AmbienteSaluteSlide-mainVeneto

5G, 11 Sindaci mettono un freno ad “antenna selvaggia” grazie ai Piani Antenne

3 minuti di lettura

Le nuove antenne dovranno essere installate in luoghi idonei, definiti dalle Amministrazioni comunali, lontano da siti sensibili.

Sono i primi in Veneto e tra i primi a livello nazionale ad aver creato un regolamento che disciplina la posa di stazioni radio sul proprio territorio, individuando i siti sensibili non idonei all’installazione e quelli invece idonei: si tratta di 10 Comuni trevigiani (Pederobba, Cornuda, Cavaso del Tomba, Possagno, Monfumo, Castelcucco, Segusino, Maser, Giavera del Montello e Cappella Maggiore) e di un Comune della provincia di Belluno: Alano di Piave.

Una novità importantissima che, in quei territori – un’area di 205 kmq «più ampia dell’area metropolitana di Milano» e in cui abitano quasi 40 mila persone –  ha già messo, un anno fa, un freno ad “antenna selvaggia”. Infatti, quando è iniziato l’iter, appunto oltre 12 mesi fa, le amministrazioni hanno potuto fare una delibera che bloccasse le nuove installazioni da parte dei gestori di telefonia in attesa dello strumento regolatorio.

Il decreto semplificazioni di luglio 2021 ha ulteriormente favorito i gestori telefonici stabilendo che possano installare le antenne dove vogliono e che, avuto il parere di Arpa e Sovrintendenza, è sufficiente una dichiarazione (Scia) al Comune per procedere con la posa.  I Comuni sentivano dunque la necessità di uno strumento immediato per gestire un fenomeno che rischiava di andare fuori controllo.

Il percorso intrapreso dagli 11 Comuni, supportato dall’Associazione Comuni della Marca Trevigiana e, sul fronte operativo, da Leganet, il braccio operativo di Ali (Autonomia Locali Italiane), è stato all’insegna della partecipazione di tutti gli stake holder: sono stati coinvolti le minoranze, i cittadini, i gestori, i tecnici comunali. E il risultato è di grande rispetto.

«Il nostro obiettivo non era quello di fare la guerra ai gestori di telefonia: tutti utilizziamo i telefonini e internet – spiega Mariarosa Barazza, presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana -. Le antenne di nuova generazione sono un’infrastrutturazione necessaria a cui è legato lo sviluppo futuro dei nostri territori. Per noi era fondamentale riuscire a dare certezza a tutti gli attori in gioco: i cittadini, sensibili al tema della salute, i gestori a cui lo Stato ha affidato il compito di creare questa rete di infrastrutture essenziali e che devono garantire una copertura ottimale, gli amministratori locali, interessati sia a proteggere i cittadini che il proprio territorio sotto il profilo paesaggistico».

È stato il Comune di Pederobba, con l’assessore all’Ambiente Fabio Maggio e il vicesegretario comunale Graziano Forlin, a coordinare l’iter, complesso, che ha prodotto un regolamento di 18 articoli e per ciascun Comune la mappatura delle stazioni radio esistenti, dei siti idonei per nuove installazioni e di quelli non idonei perché “sensibili” ovvero vicini a parchi pubblici, scuole pubbliche, etc.

L’assessore all’Ambiente Fabio Maggio

«Abbiamo trattato con competenza un tema al centro di roventi polemiche offrendo agli amministratori comunali lo strumento per prevenirle ed evitare che il fenomeno esplodesse diventando ingovernabile – spiega Fabio Maggio, assessore all’Ambiente del Comune di Pederobba e consigliere provinciale -. La legge nazionale ci consentiva poco margine di manovra e quel poco margine lo abbiamo sfruttato tutto a beneficio dei nostri territori e dei nostri cittadini».

Il tema della competenza è particolarmente centrale in un ambito che, in molte occasioni, ha visto annullate le ordinanze dei sindaci contro “antenna selvaggia”. 

I Piani Antenne degli 11 Comune, ora in fase di adozione da parte dei singoli Consigli comunali, puntano ad orientare le nuove installazioni prima di tutto, qualora sia possibile, sui pali già esistenti (qualora le emissioni non superino i parametri di legge), e, in seconda battuta, su aree di proprietà comunale per far sì che i (pur magrissimi) canoni finiscano nelle casse comunali e possano essere reinvestiti a favore della collettività.

Anche questo è un tema centrale, seppur, rispetto ad un tempo, i canoni di locazione delle stazioni radio sono crollati. «Se valevano 20-30 mila euro dieci anni fa per stazione radio base oggi non si arriva a 5 mila».  

L’iter per la redazione e condivisione del regolamento ha portato alla mappatura di 40 mila cespiti tra fabbricati e immobili, all’individuazione di tutte le aree sensibili nei diversi Comuni e al censimento di tutte le aree idonee. In quel territorio di 205 kmq ci sono attualmente 186 antenne già installate e 86 siti idonei identificati, di cui circa la metà nuovi, che potranno ospitare in media da 2 a 3 nuove antenne per Comune.

Il regolamento uguale per tutti gli 11 Comuni prevede inoltre una novità importante: la misurazione delle emissioni elettromagnetiche dei nuovi impianti a scopo di verifica e controllo.

Alla conferenza stampa di presentazione dei Piani Antenne sono intervenuti, oltre a Mariarosa Barazza e a Fabio Maggio, i sindaci Valerio Favero (Possagno), Gino Rugolo (Cavaso), Luciano Ferrari (Monfumo), Claudio Sartor (Cornuda) e gli assessori Diego Longo (Segusino) e Andrea Maccari (Giavera del Montello).

Articoli correlati
AmbienteVeneto

Flavescenza dorata della vite. Soluzioni per debellare il fitoplasma

3 minuti di lettura
Folta presenza di viticoltori e agronomi questa mattina, a Rovarè di San Biagio di Callalta, al Convegno viticolo organizzato dalla Dott.ssa Valentina…
Italia MondoPillole di storia, arte e umanitàSlide-main

Il mare di Israele restituisce una moneta di 1.850 anni

2 minuti di lettura
Una spettacolare e rarissima moneta di bronzo eccezionalmente ben conservata è stata recentemente recuperata dal fondo del mare durante un’indagine archeologica subacquea…
CulturaItalia MondoSlide-mainSport

Le leggende dello sci e la coppa del mondo Cervinia - Zermatt al Cervino CineMountain

2 minuti di lettura
Pirmin Zurbriggen e Piero Gros, Peter Fill e il regista Gerald Salmina, la Streif di Kitzbuehl e la La Matterhorn Cervino Speed…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!