Home / Speciali  / Coronavirus  / “App Immuni” nella bufera, tra richieste di rimozione da parte dei contatti telefonici e perplessità del Governatore Zaia

“App Immuni” nella bufera, tra richieste di rimozione da parte dei contatti telefonici e perplessità del Governatore Zaia

Da giorni si leggono post sui social, come questo: "Coloro i quali intendono installare l'applicazione COVID-19 AB TraceTogether o "immuni", o lo abbiano già fatto, sono pregati di rimuovermi dall'elenco dei contatti telefonici e da

Da giorni si leggono post sui social, come questo: “Coloro i quali intendono installare l’applicazione COVID-19 AB TraceTogether o “immuni”, o lo abbiano già fatto, sono pregati di rimuovermi dall’elenco dei contatti telefonici e da Facebook, se possibile prima ancora di installare l’applicazione sul cellulare. Sappiate che nego il mio consenso a utilizzare il mio numero di telefono in connessione con tale applicazione. A chi installa questa app saranno  acquisiti e controllati tutti i contatti presenti in rubrica. Pertanto, visto e considerato ciò che sta succedendo in Cina con questa applicazione, è una cosa di cui ne voglio fare decisamente a meno. Questo non significa che non vi rispetti o che provi sentimenti duri nei vostri confronti, solo non mi interessa essere seguito come se avessi un collare addosso. Non userò questa app e proteggerò anche i miei contatti. Non esitate a copiare e incollare questo testo ma soprattutto assicuratevi di non coinvolgere nessuno, a sua insaputa, in questo programma“. I toni sono minacciosi e stanno ormai invadendo le bacheche della piattaforma più seguita in Italia, dopo YouTube.

Nell’odierna conferenza stampa di oggi presso la sede della protezione civile di Marghera, anche il Presidente del Veneto Luca Zaia ha manifestato la sua perplessità ma per tutt’altri motivi.

Così com’è l’App Immuni non funziona e crea solo problemi perché noi non abbiamo il governo della stessa e crea solo una babele ingestibile dove il cittadino decide cosa fare e cosa non fare. Io non affosso l’idea ma come è stata progettata non funziona. Nessuna contrapposizione – ha continuato Zaia – ma in Veneto stiamo studiando invece la ‘biosorveglianza’ che permette di sapere chi sono i positivi e dove sono, con informazioni precise“.

Oggi l’Assessore alla Sanità del Veneto Manuela Lanzarin, di Bassano del Grappa, accanto al Presidente Zaia, da ben 104 giorni di emergenza Covid, ha ricevuto dal Presidente Zaia, e da tutti i giornalisti che quotidianamente la seguono, gli auguri di buon compleanno.

Silvia Moscati

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni