Home / 2018 / luglio

Alle 15 circa, i sommozzatori dei vigili del fuoco hanno recuperato il subacqueo – un 59enne trevigiano – scomparso sabato scorso a largo di Cortellazzo. Il corpo si trovava a venti metri di profondità a circa 400 metri dal punto iniziale di ricerca. Alcuni operatori a bordo delle imbarcazioni di ricerca dei vigili del fuoco e della guardia costiera avevano notato delle bollicine venire in superficie, il controllo successivo con l’imbarcazione “Side scan Sonar” ha confermato una sagoma nel fondale, dando il via alle operazioni di verifica e recupero. Lo sfortunato sub è stato caricato a bordo dell’imbarcazione strumentale per essere portato al molo della guardia costiera di Jesolo a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Vademecum dell’ENPA per proteggere gli animali domestici dalle alte temperature

 

A soffrire le conseguenze dell’intensa ondata di calore che in questi giorni sta interessando il Paese non sono soltanto gli esseri umani ma anche gli animali domestici. In particolare capita sovente che ci segnalano cani tenuti a catena e senza la possibilità di fruire di alcuna zona d’ombra, nel qual caso potrebbe configurarsi il reato di maltrattamento*.

 

Ecco 10 regole per preservare la salute degli animali nei giorni più caldi e per tutta l’estate – senza dimenticare gli ospiti selvatici che frequentano i nostri giardini!

 

1. Non lasciare mai un animale incustodito in auto.

Non “dimenticare” mai un animale incustodito dentro l’auto: in questo periodo la temperatura interna dell’abitacolo sale rapidamente, anche con i finestrini aperti, e può raggiungere fino a 70°. Lasciarli nell’abitacolo dunque è una disattenzione che può ucciderlo. Un animale lasciato in queste condizioni può morire in poco tempo; bastano anche solo 10 minuti – il tempo di fare una spesa veloce – per condannarlo a una morte orribile.

 

2. E se si vede un animale chiuso in auto al sole…

Se si dovesse notare un animale chiuso all’interno di un’automobile prestare attenzione ai sintomi di un colpo di calore (se sembra abbattuto, ha problemi nella respirazione, o ha la bava alla bocca, probabilmente è già in serio). In questi casi un intervento immediato può salvargli la vita: se non si riuscisse a rintracciare il proprietario dell’autovettura, chiamare immediatamente le forze dell’ordine – compresa la Polizia Locale del comune interessato – che interverranno in caso di comprovata emergenza. I numeri di telefono 112 (Carabinieri), 113 (Polizia di Stato), 115 (Vigili del Fuoco) e 1515 (Corpo Forestale) sono tutti utilizzabili anche per questi casi.

Fino al loro arrivo, è necessario cercare di creare ombra sistemando ad esempio alcuni giornali sul parabrezza e di versare dell’acqua all’interno per bagnare l’animale o, se possibile, di farlo bere attraverso un’eventuale fessura del finestrino. In casi estremi è accaduto che cittadini abbiano rotto il finestrino dell’automobile per soccorrere il quattrozampe ed evitargli una morte certa. In queste circostanze l’Enpa, considerando prevalente la salvezza dell’animale, offre il proprio sostegno legale. Tuttavia, tenete ben presente che rompere il finestrino deve essere un atto estremo, da compiere solo come ultima possibilità per scongiurare pericoli al cane. Rompere un finestrino con leggerezza senza aver valutato la situazione può portare solo guai, infatti:

– rompere il finestrino di un auto è reato
– il cane potrebbe spaventarsi e scappare una volta liberato (e anche essere investito)
– se lo portate via lo state “rubando” a tutti gli effetti. Si tratta di furto aggravato tra l’altro
– il proprietario potrebbe tornare dopo pochi minuti

 

L’unico articolo del codice penale che a nostro parere può aiutarci è il 54, che recita: Art.54 c.p. Stato di necessità. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.

 

Questo significa che in mancanza dell’intervento immediato delle forze dell’ordine, sfondare un finestrino dell’automobile per salvare la vita al cane chiuso all’interno, può essere ritenuto legittimo. Attenzione però: l’articolo parla di “danno grave alla persona”, e anche se più volte è stato interpretato estensivamente dai giudici, non è detto che accada sempre.

 

In caso di ipertermia (la pelle scotta, l’animale barcolla o ha difficoltà a respirare) è necessario abbassargli la temperatura bagnandoli con acqua fresca e applicando nell’interno coscia i siberini (i contenitori quadrati che contengono acqua ghiacciata e che vengono usati per tenere bassa la temperature dei frigoriferi portatili) coperti con una busta o con del tessuto per evitare di ferire la pelle dei quattrozampe.

 

3. Assicurarsi che gli animali abbiano sempre accesso all’ombra e acqua fresca in abbondanza.

Questo è importante anche e soprattutto per i cani tenuti nelle ditte, negli orti o nei recinti (specie se a catena), e quindi meno controllati rispetto a quelli in appartamento. Riponete il contenitore (più grande è, meglio è) dell’acqua sempre all’ombra e cambiatela più volte al giorno.

Evitare sempre l’esposizione al sole diretto, anche nel caso dell’animale che passa alcune ore da solo in casa, in giardino/cortile o in terrazza. In caso di colpo di calore (ipertermia) – se ha la pelle che scotta, barcolla o cade a terra, e ha difficoltà a respirare – è necessario abbassargli la temperatura mettendogli abbondante acqua fresca su tutto il corpo e contattare immediatamente il veterinario.

 

4. Non costringere i cani a sforzi eccessivi.

Nei giorni più caldi portare il cane a passeggio di mattina e di sera per evitare che si bruci le zampe sul suolo caldo e per diminuire il rischio di ipertermia. A maggior ragione se si tratta di un animale anziano e/o con difficoltà respiratorie. Durante le passeggiate avere sempre a disposizione una bottiglietta di acqua e una ciotola.

Da evitare anche le gare o le attività sportive.

 

5. Prevenire le scottature.

Come le persone, anche gli animali possono scottarsi al sole! Per proteggerli, è sufficiente applicare una crema solare ad alta protezione alle estremità bianche (specie le punte delle orecchie) del cane o gatto prima di farlo uscire.

 

6. Tenere l’acquario fuori dal sole diretto.

Per i pesciolini: l’Enpa ricorda che obbligare questi animali a vivere in un acquario significa infliggere loro inutili sofferenze. Tuttavia, chi dovesse possedere un acquario non dovrebbe esporlo al sole diretto. È inoltre importante cambiare l’acqua regolarmente avendo cura di togliere le alghe che si formano. Chi avesse un laghetto in giardino deve riempirlo regolarmente per compensare l’acqua che evapora e sostituire così l’ossigeno perso. Lo stesso vale per canarini e criceti che non dovrebbero essere costretti alla cattività e che, comunque, non dovrebbero mai essere lasciati sul balcone al sole diretto; le gabbiette vanno posizionate in un luogo fresco, arieggiato e ombreggiato.

 

7. Non lasciare il canarino sul balcone al sole diretto.

Assicurarsi che la gabbia dell’uccellino sia posizionata in un luogo fresco, arieggiato e ombreggiato.

 

8. Controllare per la presenza di parassiti esterni.

Con il caldo arrivano anche le pulci, le zecche e gli acari, quindi bisogna controllare regolarmente il pelo dei quattrozampe per verificare l’eventuale presenza di questi visitatori indesiderati. E’ consigliabile anche per questo motivo far tosare i cani a pelo lungo o semi-lungo all’inizio della stagione caldo.

Applicare preventivamente un antiparassitario idoneo per la sua specie e taglia. Consultare sempre il veterinario di fiducia per avere indicazioni e suggerimenti al riguardo; alcuni antiparassitari per cani, ad esempio, sono letali per i gatti..

 

9. Controllare ogni giorno gli animali per l’eventuale presenza di uova di mosche.

Le mosche possono depositare le proprie uova sul pelo sporco di feci o urina dei conigli, delle cavie, ma anche dei cani. È importante quindi ispezionare attentamente la zona anale (soprattutto nei cani molto anziani e con difficoltà a muoversi) e tenere ben pulito il luogo in cui sta, cambiando almeno una volta alla settimana la lettiera o fondo.

 

10. Prima di iniziare lavori in giardino, pensare alla fauna selvatica che lo frequenta!

Prestare particolare cautela quando si usano tosaerba o tagliabordi, poiché entrambi possono essere letali per animali che si muovono lentamente, e tenere fuori dalla portata degli animali i pesticidi. Infine, prima di accendere un falò, è consigliabile smuovere il materiale che si intende bruciare: le lucertole, i ricci, le rane e le bisce (animali assolutamente innocui, anzi molto utili) spesso si rintanano tra i mucchi di foglie o rifiuti da giardino.

 

In caso di dubbi è consigliabile consultare sempre il proprio veterinario di fiducia.

 

 

___________

* Art. 727 CP (detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze) è previsto l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

A supporto di ciò vedasi sentenze della Suprema Corte di Cassazione (sezione terza penale, sentenza n.20468) dove viene confermata la linea d’applicazione del Codice penale anche in assenza di volontà diretta a fare danno ad un animale ed, in particolare per l’esposizione al sole dell’animale, recita “[…] e, soprattutto, era lasciato tutto il giorno d’estate in una zona del cantiere priva di ombra e di alcun riparo che gli permettesse di ripararsi dall’elevata temperatura del sole di agosto, temperatura ugualmente, se non più elevata, all’interno della cuccia anch’essa esposta al sole. […] Tale comportamento se pure non era caratterizzato dalla ferocia e dalla volontà di arrecare al cane atroci sofferenze, e quindi non dava luogo a sevizie, era comunque produttivo di gravi sofferenze per l’animale”.

Giovedì 2 agosto, alle ore 17.30, la biblioteca comunale di Preganziol organizza un momento di ritrovo dedicato a tutti i bambini dai 6 anni in su, che potranno ascoltare delle letture tratte da “Gli sporcelli”.

 

L’ingresso è gratuito, ma è gradita la prenotazione allo 0422 632371, oppure inviando una mail a: bi[email protected]

 

Aggiornamento

Viste le condizioni climatiche, l’evento si svolgerà presso la Sala ragazzi della Biblioteca comunale, sita in piazzetta A. Ronfini, 1.

 

Da giovedì 2 agosto parte la rassegna Cinema Sotto le Stelle, che proseguirà fino all’8 settembre. Marghera Estate 2018 arriva in piazza Mercato con un cartellone di trentaquattro film, di cui diciassette italiani: tante le commedie ma anche suspence e azione. L’altra metà della programmazione pensata da MakingMovie è rivolta ai migliori film internazionali, con un occhio di riguardo per i vincitori dei premi più prestigiosi.

 

Tutti i film iniziano alle 21.15 (dal 1 settembre alle 21.00), cui seguirà una corsa tram/bus straordinaria a fine spettacolo da piazza Mercato al centro di Mestre.

 

La prima settimana di programmazione porta in piazza tre film italiani. Giovedì 2 agosto l’apertura spetta al film italiano A casa tutti bene di Gabriele Muccino, venerdì 3 arriva la pellicola di Carlo Verdone, Benedetta Follia e sabato 4 la coppia Cortellesi-Albanese arrivano con Come un Gatto in tangenziale del regista Riccardo Milani.

 

Domenica 5 agosto in piazza mercato va in scena il primo film internazionale, The post di Steven Spielberg, con il suo cast stellare.

 

La 38a edizione di Cinema Sotto le Stelle si appresta a essere la più ricca degli ultimi 20 anni. Il successo della scorsa rassegna ha spinto a osare di più e a proporre al pubblico la più vasta scelta possibile di film. Tante commedie, ma non solo, troveremo anche suspense, azione e un fantastico giallo made in Veneto. L’altra metà della programmazione sarà rivolta ai migliori film internazionali con un occhio di riguardo per i vincitori dei premi più prestigiosi e per i palmarès dei principali festival, primo fra tutti la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, che quest’anno ci regala [email protected] – Short Italian Cinema @ Settimana Internazionale della Critica. In contemporanea con la 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, l’arena di Cinema Sotto le Stelle – in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà e Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – è orgogliosa di presentare i corti della 33esima Settimana Internazionale della Critica.

 

 

Info biglietti

La biglietteria è aperta tutte le sere dalle ore 19.00

Ingresso Arena: € 3,00

Carnet 10 ingressi: € 20,00 (max 4 persone per serata)

Soci MakingMovie: € 2,00

 

 

Ulteriori info

MakingMovie: 347 4591960

Inviando via WhatsApp a questo numero la frase “ADERISCO”, verrai inserito nella lista broadcast di “Cinema sotto le Stelle”, dove ti verrà ricordata la programmazione quotidiana, verrai avvisato di annulli causa maltempo e di eventuali recuperi.

www.margheraestate.it

www.makingmovie.it

Sarà CoopCulture, cooperativa operante nel settore dei beni e delle attività culturali in Italia, a gestire il Centro d’Arte e Cultura del Brolo che ospiterà la pinacoteca, che sarà allestita con una quarantina di opere di assoluto rilievo affidate al Comune di Mogliano in comodato d’uso dalla collezione Alessandra.

 

È questo l’esito della procedura per l’affidamento in concessione della gestione del Brolo, per un primo periodo di diciotto mesi, avviato dal Comune, ultimo atto verso l’inaugurazione della nuova sede espositiva e dell’apertura al pubblico che avrà luogo a settembre.

 

CoopCulture è stata scelta tra cinque società, oltre a essa Basilissa, Arte Laguna, Arcadia Arte, Cooperativa Socioculturale, che avevano manifestato il proprio interesse a seguito dell’indagine esplorativa avviata a marzo, con riapertura dei termini a maggio, dall’Amministrazione comunale. Il criterio di selezione è stato quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, da valutarsi solo sulla base dei criteri qualitativi esplicitati nella lettera di invito.

 

CoopCulture, con sede principale a Mestre e Roma e sedi operative a Torino, Firenze e Napoli, opera in oltre 250 siti in Italia, tra musei, biblioteche, luoghi d’arte e di cultura, con oltre 1.000 operatori. Si occupa di accoglienza, assistenza di sala e guardaroba, attività didattiche e laboratori, catalogazione informatizzata, museum shop e bookshop, biglietteria, prenotazione e prevendita, audio guide e supporti multimediali, marketing, promozione e comunicazione.

 

I numeri della società dimostrano il suo peso nel panorama della gestione culturale in Italia: 49 milioni di euro fatturati, 11,5 milioni di visitatori accolti, 4 milioni di prenotazioni, 452 mila utenti visite didattiche , 105 mila visite didattiche scuole, 22 mila laboratori didattici, 650 mila utenti audio e video guide, 9 milioni di visualizzazioni pagine del portale web.

 

“La scelta dell’operatore culturale cui affidare la gestione della futura pinacoteca è un passaggio determinante per la riuscita del progetto perché dal gestore e dalla sua capacità dipenderà l’affermazione del nuovo Brolo nel panorama culturale nazionale e la capacità di attrarre visitatori. A noi non basta e non interessa, infatti, che al Brolo ci siano quaranta opere importantissime, obiettivo dell’Amministrazione è che diventi un polo attrattivo di amanti dell’arte, di turisti che abbiano un motivo in più per venire a Mogliano, in poche parole creare un volano che porti beneficio a tutte le attività cittadine. Naturalmente crediamo anche possa trattarsi di uno strumento di crescita culturale per tutta la nostra comunità”, affermano il sindaco Carola Arena e l’assessore alla Cultura Ferdinando Minello.

 

L’idea di realizzare la pinacoteca al Brolo fu proposta nel 2016 all’Amministrazione dalla società moglianese Villaggio Globale International, leader nell’organizzazione di mostre e di eventi culturali, che era stata incaricata dall’Architetto Giuseppe Alessandra, collezionista di opere d’arte, nativo di Mogliano Veneto, di verificare la possibilità di affidare gratuitamente la propria collezione di opere d’arte ad una Istituzione pubblica che la potesse destinare ad una visione permanente al pubblico. La collezione è costituita da un numero considerevole di opere d’arte, in maggioranza pittoriche, appartenenti ad un ampio periodo storico che va dal Gotico al Novecento, costituenti un corpus di indubbio valore culturale.

 

L’Amministrazione, accettando la proposta, ha quindi affidato a Villaggio Globale la realizzazione di uno studio di fattibilità propedeutico alla realizzazione della pinacoteca costituita dal fondo Alessandra presso il Brolo, che ha dato esiti positivi e, nel frattempo, ha provveduto ad una riqualificazione della sede espositiva che ora è pronta a ospitare opere così importanti.

 

Sono state stabilite le tariffe di ingresso (intero euro 6,00, ridotto, per studenti e scolaresche, componenti le comitive di almeno 10 persone paganti, ultrasessantacinquenni, disabili e loro accompagnatori, associazioni convenzionate, membri dell’Associazione Amici dei Musei, soci Touring Club, partecipanti ad iniziative didattiche della pinacoteca, euro 4,00, catalogo euro 7,00) che saranno introitate dal gestore.

 

Tra le opere che saranno esposte, ci saranno capolavori come il “Testa di orientale” di Vittore Carpaccio, il “Ritratto di Daniele Barbaro” e “Ritratto di uomo barbuto” di Jacopo Tintoretto, il “Ritratto d’uomo” di Paris Bordon, il “Giorgione con teschio di cavallo” di Pietro della Vecchia (che raffigura il Giorgione), il “Ritratto di giovane” di Santi di Tito.

 

Nella foto: Ritratto di uomo barbuto, Jacopo Robusti detto Tintoretto (attribuito a) (1519-1594) – fine del quinto decennio del XVI sec. – Olio su tela, cm 58 x 49

Si intitola “Rossana Casale & Benito Madonia: I Maestri Dello Swing Italiano” il concerto a ingresso libero che animerà la Piazzetta del Teatro giovedì 2 agosto alle ore 21.

 

Benito Madonia alla voce, Nicola Dal Bo organ/bass e pianoforte, Massimo Tuzza alla batteria formano un trio che nasce per proporre lo swing italiano (Luttazzi, Martino, Carosone, Buscaglione, ecc.), sviluppatosi nel nostro Paese soprattutto nell’immediato dopoguerra. Un viaggio alla continua ricerca e la realizzazione di brani del passato, che per loro stessa natura e, in virtù degli arrangiamenti del trio, la calda e profonda voce di Ben, la naturale vena jazzistica di Nicola e il groove e la mimica accattivante e simpatica di Max regalano freschezza e attualità coinvolgenti.
Al trio si aggiunge Stefano Gajon al clarinetto, musicista jazz dal fraseggio brillante e ironico.

 

Ospite speciale della serata un’amica preziosa, una grande artista che non ha bisogno di ulteriori presentazioni, Rossana Casale: una voce unica. Rossana si esibirà sia da sola, sia duettando con Benito. La Casale è già presente come special guest in alcuni progetti di Benito: “La canzone di Marinella” in Vento del Sud e “Colpevole” in Prima di domani.

Oltre alle canzoni presenti nel cd TAKE AWAY, verranno eseguiti brani di altri artisti swing e della Casale stessa.

Ca’ Pisani Moretta è stata venduta ai cinesi. Lo storico palazzo che ospita da sempre il Ballo del Doge è stato venduto per 54 milioni di euro.

 

Questa sembra essere la fine degli storici palazzi veneziani. La stessa sorte è già toccata a Palazzo Doria, in Campo Santa Maria Formosa, e a Palazzo Poerio Pappadopoli, destinati ora a diventare degli alberghi.

 

Fonte: La Nuova Venezia

Ieri, intorno alle 13.30, una lastra di marmo dal peso di un quintale si è staccata improvvisamente da un palazzo all’angolo tra Piazza Barche e via Olivi.

 

La lastra ha colpito una giovane di 21 anni che transitava in quel momento. La giovane, subito soccorsa, ha riportato una ferita al naso e una forte contusione al braccio.

 

La giovane è caduta sui binari del tram che per fortuna in quel momento non era in transito. Trasportata al pronto soccorso, è stata trattenuta in osservazione.

 

Fonte: La Nuova Venezia

Nei progetti dell’Ulss 3 Serenissima c’è un nuovo Pronto soccorso all’ospedale dell’Angelo di Mestre. Il progetto sarà presto presentato in Regione.

 

Per realizzare il nuovo Pronto soccorso serve un nuovo edificio: allargare l’attuale non servirebbe ad alleviare i problemi di attesa degli utenti.

 

La struttura attuale vede crescere continuamente i numeri degli utenti, che sono stati più un 2,9% nel 2018 rispetto al 2017 con ben 27.000 accessi nei primi cinque mesi di quest’anno.

 

Nel 2017 gli accessi al Pronto soccorso dell’Angelo sono stati 89.000, con un’attesa media di quattro ore e mezzo a utente.

 

Nel progetto è previsto un aumento di posti letto con 3,5 posti letto ogni 1.000 abitanti.

 

Fonte: La Nuova Venezia

Coletto attiva il “Piano caldo 2018” della sanità

 

Alla luce delle previsioni contenute nel Bollettino del Disagio Fisico e della Qualità dell’Aria per la Regione del Veneto emesso da ARPAV – Dipartimento Sicurezza del Territorio – Centro Meteorologico di Teolo in data di oggi, consultato il Dirigente medico reperibile di turno, è stato dichiarato lo Stato di allarme climatico per disagio fisico da oggi, 30 luglio 2018, al 02 agosto 2018, per le zone Costiera, Pianeggiante Continentale, Pedemontana e Montana del Veneto.
Di conseguenza, l’Assessore alla Sanità Luca Coletto ha disposto l’attivazione immediata delle particolari forme di organizzazione assistenziale, rivolte particolarmente ad anziani e portatori di malattie croniche, respiratorie, o comunque a
rischio.

 

Sono attivi il numero verde 800 462 340 realizzato con la collaborazione del Servizio Telesoccorso e Telecontrollo e il servizio di reperibilità al numero verde 800 990 009, per la segnalazione di eventuali emergenze di competenza della Sezione Protezione Civile.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni