Slide-mainTurismo

Al via i tour virtuali di “FAI UN GIRO IN VILLA”

3 minuti di lettura

Torna il festival FAI UN GIRO IN VILLA”, organizzato dalla Presidenza FAI Veneto e dai Gruppi FAI Giovani della regione.
Questa quarta edizione sarà interamente digitale e si svolgerà dal 20 al 28 febbraio con 9 diversi appuntamenti ospitati su piattaforme digitali di videoconferenza e sarà possibile partecipare accreditandosi nel portale.
 
I Gruppi FAI Giovani del Veneto sono otto e, all’interno delle Delegazioni FAI, coinvolgono ragazzi, di età compresa tra i 18 e i 35 anni che mettono a disposizione il loro tempo, la loro formazione e la loro professionalità in modo volontario, per realizzare eventi e progetti che diventino momenti di convivialità e anche di riflessione sulla cultura e sull’ambiente in pieno stile FAI. Questi gruppi come dimostra il festival non sono fermi e sono pronti anche in questo momento ad accogliere nuovi volontari.
 
«Il difficile momento sanitario non ha fermato le urgenze legate alla memoria artistica del nostro paese e le emergenze legate al paesaggio e all’ambiente – racconta Ines Lanfranchi Thomas, presidente del FAI Veneto – Non si sono fermate neanche le idee, l’intraprendenza e la passione dei volontari FAI spingendoli a confrontarsi con le attuali restrizioni per realizzare una quarta edizione del Festival accattivante come sempre ma anche sicura. L’anima del festival sono i giovani. A loro va il mio grazie. Con impegno e fantasia, i Gruppi Giovani del FAI Veneto hanno reso possibile questo evento! Il loro sprint si sente: la visita in villa si fa racconto, incontro, storia, gioco. Un particolare ringraziamento va anche alla distilleria Luxardo e all’impresa di restauro Uni.S.Ve per aver contribuito a rendere possibile questo evento».
 
 

FAI UN GIRO IN VILLA” inizia oggi

L’edizione 2021 di “FAI UN GIRO IN VILLA” prende il via oggi, sabato 20 febbraio, dal Bene FAI Villa dei Vescovi (in foto principale) a Luvigliano di Torreglia (PD), con una presentazione della villa a cura di Alessandro Armani, responsabile della gestione operativa.
 

Villa Valmarana Bressan

 
Segue domani, domenica 21 febbraio, un tour virtuale di Villa Valmarana Bressan, a cura del FAI Giovani di Vicenza e un racconto di Villa Boldieri Trentini ora Biasi sita a Pesina di Caprino Veronese, a cura del FAI Giovani di Verona, che continuerà il 26 febbraio con l’illustrazione del suo giardino.
 

                                                             Villa Boldieri Trentini, ora Biasi, e giardino
 
Il 23 febbraio con il FAI Giovani di Belluno si ripercorreranno genesi e declino di Villa Malcolm; il  24 febbraio con il FAI Giovani Rovigo verrà raccontata Villa Vianelli di Loreo; il 25 febbraio sarà la volta di “Itinerando tra le ville”, un momento in cui i giovani del FAI di Venezia ci racconteranno le loro esperienze attraverso un itinerario virtuale tra le ville venete, protagoniste delle passate edizioni; il 27 febbraio avrà luogo  “Vivere in una villa oggi”, una tavola rotonda con i proprietari di villa Tiepolo Passi, villa Gera e Castello di Collalto, a cura del FAI Giovani di Treviso; gli appuntamenti si chiuderanno, il 28 febbraio, con l’evento gaming “L’investigaVilla”, a cura del FAI Giovani di Padova,  in cui i partecipanti, raccogliendo le testimonianze di personaggi misteriosi e altri indizi che darà il luogo stesso, dovranno capire in che villa si trovano.
 

                                                   Villa Malcolm                                                                   Villa Vianelli 
 
 
La partecipazione a questa edizione di FAI UN GIRO IN VILLA” è libera – previa prenotazione sul portale – e si confida nell’apprezzamento dell’impegno e nella condivisione della mission FAI da parte dei partecipanti per stimolare donazioni e iscrizioni.
 
I contributi raccolti saranno come sempre a favore di Monte Fontana Secca e Col de Spadaròt, un alpeggio con malga sul Massiccio del Monte Grappa a Quero (BL), donato al FAI – Fondo Ambiente Italiano nell’aprile 2015 dai fratelli Liliana e Bruno Collavo. che hanno così voluto onorare la memoria dei propri genitori.  L’impegno per Monte Fontana Secca rientra in un nuovo progetto del FAI che ha preso il via nel 2020, “Progetto Alpe. L’Italia sopra i 1000 metri”. Uno degli obiettivi dell’iniziativa è contribuire alla tutela e alla valorizzazione delle terre alte nelle aree interne dell’Italia, zone spesso spopolate e trascurate, che custodiscono un capitale eccezionale di natura e cultura e un grande potenziale per il futuro.
 
Sarà anche possibile iscriversi al FAI versando una quota di benvenuto FAI Giovani di 15 euro dai 18 ai 35 anni e possibilità di rinnovo alla stessa quota.                                                                                      
 
Per informazioni
[email protected]
www.fondoambiente.it

Articoli correlati
La terza paginaSlide-main

Realtà virtuale, realtà aumentata e Sport

4 minuti di lettura
Di Enrica Cataldo, Socio AIRD con la collaborazione dell’atleta Antonio Giulio Bonaccorso La realtà aumentata, che fa già parte della vita di…
RegioneSlide-main

Regione. Apicoltura, quasi 600mila euro a sostegno del settore

1 minuti di lettura
APICOLTURA. QUASI 600MILA EURO A SOSTEGNO DEL SETTORE. ASSESSORE REGIONALE, “UN AIUTO AGLI AGRICOLTORI PER SOSTENERE LA PRODUZIONE DI MIELE VENETO DI…
MestreSlide-mainVenezia

Venezia. Adeguamento impianti e realizzazione nuovi campi calcio di due società sportive

1 minuti di lettura
Via libera dalla Giunta comunale a due società sportive del territorio per l’adeguamento degli impianti e la realizzazione di nuovi campi da…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!