FoodIstruzioneSlide-mainVenezia

AIS Veneto è partner di Ca’ Foscari nel master "Cultura del cibo e del vino"

1 minuti di lettura

Ventuno studenti stanno affrontando gli scenari del food and wine dopo la pandemia.
Obiettivo: far diventare la guida Vinetia uno strumento turistico

 
L’Associazione Italiana Sommelier Veneto è partner del Master di 1° livello in Cultura del Cibo e del Vino. Promuovere l’eccellenza Made in Italy di Ca’ Foscari Challenge School, la scuola di Alta Formazione dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Gli studenti stanno lavorando in gruppi, seguiti da un team di esperti e docenti dell’ateneo, con l’obiettivo di rispondere alle sfide innovative lanciate da aziende partner del percorso formativo e rappresentative del settore agroalimentare del Triveneto. Assieme ad AIS Veneto partecipano al master anche Cipriani Food e Molino Moras.
 
Lavorando secondo i principi e le tecniche del design thinking, in stretto contatto con le imprese, i gruppi di studenti elaboreranno dei modelli di business capaci di aiutare le aziende nei nuovi mercati del food and wine.
 
“È un metodo di lavoro molto utilizzato dalla aziende orientate alla ricerca – commenta il Presidente di AIS Veneto Marco Aldegheri – che raramente vede coinvolte le associazioni. Con orgoglio sottolineo che ancora una volta AIS Veneto mostra la sua naturale aspirazione allo sviluppo e alla visione a lungo termine”.
 
La sfida che AIS Veneto ha lanciato agli studenti è quella di capire come una guida vini possa diventare anche uno strumento turistico. Punto di partenza è Vinetia – Guida ai vini del Veneto, portale online dell’associazione dedicato alle eccellenze enologiche della regione, che dal 2015 costituisce una fotografia delle migliori produzioni vitivinicole venete. L’idea è che dei giovani laureati, con gli occhi vigili di chi osserva dall’esterno e con un entusiasmo proiettato al futuro, possano sintetizzare la naturale evoluzione della guida con un ampliamento di carattere turistico.
 
Quello trattato nel master è un tema di grande rilevanza economica, in quanto il comparto del cibo e del vino vale il 12% del PIL dell’Italia, con 46 miliardi di export nel 2020. Di grande attualità inoltre è la crisi legata alla pandemia di Covid-19, alla quale il settore ha saputo tenere testa, accelerando tuttavia alcune tendenze già presenti nel consumo di cibo e vino: un uso massiccio del digitale nell’informarsi e nell’acquistare, nuove forme di convivialità, una maggiore attenzione del consumatore a salubrità e sostenibilità. Queste nuove sfide richiedono alle imprese italiane di rivedere le proprie strategie e di sfruttare il potenziale di nuove tecnologie e nuovi approcci nel progettare.

Articoli correlati
AnimaliSlide-main

#Donaunacoperta al canile più vicino

2 minuti di lettura
L’inverno sta ormai arrivando e migliaia di animali lo trascorreranno ancora una volta al freddo, nel box di un rifugio. LNDC Animal…
Slide-mainZero Branco

Zero Branco, patto di fratellanza con il comune ucraino di Ivano-Frankove

2 minuti di lettura
Il 30 novembre il voto unanime del Consiglio Comunale. Al paese ucraino, a poco più di 20 chilometri da Leopoli, nel marzo…
Italia MondoSlide-mainSport

Parigi 2024, ecco come fare per assistere ai Giochi Olimpici

3 minuti di lettura
La prima fase della biglietteria dei Giochi Olimpici di Parigi 2024 si è aperto il 1° dicembre, offrendo ai fan di tutto…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio