Senza categoria

“Al giro di boa”, Il Dg della Union Pro Alessandro Lunian fa un bilancio della stagione 2017/2018

2 minuti di lettura

Quando si parla di competizione nel calcio è da sempre il perseguimento del risultato sportivo, che coincide con la vittoria del maggior numero possibile di gare disputate.

 

La nostra Società ha una storia e un passato che non si può dimenticare, ma da quando sono stato chiamato dal Presidente Marco Gaiba, abbiamo iniziato questa avventura oltre dodici anni fa, avevamo percepito che alla base ci fosse un problema fondamentale che ne impediva la crescita.

 

Una Società sana non può essere costretta ad utilizzare scorciatoie per sopravvivere, deve essere dinamica, aperta alle nuove tecniche ma soprattutto deve puntare sui vivai, un progetto ambizioso molto difficile ma che dettava la nostra inequivocabile linea guida.

 

L’obiettivo era chiaro: essere una Società in grado di competere sia sul piano sportivo, sia su quello educativo che quindi svolgesse al massimo delle proprie possibilità una doppia funzione sociale.

Per realizzare questo era importante costruire un Team formato da una struttura dirigenziale ampia e democratica che condividesse i progetti e le responsabilità.

Si doveva lavorare su più fronti, Allenatori, Dirigenti e Scuole. Fare esperienze sportive con le squadre dei piccoli che sono alla base dell’attività, creare strutture impianti funzionali ed efficienti che permettessero di organizzare eventi e manifestazioni che riuniscano la comunità.

 

Rafforzare la consapevolezza che l’aspetto sportivo è una parte importante della formazione di un uomo. Tre gli obiettivi:

  1. Educare, attraverso lo sport
  2. Essere credibili, aperti
  3. Svolgere una funzione sociale nel territorio

L’aspetto economico è fondamentale e infatti si investe in base alle proprie possibilità. L’attenzione al bilancio da parte nostra deve essere assoluta.

 

La fusione tra le Società di Mogliano e Preganziol ha permesso uno step successivo. Bisogna sottolineare il coraggio e la passione del Presidente Gaiba per aver intuito “l’intelligenza sportiva” dei propri Dirigenti, Allenatori e Collaboratori che hanno formato un Team importante contribuendo ai successi ottenuti. Forte è il legame che si è creato con i giocatori, quelli che ci sono oggi e quelli che hanno preso altre strade, coloro che hanno onorato e onorano i nostri colori. Ricordiamo che nell’ultimo periodo accennato le varie promozioni della Prima squadra che è arrivata alla serie D e solo per motivi di natura economica ora gioca in Eccellenza (attualmente ad un passo dai Play Off). Gli Juniores (attualmente secondi) e le squadre del settore Giovanili (attualmente in posizioni prestigiose) che hanno conquistato tutti i titoli regionali fino ad essere nelle categorie Élite. Così pure la nostra Scuola Calcio Élite nostro fiore all’occhiello è arrivata a fare attività con un numero considerevole di squadre. Concludo facendo un grosso in bocca al lupo per la seconda parte dell’annata sportiva a questo grande gruppo che incarna una cultura sportiva di grandi valori.

Il D.G. Alessandro Lunian

Articoli correlati
MoglianoRegioneSenza categoriaSlide-main

Mogliano, la Costituzione in mostra

1 minuti di lettura
Il 28 maggio alle 17.30, presso la Sala del Centro pastorale di Mogliano Veneto, prenderà il via la mostra sulla Costituzione organizzata…
Senza categoria

Salerno e Canal per tre giorni lontani dai Social per scoprire le Colline del Prosecco

2 minuti di lettura
La cantante e showgirl, icona degli anni ’80, e l’influencer trevigiano, due autentiche star del web, pronti per un curioso esperimento: tre…
Senza categoriaSlide-mainTreviso

CNA territoriale di Treviso. Patto per lo sviluppo “Veneto 2030”: le priorità della CNA inviate ai candidati della provincia di Treviso

2 minuti di lettura
Patto per lo sviluppo “Veneto 2030”: le priorità della CNA inviate ai candidati della provincia di Treviso   Un nuovo patto per…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!