Home / 2019 / maggio

Il mercato libero di luce e gas si conferma in continua espansione, in attesa del passaggio definitivo in programma nel 2020.

 

In attesa di questa data, nuovi competitors entrano in un settore al centro di una grande rivoluzione, mentre i consumatori sono chiamati a confrontarsi con il nuovo paradigma del libero mercato.

 

Gli ultimi dati, riferiti al 2018, raccolti dall’ARERA e pubblicati sul “Monitoraggio dei mercati retail 2018”, mostrano la costante crescita del numero di utenze che si spostano dal vecchio regime al nuovo mercato libero dell’energia.

 

Sono 4,3 milioni le utenze che a dicembre 2018 sono già passate al mercato libero, cifra vicina al 60%, cui vanno aggiunti 13,5 milioni di privati, cifra che rappresenta quasi il 50% delle famiglie italiane.

 

Quelli più inclini alle novità, grazie alla loro maggiore propensione ai cambiamenti, sono le nuove generazioni, con una percentuale elevata di persone dai 20 ai 40 anni che hanno già risposto presente al mercato libero.

 

Questa tendenza è favorita anche dalla maggiore facilità con cui i giovani si informano e cercano sul web le tariffe più adatte alle loro esigenze.

 

Aumentando il numero dei contratti che passano al mercato libero, aumenta anche il numero delle aziende che operano nel settore.

 

Sono ben 554 i gestori e 290 i semplici rivenditori, un numero destinato ancora a crescere anche nel settore della fornitura di gas, arrivato in un secondo momento alla liberalizzazione rispetto a quello dell’elettricità.

 

Questo regime di libero mercato permette alle aziende di entrare nel settore della vendita della luce e del gas, beni primari che in precedenza erano erogati in regime di monopolio dalle aziende nazionali.

 

Questo sistema stimola la concorrenza e l’aumento del numero e tipologia di tariffe disponibili, sempre più rivolte alle specifiche esigenze del cliente, come quelle messe a disposizione da E.ON Energia, uno dei principali operatori energetici in Italia, che si concentra nel proporre prodotti competitivi e per un utilizzo più smart e intelligente dell’energia, nel totale rispetto dell’ambiente.

 

Queste offerte proposte nel mercato libero sono vantaggiose grazie alla possibilità degli operatori di rimodulare il prezzo della componente energia, la quale rappresenta il 60% del costo complessivo che l’utente si ritrova in bolletta.

 

Tutto questo è effettuato mantenendo inalterata la continuità del servizio garantito al cliente e la qualità che è stata offerta finora dal mercato di maggior tutela.

 

L’ARERA, per facilitare gli utenti nel passaggio al mercato libero e alla conseguente scelta del proprio fornitore e tariffa, ha imposto dai rivenditori di garantire la massima chiarezza in bolletta, oltre a dover garantire un semplice e veloce passaggio tra fornitori.

 

Tutto questo consente al cliente di poter scegliere con estrema libertà e tranquillità l’offerta a lui più consona per le sue esigenze di utilizzo della componente gas o energia, un punto importante per garantire che questo mercato sia effettivamente libero e vantaggioso per tutti.

 

Il passaggio ufficiale al mercato libero è stato spostato dal Governo a luglio, tutti gli utenti hanno ancora 13 mesi per informarsi e per arrivare pronti a tale scadenza.

È stata inaugurata sabato 18 maggio presso il Palazzo comunale della Loggia di Noale (VE), in Sala Lancerotto, la mostra Women&Blades, a cura dell’artista Paola Volpato.

 

Questa mostra – dice l’artista – esplora la doppia linea della normalità della vita femminile e la minaccia nascosta e persistente a questa normalità. Un doppio binario su cui corrono le guerre, i valori ed i modi di vita che le donne abitano senza averle decise, ospiti di un mondo di valori capovolti.

 

Le opere

 

Opere di grande formato dove lo sguardo dell’artista si alterna in una narrativa a tratti ironica; ma su cui incombe il dramma e si nasconde la tragedia di vite spezzate dalla cieca violenza della sopraffazione.
Tutto questo avviene senza cedere alla facile volgarità della rappresentazione urlata, esasperata da un linguaggio che troppo spesso procede per semplificazioni e schematismi preconcetti.

 

 

 

Lo stile

Volpato – ai toni sopra le righe – preferisce mostrare le cose di ogni giorno, del lavoro, del divertimento, dello stare in compagnia, dell’abbandono al mondo dei sogni. Ma queste azioni che contengono una grazia senza tempo,
si scontrano silenziosamente con i campi minati, la violenza alle donne, la minaccia della sopraffazione, la distruzione della natura.

 

Info

Orari di apertura: martedì, giovedì e sabato: 16-19,30 – domenica: 9,30-12,30, 16-19.30.

Ingresso libero

Con l’atterraggio all’aeroporto Marco Polo di Venezia, avvenuto ieri mattina, si è conclusa nel migliore dei modi la trasferta internazionale della nostra Under 14.

 

La delegazione biancoblù venerdì scorso è volata a Barcellona per una visita alla città, la visione di un incontro di Rugby a 13 (Rugby League) tra i Catalans Dragons e la squadra inglese dei Wigan Warriors, svoltasi al Camp Nou, lo stadio del Barcellona FC, e una amichevole con i pari età catalani del Barcellona Rugby FC.

 

Sul piano tecnico, si sono confermate in campo le ottime qualità dei nostri ragazzi, ma quello che è emerso dal punto di vista umano è altrettanto confortante.
Non bastano poche righe per descrivere i numerosi aneddoti nei quali i ragazzi hanno dimostrato spirito di amicizia, solidarietà e piacere nello stare insieme, qualche volta esuberante, ma mai oltre i limiti dell’educazione.

 

Tra tutti, ci viene raccontato dai dirigenti il sostegno (nel vero senso della parola) prestato a un compagno zoppicante per le carezze ricevute in partita e che, a turno, è stato trasportato in spalla durante le varie visite culturali di giornata.

 

Questa esperienza altamente formativa, resa possibile in primis dalla generosità degli  (“CP System Srl” e “Bacaro e Trattoria da Fiore”) e poi dalla tenacia della Società e degli accompagnatori nell’organizzazione, dimostra ancora una volta che i sogni si possono realizzare e diventano occasione di crescita ed esempio per tutti.

 

 

 

I risultati dei due impegni sportivi sostenuti

Barcellona – Mogliano: 27 – 31 (5 – 24)
Mete: 5 – 5
Trasformazioni: 1 – 3
Marcatori: Marcaggi (2), Bertolissi, Bellotto e Yakovlyev
Trasformazioni: Marcaggi (2) e Gallinaro (1)

 

Barcellona 7’s – Mogliano 7’s: 17 – 36
Mete: 3 – 6 Trasformazioni: 1 – 3
Marcatori: Gallinaro, Favaro, Bertolissi (3) e Marcaggi
Trasformazioni: Marcaggi (3)

Domenica scorsa, nella stupenda location di Villa Braida di Mogliano, il Roma Club Treviso si è riunito per un incontro conviviale, stringendosi affettuosamente attorno alle vecchie glorie della Roma Dino Da Costa e Fabio Enzo.

 

Il Roma Club Treviso è stato ora intitolato al giocatore Dino Da Costa, al quale è stata consegnata una targa ricordo.

 

Presenti alla riunione anche il sindaco di Mogliano Carola Arena, l’assessore Ferdinando Minello, il Presidente del Roma Club Treviso, Sandro Perazza, rappresentanti del Roma Club Trento e del Roma Club Trieste e una sessantina di soci entusiasti.

Nonostante il meteo avverso, la XIV edizione di Fiera4passi ha registrato un’ottima partecipazione di visitatori e di persone che hanno gremito gli incontri organizzati in Auditorium e nello spazio “Un’ora con…”
Emozionante il concerto tenuto dall’”Orchestra Terza Eccedente Coletti”, trenta ragazzi e ragazze tra i 14 e 18 anni, pianoforte, violini, violoncelli, chitarre classiche e flauti traversi, esibizione che ha inneggiato alla libertà e alla gioventù.

 

Durante tutta la giornata di domenica, di scena “l’orgoglio equo”, l’equo-pride che ha visto, tra gli altri protagonisti, Ken Webster, ricercatore alla University of Exeter Centre for Circular Economy di Londra, che ha affrontato in profondità il tema dell’economia circolare, partendo dalla filosofia del design “dalla culla alla culla”, come strumento di innovazione che tiene conto perfettamente dell’ambiente, dell’aspetto economico e del risparmio, migliorando il mondo per le generazioni future.

 

In chiusura, al microfono di Maria Pia Zorzi, giornalista Rai, Paolo Rumiz ha presentato il suo ultimo libro “Il filo infinito” viaggio nelle abbazie benedettine dall’Atlantico alle sponde del Danubio, per riflettere su un’Europa che non è dono gratuito ma conquista, un intreccio di fili e relazioni.

 

Ringraziamo i 120 espositori che hanno dimostrato grande spirito di adattamento e comprensione per i disagi causati dal maltempo – dichiara Mirko Della Libera, Presidente della cooperativa Pace e Sviluppo – Preziosi come sempre gli oltre 300 volontari e i 30 studenti dell’alternanza scuola-lavoro che hanno prestato servizio nei tre giorni di Fiera. Il tema scelto in questa XIV edizione ha confermato essere di grande interesse e attualità, a dimostrazione che i nostri “quattro passi” verso un mondo migliore stanno andando nella giusta direzione.”

Prendiamo spunto dal gesto del Cardinale che ha infranto i sigilli in un palazzo di Roma occupato abusivamente da persone indigenti, per segnalare ai moglianesi una vicenda ai limiti del grottesco e per alcuni versi analoga, che si trascina da più di due anni tra l’indifferenza e l’inerzia delle Autorità competenti.

 

Il fatto

Il fatto ci viene segnalato dal dott. Stefano Weisz. “Nel 2016  due fratelli di origine serba – racconta Weisz – proprietari di una piccola azienda edile, con la scusa di voler acquistare un ufficio, contattavano la signora proprietaria dei locali e con astuti sotterfugi ed approfittando della buona fede della donna, e con la scusa di entrare nell’immobile per rendersi conto dei lavori da eseguire per adeguarlo alle loro esigenze, si facevano consegnare le chiavi”.

 

La proprietaria

“La proprietaria la sera stessa ha dovuto assentarsi per alcuni giorni, ma al suo ritorno aveva l’amara sorpresa di scoprire che uno dei due fratelli si era installato nell’immobile con tutta la sua famiglia. Non solo aveva asportato i mobili, gli arredi, attrezzature e documenti preesistenti nei locali, eseguito dei lavori, senza permessi, che riteneva necessari per godere dell’abitazione”.

 

I reati

“Vari i reati commessi in questo caso: circuito ed imbrogliato l’anziana proprietaria, derubata dei beni mobili, anche di valore, contenuti nell’immobile, eseguito lavori edili senza autorizzazione, occupato un immobile illegalmente cambiando addirittura la serratura della porta d’ingresso. Attualmente abitano in un immobile destinato ad uso direzionale e non residenziale espropriando la legittima proprietaria con la frode e con l’inganno.”.

 

La denuncia

“Dopo vari inutili tentativi della proprietaria di giungere ad una composizione amichevole della situazione, – prosegue Weisz – la signora si è rivolta con un esposto alla Procura della Repubblica di Treviso che a sua volta a trasmesso il fascicolo per competenza alle Autorità comunali di Mogliano. La Polizia locale dopo indagini ha rilevato nella fattispecie solo l’abuso edilizio trascurando l’illegitimità della permanenza degli occupanti in locali in uso stabile dirigenziale e non già residenziale.”.

 

“Sono passati ormai due anni ma tutto tace e gli abusivi, che non sono degli indigenti, continuano impunemente nella loro occupazione protetti dall’assenza di una adeguata e doverosa azione delle Autorità cittadine competenti per ripristinare la legalità. Queste persone stanno godendo del tutto gratuitamente del bene scippato fraudolentemente”.

 

L’ingiunzione

“Infine – conclude Weisz –  la proprietaria si è vista recapitare dall’amministratore del condominio un’ingiunzione di pagamento per oltre 6.000 euro per la perdurante morosità degli occupanti. Ritengo che uni dei doveri fondamentali di un sindaco sia la vigilanza dell’illegalità, presupposto indispensabile per assicurare ai cittadini la pace sociale e la sicurezza”.

Tanta buona musica presente nel programma della stagione teatrale estiva 2019 del Busan; ecco l’elenco degli appuntamenti:

 

Tullio Solenghi
Trio d’Archi di Firenze
Mittente: Wolfgang Amadé Mozart
Lettere e Divertimento per trio d’archi KV563
Martedì 21 maggio · ore 21 – Teatro Busan, Mogliano Veneto

Elio
Scilla Cristiano
Opera Buffa!
Il Flauto Magico e cento altre bagatelle…
Lunedì 10 giugno · ore 21 – Piazzetta Teatro, Mogliano Veneto
In caso di maltempo, lo spettacolo andrà in scena presso il Teatro Busan

 
Peppe Servillo
Pathos Ensemble
L’histoire du Soldat
Un percorso a ritroso tra le due guerre mondiali
Martedì 18 giugno · ore 21 – Piazzetta Teatro, Mogliano Veneto
In caso di maltempo, lo spettacolo andrà in scena presso il Teatro Busan

Banda Osiris
Le dolenti note.
Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti
Lunedì 24 giugno · ore 21 – Piazzetta Teatro, Mogliano Veneto
In caso di maltempo, lo spettacolo andrà in scena presso il Teatro Busan

 

Info e prenotazioni: http://www.cinemabusan.it/stagione-teatrale-estiva-2019/

Il volume della giornalista veneziana in grado di raccontare la storia come una bella favola, è costituito da una raccolta di racconti, conferenze, appunti di storia, articoli giornalistici, che hanno per protagonisti personaggi di varie epoche: uomini e donne speciali come l’imperatrice Elena Augusta fino ai Finzi, editori del Corriere di Tunisi, passando attraverso la Serenissima Repubblica di Venezia.

 

Questa sera, alle 18, nella Sala delle Stagioni del Caffè Florian, il direttore artistico del Caffè Stefano Stipitivich presenta il libro di Barbara Marengo.

 

L’autrice

Barbara Marengo, moglie di un diplomatico, nutre le sue pagine di passione, vita, intelligenze, etica, rinunce, sofferenze, inquietudini ed errori; ma anche di splendidi luoghi e avvenimenti con il comune denominatore del Levante, cioè il Mediterraneo, culla di moltissime civiltà, ma anche teatro di molte guerre e divisioni.

 

I luoghi di cui parla l’Autrice sono da lei conosciuti e vissuti in prima persona: Costantinopoli, Bisanzio, l’isola di Paro nelle Cicladi, Grecia, Turchia e Tunisia. Da questa “prima linea” scaturisce il racconto della nostalgia e difficoltà di Cecilia Venier e di Cleopa Malatesta; vissute lontano da casa seppur entrambe vincenti o la sete di sapere della veneziana Elena Lucrezia Corner Piscopia prima donna laureata all’Università di Padova nel 1678 (in filosofia, non era ammissibile allora per una donna lo studio della teologia).

 

Venezia Protagonista

Venezia è comunque protagonista, punto di partenza e di arrivo delle storie raccontate; “porta del Levante”, intimamente presente nel cuore della Marengo da essere portata ovunque, con grande orgoglio di appartenenza. L’ultima storia è dedicata a Veronica Franco “cortigiana onesta” e letterata, amica del nobile Domenico Valier, che lottò in anni assai lontani per la realizzazione di una casa/rifugio per prostitute povere e in generale per la tutela delle donne più deboli.

 

Citazioni

L’Autrice riporta inoltre una frase di Veronica Franco sugli uomini. Anche noi abbiamo mani, piedi e cuore come loro, e anche se siamo delicate e tenere, ci sono uomini delicati che possono essere forti e uomini volgari e violenti che sono dei codardi. Le donne non hanno ancora capito che dovrebbero comportarsi così, in questo modo riuscirebbero a combattere fino alla morte per dimostrare ciò che è vero. Sarò la prima ad agire ergendomi a modello…

I Treviso Bulls, squadra di hockey in carrozzina fondata nel 2013, hanno terminato il 14 aprile scorso la regular season nel girone B del campionato Nazionale di Serie A2; ora si preparano ad affrontare nei play-off le capoliste degli altri tre gironi e le due migliori seconde della categoria.

 

Dal 21 al 26 maggio infatti si svolgeranno a Lignano, presso il Bella Italia EFA Village, le fasi finali dei campionati di A1 e A2; lì si decreterà rispettivamente la classifica finale della massima serie con la vincitrice dello scudetto e le due squadre che verranno promosse in A1.

 

I Treviso Bulls si sono scontrati, nel corso della stagione 2018/2019, con la neonata compagine degli Avengers Padova; oltre ai consolidati Friul Falcons Udine e gli esperti Tigers Bolzano. I ragazzi di Treviso hanno concluso la regular season a 12 punti e, come prima squadra del girone, strappano il pass per le fasi finali, con l’obiettivo di migliorare il 4° posto dello scorso anno e tentare di raggiungere la 3° posizione.

 

Gli aggiornamenti sui risultati e sulle dirette streaming delle partite verranno comunicati sulla pagina Facebook Treviso Bulls.

L’oriente torna ad essere protagonista in via Verdi con un evento straordinario proposto dall’Associazione Culturale Coreana del Veneto e Via Verdi Viva in collaborazione con il Comune di Venezia – Le Città in Festa.

Ad esibirsi sarà il gruppo di arte popolare tradizionale coreana Cheong-Choon in tour in Italia e impegnato a trasmettere e conservare le tradizioni coreane mediante balli e canti popolari.
Ad esibirsi saranno numerosi musicisti e cantanti accompagnati da ballerine nei tipici abiti coreani.

L’evento ha la sua genesi nella rete di contatti e relazioni sviluppate proprio nelle attività di via Verdi, a dimostrare quanto queste siano importanti per la vita della città ed il tessuto economico e sociale.

La collaborazione con tra l’Associazione Culturale Coreana del Veneto e Via Verdi Viva portò già lo scorso anno ad un grande evento, Oriente, che vide in via Verdi una serie di attività culturali e musicali legate al mondo orientale. La partecipazione all’evento fu molto numerosa e molti furono gli apprezzamenti da parte dei presenti.

In caso di pioggia l’evento si svolgerà nella sede dell’Associazione Culturale Coreana del Veneto in via Verdi 34.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni