Home / Venezia  / Marghera  / Arresti, espulsioni, sequestri. Un report dei controlli straordinari del territorio

Arresti, espulsioni, sequestri. Un report dei controlli straordinari del territorio

Ad un anno dall’operazione San Michele, è ancora forte il legame e il rapporto di collaborazione tra cittadini, Polizia di Stato e Istituzioni.

Ad un anno dall’operazione San Michele, è ancora forte il legame e il rapporto di collaborazione tra cittadini, Polizia di Stato e Istituzioni.

 

Anche oggi è stata messa in atto una massiccia operazione di controllo del territorio che ha interessato maggiormente le zone adiacenti alla stazione ferroviaria di Mestre e a via Piave. Inoltre è stata estesa ai parchi cittadini e ad alcuni quartieri di Marghera.

 

L’operazione, finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e ai fenomeni criminali legati a questa tipologia di reato, nonché al rintraccio di stranieri irregolari, è il frutto della costante collaborazione dei cittadini con la Polizia di Stato.

 

Questa notte sono state arrestate quattro persone, sette sono gli stranieri espulsi, più di cento le persone identificate, oltre 70 grammi la quantità di stupefacente sequestrato. Non sono mancati i controlli agli esercizi commerciali aperti durante le ore notturne, anche attraverso l’utilizzo delle unità cinofile della Polizia di Stato. 

 

 

Arrestato un nigeriano di 26 anni

Tra le persone arrestate compare un nigeriano di 26 anni; l’uomo, che nella stazione ferroviaria di Mestre ha tentato di eludere i controlli di polizia, è risultato destinatario di un ordine di carcerazione per fatti accaduti a Padova e dovrà scontare in carcere una condanna di oltre 10 mesi.

Arrestato un colombiano di 52 anni

Tra gli arrestati anche un colombiano di 52 anni destinatario di un ordine di carcerazione per tre mesi emesso per furto dalla Procura di Firenze.

Arrestata una italiana

Analogo provvedimento è stato eseguito a carico di una cittadina italiana che, ha violato le prescrizioni a cui era stata sottoposta nell’ambio di una misura cautelare. La donna dovrà scontare in carcere 1 anno e 2 mesi di reclusione.

 

Arrestato un veneziano

È stato sottoposto agli arresti domiciliare un veneziano per ripetute violenze e minacce a carico della moglie.

 

Tra le persone identificate, 48 sono risultate con precedenti, di questi, 9 sono stati accompagnati presso gli uffici della Questura per ulteriori accertamenti. In particolare 4 stranieri sono risultati irregolari e sono stati espulsi. A 3, invece, è stato notificato un ordine di allontanamento dal territorio nazionale. Un tunisino di 30 anni pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti, rintracciato durante i controlli di stanotte è stato accompagnato al CPR di Torino in attesa di rimpatrio.

 

Intensificati i controlli agli esercizi pubblici

Quattro esercizi pubblici sono stati sottoposti ad approfonditi controlli amministrativi in ordine alla regolarità delle licenze e della gestione, i risultati e i relativi dati amministrative così acquisisti saranno oggetto di esame da parte dei competenti uffici della Polizia.

 

Il costante impegno delle forze di Polizia, il continuo e proficuo scambio di informazioni con la cittadinanza, insieme alle segnalazioni di fatti criminali, l’attività della magistratura che come un anno fa ha permesso attraverso una complessa indagine di sradicare un’organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti sono componenti fondamentali ed insieme costituiscono un meccanismo perfetto, volto alla prevenzione prima e alla repressione dopo di fenomeni criminali.  

 

Inoltre la continuità nell’attività di prevenzione costituisce il maggior deterrente alla riproposizione di fenomenologie delittuose, riuscendo anche a consolidare il rapporto fiduciario che lega i cittadini alle istituzioni.

 

In questo senso anche i risultati conseguiti nella giornata di ieri attestano la continuità di una azione sul territorio che costituisce, come detto, la maggior forza deterrente. 

 

Prezioso contributo delle unità cinofile

Prezioso è stato il contributo delle unità cinofile che, dislocate nelle aree dei parchi urbani, hanno consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro oltre 70 grammi di sostanze stupefacenti, tra hashish, marijuana e cocaina, divise in diverse decine di dosi pronte allo smercio. 

 

La Polizia di Stato e la Questura ringraziano i cittadini che oggi con gli striscioni in via Monte San Michele hanno manifestato un senso di gratitudine e la positiva relazione con la nostra Istituzione. I cartelli esposti sono infatti la testimonianza che la Squadra Stato vince sempre sulla criminalità e sul malaffare.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni