AttualitàSlide-main

4 agosto 1980, la strage dell’Italicus

2 minuti di lettura

Attorno all’una del mattino del 4 agosto 1974, all’uscita dalla “Galleria degli Appennini”, nei pressi della stazione di San Benedetto Val di Sambro, un ordigno ad alto potenziale esplode nella quinta vettura del treno Espresso 1486 “Italicus”, diretto a Monaco di Baviera. Il bilancio è di 12 morti e 48 feriti. Il più giovane è Marco Russo, 14 anni.

All’esplosione seguì un incendio di vaste proporzioni. L’attentato, che determinò la morte di dodici viaggiatori e il ferimento di moltissimi altri, fu rivendicato con un volantino nel quale si leggeva: “Abbiamo voluto dimostrare alla nazione che siamo in grado di mettere le bombe dove vogliamo, in qualsiasi luogo, dove e come ci pare … seppelliremo la democrazia sotto una montagna di morti”.

Alla stazione di Bologna c’è una targa: “Silver Sirotti, del personale viaggiante di Bologna. Immolava la giovane vita ai più alti ideali di umana solidarietà. Treno Italicus, 4 agosto 1974″.

Essere il fratello di un eroe ti riempie di orgoglio e responsabilità, e sento ancora il dovere di essere il portavoce della tua figura esemplare e del tuo nobile gesto capace di salvare vite umane, perché oggi più che mai rappresenti per noi la speranza verso quel futuro migliore che tutti vogliamo” Franco Sirotti, fratello di Silver.

I processi instauratisi a seguito della strage sono stati caratterizzati da esiti diversi – spiega l’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell’Eversione contro l’ordinamento costituzionale dello Stato. – Gli imputati, appartenenti a gruppi dell’estremismo di destra aretino, furono dapprima assolti per insufficienza di prove, poi condannati in grado di appello e, infine, definitivamente assolti nel 1993. Uno degli imputati si renderà peraltro autore – durante le indagini sulla strage – degli omicidi del brigadiere Leonardo Falco e dell’appuntato Giovanni Ceravolo (che stavano procedendo a perquisizione nella sua casa) nonché, dopo l’arresto per tali delitti, dell’omicidio di uno degli imputati che in primo grado erano stati condannati per la strage di Piazza della Loggia a Brescia e che veniva ritenuto disposto a collaborare.

Lo stesso estremista sarà l’autore di un documento nel quale si sottolinea la necessità di portare avanti una “lotta nazionale rivoluzionaria volta a disarticolare il sistema”: documento che, nelle sentenze, sarà considerato fonte ispiratrice dell’operato dei “Nuclei Armati Rivoluzionari” (NAR), gruppo di destra eversiva costituitosi negli anni successivi e del quale faranno parte anche soggetti condannati in via definitiva per la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980.

La Corte di Cassazione, pur confermando l’assoluzione degli estremisti di Arezzo per la strage sul treno Italicus, ha peraltro stabilito che l’area alla quale poteva essere fatta risalire la matrice degli attentati era “da identificare in quella di gruppi eversivi della destra neofascista”.

A simile conclusione era pervenuta anche la Relazione di maggioranza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica “Propaganda 2” (più nota come “P2”), richiamata anche in elaborati della Commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi. Secondo tale Relazione, inoltre, la organizzazione terroristica “di ispirazione neofascista o neonazista operante in Toscana” cui la strage era ascrivibile era stata indotta al compimento di attentati dalla “opera di istigazione” svolta dalla predetta associazione segreta; questa era perciò “gravemente coinvolta” nella strage e poteva “considerarsene anzi addirittura responsabile in termini non giudiziari ma storico politici quale essenziale retroterra economico, organizzativo e morale”.

Articoli correlati
EconomiaSaluteSlide-mainTutela del CittadinoVenezia

Luglio rovente, per l'aria condizionata le famiglie veneziane hanno sborsato il triplo

1 minuti di lettura
Tre giornate con temperature medie di 30 gradi, cosa mai successa nello stesso periodo del 2021. Poi, 16 giorni con “massime” dai…
LifestyleSlide-mainVenetoVenezia

Miss Colà Terme 2022, due veneziane volano alla finale nazionale

1 minuti di lettura
Jesolo il 12 agosto ha ospitato la Finale Regionale di Miss Colà Terme. In palio il prestigioso titolo di “Miss Colà Terme…
IstruzioneSaluteSlide-mainVeneto

Facoltà di medicina. Zaia: “Basta numero chiuso. Tradurre il dibattito in realtà”

1 minuti di lettura
“È giusto che questo dibattito si traduca in realtà: non possiamo continuare a selezionare i nuovi medici pensando che dei ragazzi di…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!