Home / Posts Tagged "Teatro Toniolo"

A Io sono Comico arrivano i cinque musicisti più demenziali e imprevedibili della scena. Giovedì 15 febbraio (ore 21.00), al Teatro Toniolo di Mestre, la Rimbamband presenta il suo nuovo spettacolo: Note da Oscar, regia di Paolo Nani, un esilarante “road music movie” tra i generi cinematografici più disparati, mixati e riproposti a ritmi vertiginosi.

 

L’ultimo folle, spregiudicato, esilarante show, nel quale i cinque musicisti in perenne disaccordo armonico tra loro sono alle prese con il cinema e la sua magia. Il grande cinema, Hollywood, la Mecca dei sogni, il punto d’arrivo di una vita, il successo che ti rende immortale, il fascino della sala buia e del grande schermo. Un sogno per la Rimbamband! Allora, fiato alle trombe! Che lo spettacolo inizi.

 

Il pubblico viene preso per mano e condotto in un viaggio imprevedibile e dissacrante, in un “road music movie”, che passa dal western al cartoon, al giallo, fino alla commedia, in un mix di spregiudicata creatività. Un gioco perpetuo che, partendo dalle colonne sonore più famose, si nutre di straordinari virtuosismi, citazioni e un’enorme dose di fantasia. È il grande cinema, visto attraverso uno specchio deformante. Che fa ridere, tanto ridere. “Non è la realtà che conta in un film, ma quello che l’immaginazione può fare” – diceva il grande Charlie Chaplin.

 

Preparatevi a entrare in una “Note da Oscar”, un grande luna park dell’immaginazione: qui, sognare ad occhi aperti, è ancora possibile.

 

BIGLIETTI

Platea € 25,00 – galleria € 22,00 – ridotto abbonati turno B € 20,00

PREVENDITA BIGLIETTI

Biglietteria Teatro Toniolo, piazzetta Cesare Battisti, MESTRE (11.00-12.30 e 17.00-19.30, chiusa il lunedì)

Tel. 041 971666

 

CIRCUITO VIVATICKET www.vivaticket.it

vendita telefonica

Tel. 899666805

INFO www.culturavenezia.it/toniolo

Nel momento in cui si apre il sipario, le lamiere di due motorini sono accartocciate e sparse in mezzo al nulla della periferia romana più scomoda e lontana, in un giorno di festa.

 

È il 2 giugno, tutte le forze dell’ordine sono concentrate nel centro della città. Poco prima è avvenuto un incidente in una delle strade secondarie della periferia, vicina al grande raccordo anulare. In una zona completamente deserta, senza passanti né case, in mezzo ai campi.

 

Sul palcoscenico, in primo piano ci sono due scooter di grossa cilindrata, uno è ribaltato, sembra essersi conficcato nella terra. L’altro è un ammasso di pezzi ancora fumanti. Stese a terra ci sono due persone, sembrano due quarantenni. Sono persone all’apparenza opposte, ma forse identiche. Uguali nella capacità di odiarsi. Sono due mondi differenti che si scontrano sulla strada. Sono uomini diversi, socialmente e psicologicamente.

 

Il primo uomo riprende i sensi, si alza a fatica, zoppica. È uno chef che crede tantissimo in quello che fa, pretende che alle sue domande gli venga risposto con un “Sì chef”, è nevrotico, spocchioso e presuntuoso. Crede di poter muovere le fila del suo mondo, crede di essere un motore. È un presuntuoso nella sua megalomania ed è sicuro di sapere chi è. Ad interpretarlo è Paolo Calabresi.

 

Il secondo invece rimane fermo. È un uomo disoccupato e separato, tormentato al telefono dalla mamma. È un semplice nessuno che forse sta morendo. È steso a terra, non si capisce all’inizio se è vivo o ha smesso di respirare. È una persona disperata che tenta però di trasformarsi in qualche cosa di più forte. È infuriato contro tutto quello che lo circonda e lo rende impotente. È Valerio Aprea. Lentamente anche lui apre gli occhi. Avrebbero bisogno di aiuto, ma non lo avranno, avrebbero bisogno di cure, ma i soccorsi non arriveranno prima di un’ora e mezza. Intorno a loro, per loro, niente e nessuno.

 

In un Paese dove se fai un incidente con qualcuno, a parità di torto o di ragione, quello diventa già un tuo nemico, Qui e ora, scritto e diretto da Mattia Torre, racconta lo scontro tra questi due individui. Lo spettacolo si terrà domani, mercoledì 14 febbraio, ore 19.30, al Teatro Toniolo di Mestre.

 

BIGLIETTI

A partire da 10 €

PREVENDITA BIGLIETTI

Biglietteria Teatro Toniolo, piazzetta Cesare Battisti, MESTRE (11.00-12.30 e 17.00-19.30, chiusa il lunedì)
Tel. 041 971666

VENDITA ON LINE www.vivaticket.it

INFO www.culturavenezia.it/toniolo

Fondata a Barcellona nel 1994 dal francese Philippe Lafeuille, la compagnia conta oggi sei danzatori la cui esperienza e tecnica vengono messe al servizio dello humor e della parodia.  Travestiti da ballerine, i Chicos Mambo rileggono in Tutu i grandi brani del repertorio, trasformandosi con plastica ironia in decine di personaggi diversi, dal cigno chaikovskiano alle donne in sottoveste di Pina Bausch: venti quadri distinti e irresistibili, in cui si prendono amabilmente in giro le icone del balletto, della danza contemporanea, dei balli di sala, dell’acrobazia e dello sport, con i loro tic e vezzi.

 

Tutu prende di mira, in un meccanismo coreograficamente perfetto, gli stereotipi più resistenti associati ad una certa estetica dei “corpi in movimento”, svariando dai riti dello sport praticato alle evoluzioni del balletto classico, fino ai cliché più famosi della danza contemporanea. Campione insuperabile di questo genere, che si può definire appunto “danza – parodia”, la compagnia Chicos Mambo incanta dal 1994 le platee di mezzo mondo, accanendosi con geniale irriverenza contro ogni codice “serio” dell’immaginario collettivo legato al corpo.

 

Fondata a Barcellona dal francese Philippe Lafeuille, per qualcuno una sorta di “alter ego” catalano degli americani Ballets Trockadero de Montecarlo, la compagnia conta oggi un “team” di sei danzatori chiamati a rinnovare sulla scena, spettacolo dopo spettacolo, un loro collaudato e irresistibile dispositivo dissacratorio. Sulla scena prendono letteralmente corpo più di quaranta personaggi diversi, attraverso i quali si snoda la storia stessa della danza, riaffermando con lo sberleffo e la parodia le ragioni intatte di un atto d’amore incondizionato.

 

BIGLIETTI a partire da € 10,00
PREVENDITA BIGLIETTI
Biglietteria Teatro Toniolo, p.tta C. Battisti, Mestre (11.00-12.30 17.00-19.30 – Chiusa il lunedì)
tel. 041.971666
PREVENDITA ON LINE www.vivaticket.it
INFO www.culturavenezia.it/toniolo

POST TAGS:

Nel “Nostro piccolo” è un viaggio alla ricerca del nostro punto di partenza, quello che ha mosso la nostra voglia e ricerca di comicità. Ma Ridendo. Il racconto di un mondo visto dalla parte di chi ha il coraggio, con le proprie idee, di vedere dentro la vita di ognuno. Raccontare le piccolezze, le sconfitte, le paure che ci accompagnano. Sempre Ridendo. Il coraggio di vivere storie non sempre vincenti. La forza di trasmettere emozioni vere: i fallimenti di una vita, la delusione degli ideali, la conoscenza profonda di sentimenti penetranti, come l’amore.

 

La gioia della vita. Ridendo ovviamente. Ridendo riusciamo a scoprire i nostri difetti.
La risata è il nostro veicolo fondamentale per riuscire a parlare di noi senza prenderci troppo sul serio.
Nel costruire le tappe di questo percorso ci siamo imbattuti nei nostri punti fermi, che ci hanno, grazie al cielo, condizionato: Giorgio Gaber e Enzo Jannacci. Loro sono stati la scintilla che ci ha permesso di vedere l’uomo come il centro di tutto. Conoscere il suo mondo. Vederlo mentre ci gira intorno. Un mondo, sofferto e gioioso, colorato e grigio, assolato e buio.

 

Ma sempre, e comunque un mondo vero, reale. Senza timori, senza remore. Ci hanno mostrato che chi si muove e vive accanto al nostro fianco, chi cammina nelle strade, chi respira la nostra stessa aria, sono uomini, persone, uguali a noi. Perché un amore andato male è una storia che abbiamo sentito mille volte, e mille volte ancora sentiremo, perché le emozioni non finiscono mai. Tutto questo porteremo con noi, sul palco, quei pensieri, quelle parole, quelle note, in cui c’è anche il punto di partenza, la nostra piccola storia. Il nostro piccolo. E vi racconteremo la fortuna di aver potuto respirare la stessa aria che Gaber e Jannacci respiravano. L’aria di Milano. Di quegli anni. Ma ridendo sempre!!! Nel nostro piccolo.

 

ALE E FRANZ
in
NEL NOSTRO PICCOLO. Gaber/Jannacci/Milano
scritto da Francesco Villa, Alessandro Besentini, Alberto Ferrari e Antonio De Santis
regia Alberto Ferrari
musicisti: Luigi Schiavone, Fabrizio Palermo, Francesco Luppi e Marco Orsi

giovedì 8 febbraio, ore 21:00
venerdì 9 febbraio, ore 21:00

 

BIGLIETTI
intero € 29,00 – ridotto € 26,00
Last minute under 30 € 10,00
PREVENDITA BIGLIETTI
Biglietteria Teatro Toniolo, p.tta Battisti, Mestre (11.00-12.30 e 17.00-19.30 Chiusa il lunedì)
tel. 041.971666
VENDITA ON LINE
www.vivaticket.it