Slide-mainVenezia

A Pellestrina l’ultimo saluto al re del remo Sergio Tagliapietra “Ciaci”

2 minuti di lettura

È stata la Serenissima, ammiraglia della flotta delle Bissone del Comune di Venezia, ad accompagnare per l’ultimo saluto il feretro del campione del remo Sergio Tagliapietra “Ciaci”. Una cerimonia molto sentita e partecipata, a cui hanno voluto essere presenti numerose barche a remi delle remiere cittadine, e non solo, per omaggiare uno dei grandi delle voga veneziana, per alcuni il più grande vogatore alla veneta del Novecento.

Mai regatante nella storia fu così ricco di bandiere rosse, oltre 200: ha vinto quattordici volte la Regata Storica nei Gondolini. Ha partecipato a due Olimpiadi nel canottaggio ed ha vinto 13 edizioni del palio delle Repubbliche marinare con il “galeone” di Venezia (oltre a 18 vittorie alla regata di Murano, 13 in quella del Redentore e 14 a Pellestrina).

L’imbarcazione a remi, condotta da 18 vogatori e un timoniere, chiamati a raccolta da Rudi Vignotto tra i campioni di ieri e di oggi della Regata Storica, è partita dalla remiera Pellestrina, dove era arrivata dopo il varo dei giorni scorsi con la collaborazione dell’Ufficio Regate comunale.

Nato a Burano nel 1935, proprio a Pellestrina Sergio Tagliapietra aveva vissuto e, per tanti anni, nella remiera dell’isola aveva insegnato ai bambini a vogare portando avanti una delle tradizioni più sentite della città. “Dovete trovare la vostra voga – diceva loro – tutto deve essere naturale”.

Il corteo acqueo ha raggiunto poi la chiesa di Ognissanti, gremita di persone.

In rappresentanza dell’Amministrazione comunale erano presenti il consigliere delegato alle Tradizioni, Giovanni Giusto, e alle Isole, Alessandro Scarpa “Marta”, i consiglieri Francesca Rogliani e Aldo Reato, oltre all’assessore Sebastiano Costalonga.

“La città intera oggi si raccoglie per l’ultimo saluto a un grande personaggio” le parole del consigliere Giusto. “Venezia ha perso un figlio, ma i veneziani hanno perso un grande riferimento, un campione nello sport e nella vita. Questo ha fatto di lui la differenza: una persona tanto umile quanto saggia. Ricorderemo per sempre questo campione, il suo ricordo resterà vivo, così come resteranno indelebili le sue vittorie in Canal Grande con il suo mitico cappellino bianco e l’inseparabile fazzoletto al collo. ‘Ciaci’, un grande veneziano, protagonista di un tassello di storia della nostra tradizione che continua”.

Alla testimonianza di Giusto si è aggiunto il cordoglio del consigliere Alessandro Scarpa ‘Marta’: “Le più sentite condoglianze a nome della Città alla famiglia di Sergio Tagliapietra, un grande campione che ci ha regalato moltissime emozioni con le sue vittorie. Ha insegnato la voga alla veneta alle nuove generazioni, una persona meravigliosa che si è data molto da fare per la comunità e per l’educazione sportiva. Un uomo estremamente disponibile e cordiale. Lo ricordo seduto in riva a salutare le persone, a dare consigli, un punto di riferimento per l’isola”.

Domani, 13 ottobre, con le stesse modalità, si svolgeranno i funerali di un altro campione del remo, Giuseppe ‘Bepi’ Fongher.

Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio