contemporaneamente è uscito con lo stesso titolo il suo primo album di canzoni; è del 2010 il suo primo lungometraggio, La pecora nera, tratto dall’omonimo spettacolo teatrale, racconto sull’esperienza dei manicomi e sull’alienazione dell’odierna società dei consumi, cui ha fatto seguito nel 2015 la pellicola cinematografica Viva la sposa. Tra le sue pubblicazioni più recenti, la raccolta di racconti Io cammino in fila indiana (2011), Pro patria (2012), Un anarchico in corsia d’emergenza (con M.L. Gargiulo, 2015) e Barzellette (2019).

Biglietti

20,00 € intero | 18,00 € ridotto

Acquisto e prevendite

Biglietteria Cinema Teatro Busan, via Don Bosco 41, Mogliano Veneto (TV).

La biglietteria è aperta: tutti i giorni ad esclusione del martedì dalle 17 alle 19, la domenica dalle 16 alle 19.30 e 30 minuti prima di ogni proiezione cinematografica.

Online su www.cinemabusan.it.

Informazioni

+39 041.5905024 | +39 334.1658994 | gestione.busan@gmail.com

Photo Credits: Musacchio-Ianniello-Pasqualini

Commenta la news

commenti

Redazione Il Nuovo Terraglio

Condividi
Pubblicato da
Redazione Il Nuovo Terraglio

Articoli Recenti

un arresto e una denuncia per spaccio di droga a Mestre

Hanno portato all'arresto di un 33enne con precedenti e alla denuncia di un 23enne incensurato due diverse operazioni di contrasto…

33 minuti ago

Elezioni 2020: concluse a Venezia le operazioni di voto. Affluenza totale

Il Servizio elettorale del Comune di Venezia ha reso noto che le operazioni di voto si sono regolarmente concluse alle…

37 minuti ago

Allerta meteo dalla mattinata di domani, martedì 22 settembre

La Protezione civile del Comune di Venezia, sulla base dei dati del Servizio meteorologico del Centro funzionale decentrato (CDF)…

1 ora ago

Settimana europea Mobilità: domani a Mestre corso di guida per i monopattini elettrici

Settimana europea Mobilità 2020: domani a Mestre presentazione del corso di guida per i monopattini elettrici rivolto ai ragazzi delle…

1 ora ago

Chiusura del Festiva della Statistica e della Demografia Mario Conte: “Treviso sia la città della Statistica”.

  Sul palco alla Loggia dei Cavalieri si è celebrata la chiusura della sesta edizione del Festival della Statistica e…

1 ora ago

Meteo. Da domani e fino a mattina del 23 allerta per forti temporali

  METEO. DA DOMANI E FINO ALLA MATTINA DI MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE STATO DI ATTENZIONE PER FORTI TEMPORALI NELL’AREA…

2 ore ago