Home / 2019

Questa mattina i Vigili del Fuoco di Conegliano sono intervenuti a Fontanelle, dove da una cisterna di una cantina si sono sversati nel vicino fiumiciattolo centinaia di litri di vino.

A causare il danno la rottura di una valvola. Il vino ha provocato una densa schiuma sull’acqua e una grande allegria in tutti i pesci del piccolo corso d’acqua.

 

Ieri mattina, verso le 9.30, quattro giovani italiani di origine cilena si sono introdotti nei magazzini Coin di Corso del Popolo a Treviso.
I quattro, dopo esseri aggirati con fare sospetto, si sono attaccati nel reparto profumeria e hanno rubato alcuni profumi.
Sorpresi dal personale, sono fuggiti danneggiando la porta d’ingresso.

 

Le forze dell’ordine accorse, dopo aver visionato i filmati delle telecamere interne, sono partiti alla caccia dei quattro.
I giovani sono stati rintracciati alla stazione delle corriere. Perquisiti, due di loro sono stati trovati in possesso della refurtiva del valore di 500 euro e di coltelli e arnesi atti a eliminare i dispositivi antitaccheggio.
Uno dei quattro è stato arrestato, mentre gli altri tre sono stati denunciati a piede libero.

 

Fonte: Treviso Today

Per i winelover arriva il mini corso che permette di imparare in tre lezioni i segreti dei sommelier professionisti. Ais Veneto, delegazione di Treviso, in collaborazione con la cantina Ca’ di Rajo di San Polo di Piave (TV), propone “Giù in cantina”, un corso di tre lezioni per avvicinarsi al mondo del vino con un metodo professionale.

 

Le lezioni si terranno nella sede della cantina a Rai di San Polo di Piave, nei lunedì 4, 11 e 18 febbraio.

 

“Giù in cantina” nasce con l’obiettivo di andare incontro alle esigenze di tutti coloro che non hanno la possibilità di frequentare un intero corso Ais ma desiderano comunque avvicinarsi al mondo del vino. Un modo diverso di interpretare la formazione che Ais Veneto vuole offrire ad appassionati ed operatori, utilizzando un approccio semplice e diretto.

 

Ogni lezione si apre con una breve introduzione agli argomenti in programma. Alla sezione teorica segue una degustazione guidata di tre vini significativi della cantina Ca’ di Rajo, in funzione dei temi trattati, e accompagnata da prove pratiche di servizio.

 

Cenni sulle tecniche di produzione, sulle unicità del territorio e quindi dell’esame visivo del vino nella prima lezione. Si prosegue nella seconda con quello olfattivo, dopo aver conosciuto la storia dell’azienda. Si chiuderà con quello gustativo nella terza con indicazioni per un buon abbinamento.

 

Il costo completo di partecipazione riservato ai nuovi soci è di € 90,00 (compresa la quota associativa ridotta annuale Ais di 40€) e comprende una serie di benefit, come l’iscrizione per un anno ad Associazione Italiana Sommelier e ad Ais Veneto, con la possibilità di accedere a tutte le iniziative con le tariffe esclusive dedicate ai soci, compreso lo sconto del 10% per la partecipazione a un eventuale corso professionale Ais di primo livello, nonché di ricevere la rivista regionale Sommelier Veneto.

Info e iscrizioni

Il Comune di Casale sul Sile ha il piacere di comunicare che, a partire dall’anno 2019, viene introdotta l’assegnazione dei premi “Sportivo dell’anno” e “Una vita per lo sport”.

 

Il premio “Sportivo dell’anno”

Sarà destinato ad atleti/e o ad associazioni/società sportive di Casale sul Sile, che si siano particolarmente distinti a livello sportivo nel corso dell’annata sportiva

 

Il premio “Una vita per lo sport”

Sarà destinato ad ex atleti/e o ad allenatori o a dirigenti di Casale sul Sile, anche non più in attività, che abbiamo raggiunto risultati di rilievo nel corso della loro carriera o che abbiano contribuito a promuovere i valori dello sport o a migliorare la qualità dello sport a livello locale, regionale o nazionale.

 

 

I premi sono stati istituiti per valorizzare lo sport e sensibilizzare con un esempio positivo tutte le persone che praticano o si avvicinano a questo mondo.

 

C’è tempo fino al 16 febbraio per votare, compilando il modulo e inviandolo via posta al Comune o via e-mail ([email protected]).

 

I vincitori saranno premiati durante i festeggiamenti di Carnevalando. Leggi avviso. Leggi Regolamento.

La Polizia locale e la Protezione civile del Comune di Venezia informano che dal pomeriggio di oggi, 22 gennaio, entrerà in vigore lo stato di allarme neve per possibili nevicate che si potrebbero verificare sul nostro territorio.

 

In base alle previsioni di Arpav Veneto, infatti, tra la tarda serata di oggi e il primo mattino di giovedì saranno probabili alcune fasi di deboli precipitazioni, in prevalenza nevose anche in pianura. Gli eventuali accumuli in pianura saranno molto variabili, indicativamente fino a qualche centimetro (0-5 cm). Sono inoltre previsti rinforzi di Bora tra mercoledì sera e giovedì mattina.

 

In base a quanto previsto dal Piano Neve, dalle 20 di questa sera uomini e mezzi saranno operativi su tutto il territorio comunale in attività di prevenzione: 9 spargisale entreranno in azione lungo la viabilità carrabile della Terraferma, 1 al Lido, 1 a Pellestrina, 1 a Sant’Erasmo. Operatori Veritas interverranno nelle attività di spargimento di sale ed eventuale spazzamento di tutti i percorsi pedonali.

 

Si raccomanda agli automobilisti di guidare con la massima prudenza.

Dopo diciotto lunghissimi anni di silenzio e di oblio, riparte il tradizionale Carnevale Campaltino.

Questo era un importantissimo appuntamento per tutti i cittadini di Mestre che portavano i loro figli ad assistere alla sempre bella sfilata di carri allegorici.

 

Finalmente una vecchia e amata tradizione mestrina torna a rivivere. Il prossimo 3 marzo questo stupendo evento carnevalesco riparte per la gioia dei più vecchi, che ricorderanno con una lacrima i tempi andati, e anche dei giovani, che troveranno un’occasione da condividere con i loro padri e un momento di sano divertimento.

 

Pubblichiamo qui di seguito la locandina del Carnevale Campaltino del 1984.

 

Come di consueto, si avvicina l’appuntamento di Dosson che vede protagonista il radicchio rosso di Treviso IGP.

Per dieci giorni, infatti, dal 25 gennaio al 3 febbraio 2019, il radicchio rosso di Treviso IGP potrà essere degustato in accompagnamento a moltissime altre pietanze.

 

E per iniziare alla grande, venerdì 25 gennaio, gli esponenti dell’associazione Produttori radicchio rosso di Dosson saranno ospiti alla trasmissione Giro di Tacco in onda su SorrrisoTV (ai canali 74 e 688) dalle 13 alle 14.30, con Roberto, Gennaro e Tony!

 

Info e prenotazioni

338.8268034
347.7188354
349.5000520

0422.382402

[email protected]it
www.radicchiorossodosson.it

 

 

Domani sera a San Fior un vademecum per evitare le truffe, orientarsi nella scelta dell’operatore e imparare a leggere la bolletta

 

Mercato libero dell’energia e del gas: proseguono gli incontri organizzati dalla Federazione Pensionati Cisl Belluno Treviso – zona di Conegliano e dall’Adiconsum Venetoper informare i cittadini riguardo alle novità sul passaggio al mercato libero. Il prossimo appuntamento è fissato per domani, mercoledì 23 gennaio alle 20.15, nella sala polifunzionale del municipio di San Fior.
L’incontro è organizzato con la collaborazione dell’Associazione Anziani e il patrocinio del Comune. “Come leggere la bolletta e come orientarsi nella scelta dell’operatore nel mercato libero” è il titolo dell’iniziativa, che vedrà l’intervento di Walter Rigobon, presidente regionale di Adiconsum e di Franco Marcuzzo, referente per la zona di Conegliano della Cisl Fnp.

 

La legge della concorrenza approvata nel 2017 prevede la fine del mercato di tutela per l’energia elettrica e il gas dal 1° luglio 2020. Ciò significa che da quella data, i consumatori potranno scegliere a quale azienda affidarsi per i contratti della luce e del gas in un mercato libero, nel quale gli operatori lavoreranno in regime di piena concorrenzialità. Le imprese hanno già iniziato la campagna pubblicitaria per conquistare una fetta di mercato importante, tenendo conto che le famiglie che in Italia non hanno ancora scelto il mercato libero sono circa 20 milioni.

 

“Sarà una battaglia senza esclusione di colpi da parte dei venditori per trovarsi al primo luglio 2020 ben posizionate nel mercato libero e consolidare la loro capacità di vendita – spiega Walter Rigobon, presidente Adiconsum Veneto -. L’oggetto del desiderio resta, sempre e comunque, il consumatore, al quale già da tempo viene offerto un contratto con risparmi spesso non realistici o limitati nel tempo. Con l’attuale normativa le aziende devono provvedere a formulare una offerta che si chiama placet, che potrà essere confrontata nel sito di Arera (autorità di tutela) con altre presenti nel mercato. Il consumatore non ancora completamente informato di quello che rappresenta il mercato libero si trova quindi in una condizione di obiettiva difficoltà”.

 

“Sempre più anziani – riferisce Franco Marcuzzo, referente della zona di Conegliano della Fnp Cisl Belluno Treviso – ci chiamano per avere chiarimenti e per informarci che vengono contattati tramite il porta-a-porta da promoter di aziende del libero mercato che chiedono anche in maniera insistente copia delle bollette dell’Enel. I cittadini sono disorientati e temono di essere truffati o comunque di fare delle scelte senza le necessarie informazioni. Con Adiconsum abbiamo deciso di organizzare un percorso informativo con ha avuto finora un ottimo riscontro a livello di interesse e partecipazione. Dopo quelle di Mareno di Piave, Pieve di Soligo e di San Fior mercoledì, abbiamo già altre date in programma e siamo disponibili a organizzarne altre qualora i comitati comunali della Fnp ne evidenzino la necessità”.

 

Adiconsum ha anche preparato un vademecum per non incappare in truffe o contratti-capestro
• evitare di sottoscrivere di contratti a distanza (telefonici in particolare);
• prima di sottoscrivere un contratto accertarsi dei contenuti dello stesso e, in caso di dubbi, rivolgersi all’Adiconsum; 
• attendere l’approssimarsi del 30 giugno 2020 prima di scegliere un nuovo operatore;
• nell’eventualità di scelta prima del 30 giugno 2020 valutare, oltre al costo del prodotto, anche la qualità del servizio offerto, ad esempio verificando se nel territorio siano presenti o meno sportelli fisici per i consumatori;
• successivamente alla definizione della normativa, attualmente ancora in corso, valutare l’adesione a gruppi d’acquisto che saranno costituiti anche da Adiconsum.

In questi giorni è previsto l’arrivo di un’ondata di freddo polare, con temperature in picchiata fino a 10 gradi sottozero la notte e nelle prime ore del mattino. Freddo che porterà con sé il gelo, aumentando la difficoltà di alimentarsi per gli uccellini ma anche per gli animali randagi. Da qui la necessità di dare una mano ai nostri fratelli piumosi e pelosi in questi giorni difficili per loro: a spiegarlo è l’associazione animalista AIDAA in una nota in cui dispensa una serie di consigli semplici e utili per aiutarli.

 

UCCELLINI

Per loro è davvero dura in questi giorni di freddo procurarsi il cibo, dunque invitiamo tutti ad esporre sui balconi delle piccole mangiatoie (ne esistono di già pronte in legno o che possono essere realizzate in materiale di riciclo come ad esempio le bottiglie di plastica) contenenti piccoli pezzettini di grasso e carne avanzata, croste di formaggio, briciole di dolci, frutta fresca e secca e miscele di semi. Le mangiatoie vanno rifornite regolarmente ma senza riempirle fino all’orlo, in quanto a causa del freddo parte del cibo potrebbe deteriorarsi.

Le mangiatoie vanno messe in zona non raggiungibile dai gatti in quanto i felini dotati di un imponente scatto rischiano di catturare e uccidere gli uccellini che si fermano sul vostro balcone o nel vostro giardino per ristorarsi.

 

GATTI

Se sappiamo esserci una colonia felina, o semplicemente dei gatti randagi che sono in cerca di cibo e vivono nella nostra zona, ricordiamoci di mettere loro le ciotole del cibo secco e umido in una zona riparata. Infatti i croccantini con l’umidità rischiano di deteriorarsi, mentre la pappa umida potrebbe anche congelare, e i nostri amici felini affamati potrebbero mangiare del cibo che può fare loro male. Cambiare il cibo due volte al giorno e lasciare in luogo riparato anche la ciotola dell’acqua fresca (che di notte rischia regolarmente di gelare). Se vi va, lasciate aperta qualche finestra delle cantine o di locali dove non ci siano pericoli per i nostri amici a quattro zampe, in modo che possano ripararsi per la notte e combattere il freddo.

 

CANI

Anche per i cani randagi valgono le regole dei mici: mettete sempre una ciotola con cibo e una con acqua in un ambiente riparato e rifornitele quotidianamente, perché a causa del freddo il cibo lasciato troppo a lungo potrebbe deteriorarsi.

Anche per loro, se qualcuno ha possibilità, lasci aperta la porta di un sottoscala o di un locale dove non ci siano dei pericoli e mettere a terra delle coperte in modo che cani e gatti possano trovare un po’ di riparo, specialmente nelle notti più fredde.

 

 

ALTRI ANIMALI SELVATICI

Potete seguire eventuali consigli forniti dal corpo forestale dello stato. Rivolgetevi al 1515 prima di prendere qualunque iniziativa per favorire l’alimentazione, specialmente se si tratta di animali del bosco o di selvatici di grossa mole.

Ieri la FIGC ha abilitato ad Allenatore di base 42 nuovi tecnici – provenienti tutti dal corso tenutosi a Preganziol nel periodo dal 17.09.2018 al 15.12.2018 – che ora potranno allenare tutte le prime squadre fino alla Serie D compresa e tutte le giovanili (con l’esclusione delle formazioni Primavera e Berretti), oltre alle squadre femminili militanti nei campionati fino alla Serie C.

 

 

Tra i nuovi coach spuntano i nomi di:

Melania Gabbiadini, sorella di Manolo (attaccante della Sampdoria). Nel suo palmares 5 scudetti, 2 coppe Italia e 3 Supercoppa, oltre a essere stata nella hall of fame 2017 FIGC e ad aver conseguito 114 presenze in Nazionale femminile con 45 reti;

Alessandro Buccolini, già Coach UEFA C Grassroots, unico cittadino di Preganziol;

Alessandro Beccia, centrocampista/difensore sinistro attualmente nel San Donà militante in Serie D;

Oscar Chies, allenatore dell’ASD San Fior, squadra attualmente prima in Terza categoria nel girone A e finalista di Coppa.

 

 

Il corso si è articolato in circa 152 ore di lezione, suddivise in 7 settimane, durante le quali sono stati affrontati argomenti come la tecnica e la tattica calcistica, la metodologia dell’allenamento, la psicologia, la medicina sportiva, le carte federali e il regolamento di gioco.
Non sono mancate inoltre le lezioni di primo soccorso BLS-D.

 

 

Ogni corsista ha svolto giornate di tirocinio sia presso società professionali che dilettantistiche, compresi i rispettivi settori giovanili.
Per poter essere promosso, ognuno ha poi dovuto superare un esame pratico sul campo (preparare e dirigere un allenamento) e altri esami teorici (su tutte le materie didattiche affrontate).

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni