Home / Posts Tagged "Mogliano"

Il progetto, a sostegno dei moglianesi, è finanziato dal Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, e sarà gestito con la cooperativa La Esse

 

Aiutare le famiglie nel loro percorso di crescita, valorizzarne le potenzialità favorendo la costruzione e il rafforzamento di legami con una logica di promozione e integrazione, creando un luogo delle famiglie e per le famiglie dove potersi rivolgere e trovare confronto ed aiuto con specifiche professionalità in sinergia, con le diverse realtà presenti nel territorio.

È con questo scopo che dal 23 agosto aprirà presso il Centro Comunitario “Don Giorgio”, in via Ronzinella 176, lo “Spazio Famiglie”, un nuovo servizio dell’Amministrazione moglianese a sostegno delle famiglie. Un servizio gestito in collaborazione con la cooperativa La Esse di Treviso e che ha ricevuto un finanziamento da parte della Regione Veneto di circa 10 mila euro.

 

“Abbiamo colto l’opportunità di un bando regionale per poter incrementare gli strumenti coi quali attuare una concreta politica a sostegno dei nuclei familiari moglianesi. Siamo consapevoli che, per la rilevanza delle funzioni sociali che svolge, alla famiglia vada riconosciuto un ruolo di primario interesse pubblico, e i nostri sforzi vanno proprio in questa direzione e si aggiunge ad altri numerosi iniziative e servizi, tra cui “Famiglie in rete” e varie forme di sostegno economico e anche culturale e di formazione. Famiglie sane e consapevoli sono il migliore incubatore per i futuri cittadini”, commenta il sindaco Carola Arena.

 

Sono 12182 le famiglie moglianesi (per una popolazione che a fine 2017 era arrivata alle 27852 unità), la maggior parte delle quali (4155) composte da una sola persona, mentre 3600 sono formate da due, 2269 da tre e 1659 da quattro. C’è un nucleo familiare formato da dieci persone, ben 89 sono quelli formati da sei persone, 18 da sette, 9 da otto e 4 da nove componenti.

 

Per quanto riguarda l’età della popolazione, la fascia più ampia è quella compresa tra i 30 ed i 65 anni, con 13.931 unità, seguita dagli over 65, che sono 5687, dai minorenni, 4327 (di cui 2157 tra i 7 e i 14 anni, e 1412 tra 0 e 6 anni), e dai “giovani”, 3763 tra i 15 e i 29 anni.

 

Il nuovo “spazio” sarà un centro di confronto e crescita per le famiglie, a partire dai bisogni dei cittadini: un luogo nel quale le persone potranno esprimere i propri bisogni, trovare orientamento verso i servizi e le realtà del territorio, sostegno come persone singole e nuclei famigliari.

 

Il servizio sarà gratuito e aperto tutti i giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00, ma sarà anche possibile concordare un appuntamento in un orario diverso contattando direttamente il servizio (telefoni: 328 9507312 – 342 5071267, e-mail: [email protected]www.comune.mogliano-veneto.tv.it).

 

“Alle famiglie offriremo uno spazio a loro dedicato, dove si possano sentire accolte e al tempo stesso protagoniste di iniziative, proposte ed attività secondo le loro esigenze. Vogliamo costruire insieme alle nostre famiglie un servizio di promozione del benessere, di aggregazione e di solidarietà.” afferma Tiziana Baù, assessore moglianese alle Politiche sociali.

 

Con il coordinamento di una educatrice, verranno organizzati anche laboratori tematici con i quali le famiglie saranno accompagnate in un percorso di autonomia e di gestione consapevole delle opportunità che il territorio offre.

 

Lo spazio si porrà inoltre come punto di snodo informativo sulle opportunità offerte dal territorio, contribuendo a promuovere e connettere le realtà associative, i gruppi informali, le attività presenti e, allo stesso tempo, offrirà un’occasione di incontro, conoscenza e scambio per le associazioni e gli enti già attivi.

Per tutto il mese di agosto, 17 proiezioni a cura del Cinema Teatro Busan, selezionate tra i migliori film dell’anno. Spettacoli alle ore 21.00 in Piazzetta del Teatro, costo del biglietto €5

 

Sono 17 i film in programma, per un mese dedicato agli appassionati del grande schermo. “L’estate al cinema” è come di consueto a cura del Cinema Teatro Busan ed è parte del cartellone di Metropolis, la rassegna degli appuntamenti estivi promossa dall’Amministrazione comunale.

 

Primo appuntamento il 6 agosto con una proiezione speciale: il cult movie The Blues Brothers di John Landis, a ingresso gratuito.
Un’iniziativa speciale è inoltre in programma per Lovers, ultimo film in calendario giovedì 30 agosto, con la presenza del regista Matteo Vicino e dell’attrice protagonista Margherita Mannino.

La biglietteria in Piazzetta Teatro apre 30 minuti prima dell’inizio dei film. In caso di maltempo a spettacolo iniziato, non sarà possibile rimborsare i biglietti.

 

Info:

www.cinemabusan.it

[email protected]

cell: 3341658994

 

 

“L’ESTATE AL CINEMA” 2018 – PROGRAMMA

 

The Blues Brothers
Lun 06/08 – ore 21.00
Speciale film gratuito
Un film di John Landis.
Con Dan Aykroyd, John Belushi, Kathleen Freeman, James Brown, Henry Gibson, Carrie Fisher. USA, 1980, Musicale, durata: 133 min.
Per procurarsi i 5.000 dollari necessari per pagare le tasse arretrate dall’orfanotrofio in cui sono cresciuti, e scongiurarne così la chiusura, due fratelli decidono di riunire tutti i vecchi componenti della loro band musicale. Ma non è semplice avere successo e gli artisti ne combinano di tutti i colori.
“Grandioso e validissimo spettacolo comico musicale. Lo spettacolo è indubbiamente riuscito nelle musiche (con la presenza di molti divi) nella grandiosità delle scene d’azione, nell’efficacia degli aspetti umoristici.” (‘Segnalazioni cinematografiche’, vol. 90, 1981).

 

The Post
Mar 07/08 – ore 21.00
Un film di Steven Spielberg.
Con Meryl Streep, Tom Hanks, Sarah Paulson, Bob Odenkirk.
USA, 2018, Drammatico, durata: 118 min.
La storia della pubblicazione di documenti top-secret in merito alle implicazioni degli Stati Uniti nella guerra in Vietnam, avvenuta negli anni 70 sul Washington Post.

 

Wonder
Mer 08/08 – ore 21.00
Un film di Stephen Chbosky.
Con Julia Roberts, Jacob Tremblay, Owen Wilson, Mandy Patinkin.
USA, 2017, Drammatico, durata: 113 min.
La coinvolgente storia di August Pullman, detto Auggie che, nato con una rara malattia, si trova ad affrontare il mondo della scuola per la prima volta.

 

A casa tutti bene
Gio 09/08 – ore 21.00
Un film di Gabriele Muccino.
Con Stefano Accorsi, Carolina Crescentini, Pierfrancesco Favino. Italia, 2018, Drammatico, durata: 105 min.
La storia di una grande famiglia che si ritrova a festeggiare le Nozze d’Oro dei nonni Pietro e Alba sull’isola dove questi si sono trasferiti a vivere.

 

Ricomincio da noi
Ven 10/08 – ore 21.00
Un film di Richard Loncraine.
Con Imelda Staunton, Timothy Spall,Celia Imrie, David Hayman, J. Sessions.Gran Bretagna, 2018, Commedia, durata: 111 min.
Quando Sandra scopre che suo marito la tradisce, cerca rifugio a casa della sorella Bif. Con lei e altri amici scopre la possibilità di riprendere in mano la propria vita.

 

La forma dell’acqua
Lun 13/08 – ore 21.00
Un film di Guillermo Del Toro.
Con Sally Hawkins, Michael Shannon II, Richard Jenkins, Doug Jones. USA, 2017, Drammatico, durata: 119 min.
Il visionario Guillermo del Toro racconta una fiaba gotica ricca di suggestioni fantasy, ambientata nella Guerra Fredda e incentrata su una giovane eroina senza voce.

 

Il sole a mezzanotte
Mar 14/08 – ore 21.00
Un film di  Scott Speer.
Con Bella Thorne, Patrick Schwarzenegger, Rob Riggle, Quinn Shephard. USA, 2018, Drammatico, durata: 91 min.
Katie fin dall’infanzia è costretta a vivere al buio a causa di una rara malattia. Ma un giorno l’incontro con Charlie potrebbe cambiare la sua esistenza.

 

Finché c’è prosecco c’è speranza
Mer 15/08 – ore 21.00
Un film di Antonio Padovan.
Con Giuseppe Battiston, Teco Celio, Liz Solari, Roberto Citran, S. D’Amico.
Italia, 2017, Giallo, durata: 101 min.
Campagna veneta, colline del Prosecco. L’ispettore Stucky investiga su un apparente caso di suicidio del facoltoso conte Desiderio Ancillotto.

 

Prendila come viene
Gio 16/08 – ore 21.00
Un film di Eric Toledano e Olivier Nakache.
Con Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve, Gilles Lellouche. Francia, 2017, Commedia, durata: 117 min.
Innamorarsi è difficile ma organizzare un matrimonio perfetto è praticamente impossibile. La sfida è questa per Max, Guy e James, i migliori in circolazione.

 

Star Wars: gli ultimi jedi
Lun 20/08 – ore 21.00
Un film di Rian Johnson.
Con Mark Hamill, Carrie Fisher, Adam Driver, Daisy Ridley.
USA, 2017, Azione, durata: 152 min.
Mentre il Primo Ordine si prepara a stroncare quel che resta della Resistenza, Rey cerca di convincere Luke Skywalker a tornare a combattere.

 

Coco
Mar 21/08 – ore 21.00
Un film di Lee Unkrich, Adrian Molina. USA, 2017. Animazione, durata: 109 min.
Coco ci porta in un variopinto villaggio messicano, animato dai preparativi per il Dìa de Muertos e dalla vivace musica delle orchestre che inonda le strade.

 

Ella & John
Mer 22/08 – ore 21.00
Un film di Paolo Virzì.
Con Helen Mirren, Donald Sutherland, Christian McKay. Italia-Francia, 2018, Drammatico, durata: 112 min.
La storia commovente di due anziani, Ella e John, che partono in camper per un ultimo viaggio di piacere, percorrendo la Old Route 1, con destinazione le Key West.

 

Come un gatto in tangenziale
Gio 23/08 – ore 21.00
Un film di Riccardo Milani.
Con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, Luca Angeletti.
Italia, 2018, Commedia, durata: 98 min.
Un uomo e una donna molto diversi tra loro si incontrano a causa dei figli che si sono innamorati. Lo scontro tra i due sarà inevitabile.

 

L’ora più buia
Lun 27/08 – ore 21.00
Un film di Joe Wright.
Con Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane. Gran Bretagna, 2017, Drammatico, durata: 125 min.
Il momento cruciale della scelta, da parte del Primo ministro britannico Winston Churchill, tra l’armistizio con la Germania nazista e l’intervento nel conflitto armato.

 

La signora dello zoo di Varsavia
Mar 28/08 – ore 21.00
Un film di Niki Caro.
Con Jessica Chastain, Johan Heldenbergh, Daniel Brühl, Tomothy Radford. USA-GB-CZ, 2018, Biografico, durata: 127 min.
La storia eroica di una donna che, pur vivendo in un’epoca di guerra e distruzione, ha preservato quel che di buono c’è nell’animo umano.

 

Metti la nonna in freezer
Mer 29/08 – ore 21.00
Un film di Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi.
Con Fabio De Luigi, Miriam Leone, Lucia Ocone. Italia, 2018, Commedia, 130 min.
Il più incorruttibile e maldestro dei finanzieri, una giovane restauratrice che vive in proprio grazie alla pensione della nonna e il rischio di perdere tutto.

 

Lovers
Gio 30/08 – ore 21.00
Un film di Matteo Vicino.
Con Margherita Mannino, Ivano Marescotti, Antonietta Bello, Luca Nucera.
Italia, 2018, Commedia, durata: 98 min.
Con la presenza del regista Matteo Vicino e dell’attrice Margherita Mannino.
Quattro storie con gli stessi attori in ruoli diversi che si dipanano fra tradimenti, feroci vendette, colpi di scena e una riflessione sull’importanza della cultura.

Febbre del Nilo: è emergenza a Mestre? Non è ancora allarme, ma nel veneziano si sono registrati due casi di questa malattia trasmessa dalla puntura delle zanzare.

 

Uno è avvenuto a Mestre, dove a farne le spese è stato un frate cappuccino colpito in modo lieve, mentre un uomo di San Donà di Piave è stato contagiato in modo più violento, ed è stato ricoverato e sottoposto a terapia antibiotica.

 

Un altro caso è accaduto sempre vicino a Mestre, a Mogliano Veneto, dove una donna della casa di riposo del Gris è stata colpita dal virus.

Procede la campagna larvicida. Ieri l’ultimo intervento. Dal 6 agosto la terza campagna

 

A fronte del caso segnalato ieri di una anziana ospite del Gris colpita dalla West Nile Fever, l’Amministrazione comunale moglianese non minimizza, ma invita la cittadinanza alla calma e a adottare le adeguate precauzioni per difendersi dalle zanzare.

 

Sono il fastidioso insetto, infatti, il tramite per la trasmissione del virus, di cui sono serbatoio alcune specie di uccelli.

“Siamo di fronte a una situazione sicuramente da gestire con la massima attenzione e nel modo più efficace possibile ma non siamo di fronte ad un allarme per rischio di epidemia”, commenta il sindaco Carola Arena.

Infatti, il Comune proprio nella giornata di ieri (mercoledì 1 agosto) ha concluso l’ultimo intervento larvicida nei fossati, trai quali è compresa anche l’area di via Torni nelle immediate vicinanze del Gris.

 

La disinfestazione è stata fatta con regolarità, lungo tutto l’arco della stagione, nei fossati con minore deflusso di acqua, e perciò più favorevoli alla riproduzione della zanzara culex, per un raggio di 2 Km dalla periferia del centro abitato. Con cadenza mensile, inoltre, è attuata una campagna antilarvale. È prevista per la prossima settimana (quella del 6 agosto) la terza campagna della stagione 2018: il prodotto antilarvale viene distribuito nelle oltre 7000 caditoie e tombini del territorio comunale. Infine provvede ad interventi adulticidi mirati.

 

“Ricordiamo che tutte queste azioni sono previste da un piano di disinfestazione e di lotta alla zanzara sviluppato in coordinamento con ULSS e in piena sintonia con le direttive regionali. Ai cittadini chiediamo ancora una volta, attenzione e collaborazione, perché anche semplici comportamenti singoli sono importantissimi, come proteggersi con uno dei tanti efficaci repellenti disponibili ed evitare accumuli d’acqua stagnante nei giardini e nei sottovasi di fiori, dove le zanzare depongono le uova e proliferano. Ricordiamo inoltre che è possibile utilizzare degli anti larvali anche in pozzetti di aree private. È ancora disponibile presso l’Ufficio Ambiente del Comune il prodotto antilarvale in distribuzione gratuita ai cittadini. Invitiamo i cittadini a prendere contatti con l’Ufficio per il ritiro”, dichiara l’assessore all’Ambiente Oscar Mancini.

 

In relazione ai timori di contagio da Febbre del Nilo è necessario sapere che se una zanzara punge un essere umano con la malattia, non c’è rischio che la stessa zanzara infetti un altro essere umano. Inoltre dal punto di vista epidemiologico gli esperti dicono che nell’80% dei casi il virus è praticamente asintomatico, circa il 20% presenta sintomi simili a una normale influenza, e solo nello 0,1% dei casi l’infezione può evolvere in patologie gravi, come l’encefalite, soprattutto nelle persone anziane o debilitate da altre patologie. È con questa realtà che ci si deve confrontare, non con una terribile epidemia.

Nell’ambito della rassegna Metropolis, due giorni di musica, nello spirito del celebre concerto rock del 1969 a ingresso gratuito. A cura dell’Associazione Culturale Silikon Kafe e in collaborazione con l’associazione culturale ComunicArte

 

È un viaggio nel tempo l’evento musicale che sarà ospitato sabato 4 e domenica 5 agosto a Mogliano Veneto, al parco Piscine di via F. Barbiero.
Inizialmente previsto per fine giugno, “Woodstock Days” propone sul palco tribute band provenienti da tutta Italia, che omaggeranno alcuni grandi artisti che si sono esibiti nel 1969 per far rivivere il mito del più grande concerto rock della storia. Un weekend di concerti, ma anche dibattiti e interventi culturali per comprendere quell’evento che cambiò radicalmente il mondo della musica rock.
La manifestazione – parte del cartellone estivo Metropolis, promosso dall’Amministrazione comunale – è organizzata dall’associazione Silikon Cafe in collaborazione con l’associazione culturale ComunicArte.

 

A presentare le due giornate sarà Porfirio Rubirosa, avvocato di giorno, cantante, showman, presentatore televisivo, speaker, Dj e critico di costume di notte.
Ad aprire la serata live di sabato alle 21.30, dopo l’intervento della comunità Hare Krishna Iskcon di Albettone, saranno gli Space Bounds, che nell’occasione di “Woodstock Days” si focalizzeranno su una grande rock band americana: i Creedence Clearwater Revival.
A seguire l’energia ipnotica di Jimi Hendrix, gli intramontabili riff e il sound travolgente del grande chitarrista americano verranno proposti in una chiave completamente diversa, impreziositi dall’inaspettata voce femminile di Francesca Bellemo, lead singer degli Stone Free.

 

Domenica invece si parte con il live alle 20.00 con una speciale performance di Porfirio Rubirosa che presenterà il suo originale tributo ad Arlo Guthrie, figlio del leggendario cantante folk Woody Guthrie.
A seguire Zampa di Cocker, tributo a Joe Cocker, che si concentrerà sulla sua performance dell’ex idraulico di Sheffield a Woodstock.
A chiudere la manifestazione il chitarrista modenese Simone Galassi, considerato uno tra i più promettenti musicisti blues e rock-blues della penisola, grande appassionato di Jimi Hendrix, certamente la figura iconica dell’incredibile concerto di cinquant’anni fa.

 

Sabato a partire dalle 15.30, assieme ai tributi anche il “Woodstock Days Contest”, dedicato alle band emergenti a cura dell’Associazione ComunicArte e gli “interventi sonori” dei dj The Gaze, che proporrà una scelta di brani di chi a Woodstock c’è stato, o di chi magari ha rifiutato di andarci. Domenica 5, invece, Fricchetti Selecter farà ascoltare “il sogno di Woodstock in Italia” raffrontando due mondi musicali davvero lontani all’epoca.

 

Ma Woodstock Days non è solamente musica, è anche l’occasione per far conoscere un momento che ha cambiato la storia della musica e non solo. Ci penserà Gianni Della Cioppa, giornalista e scrittore veronese, a raccontare aneddoti e curiosità dell’evento domenica a partire dalle 16.00 nell’incontro “Quasi 50 anni di Woodstock raccontanti al cinema, sui libri e da chi c’era…”

 

A far viaggiare il pubblico nel tempo e a far soprattutto rivivere quell’atmosfera non saranno unicamente musica e cultura. Sin dalle 14.00 il sabato e dalle 10.00 del mattino la domenica si potranno ammirare infatti alcuni esemplari dei mitici maggiolini e pullmini Volkswagen a cura dei “Maggiolini Bassanesi” e ancora mercatini tematici, accompagnati da cibo e bevande.

 

Insomma “due giorni di pace, amore e musica” (a partire dalle 10.00, ingresso gratuito), una vera full immersion in un’epoca di grandissimo fermento e creatività.

 

 

 

I GRUPPI

 

ARLO GUTHRIE – PORFIRIO RUBIROSA
Avvocato di giorno, cantante, showman, presentatore televisivo, speaker, Dj e critico di costume di notte. Porfirio Rubirosa è un artista eclettico che Joe Levy, vice-direttore di Rolling Stone Usa, ha definito “like some combination of Austin Powers and Chubby Checker”. A Woodstock Days Porfirio propone un originale tributo ad Arlo Guthrie, figlio del leggendario cantante folk Woody Guthrie.

 

CREEDENCE CLEARWATER REVIVAL – SPACE BOUNDS
The Space Bounds vanno ai confini dello spazio, ma con la voglia di andare oltre. Nella loro scaletta “rock-gourmet”, la “ricoverizzazione” di alcuni brani della storia del rock e in particolare, nell’occasione di “Woodstock Days” di una grande band americana come i Creedence Clearwater Revival. Gli Space Bounds sono Federica Cestaro vocals & acoustic guitar Marco Carretta guitars & backing vocals, Roberto Percuoco guitars, Massimo Turato bass, Davide Schiabello drums.

 

JIMI HENDRIX – SIMONE GALASSI
Chitarrista Modenese, Simone Galassi è considerato uno tra i più promettenti musicisti blues e rock-blues della penisola. Ha collaborato in svariati progetti musicali, da band emergenti a diversi tributi a grandi artisti del rock, a compagnie teatrali. La sua passione più grande rimane però quella per Hendrix, a cui Simone assieme alla sua band dedica un omaggio fedele sin nei particolari, dalle Fender Stratocaster destre rigirate mancine come faceva Jimi, agli effetti ed agli amplificatori originali d’epoca, fino all’abbigliamento rigorosamente stile hippies, contraddistinto dalla grande energia che caratterizzò il rock dei sixties.

 

JIMI HENDRIX – STONE FREE
Il viaggio psichedelico del chitarrista più rivoluzionario della storia viene riproposto dagli Stonefree con uno stile del tutto unico, in cui la massima fedeltà strumentale è abbinata ad una proposta vocale assolutamente originale. L’energia ipnotica di Hendrix, gli intramontabili riff e il sound travolgente, sono infatti impreziositi dall’inaspettata voce femminile di Francesca Bellemo per una esperienza musicale libera e nuova, molto lontana dalla tradizionale cover band. Assieme a lei Andrea Vianello alla batteria, P.Jay alla chitarra e Just T. Canallia al basso.

 

JOE COCKER – ZAMPA DI COCKER
Zampa di Cocker (Joe Cocker Tribute Band) nasce quasi 11 anni fa dalla volontà di dar vita alla band di Joe Cocker, prendendo come riferimento quella che lo accompagnò da Woodstock nel ’69 ai giorni nostri. In questa occasione la band proporrà sia i brani che vennero suonati allora unitamente ad altri dello stesso periodo che ha visto il Leone di Sheffield militare nelle fila dei Mad Dog and Englishman. La band si esprime con uno spettacolo completo fatto anche di intrattenimento, oltre che di ottima musica, creando un’atmosfera festosa e divertente.

A Mogliano continuano a imperversare i topi di appartamento. Le zone colpite sono state negli ultimi giorni via Torni, zona San Marco e il Terraglio.

I ladri sono riusciti a penetrare negli appartamenti facendo un buco nei serramenti e aprendo la finestra.

Il bottino, come al solito, sono oggetti d’oro che sono sempre cari ricordi di famiglia.

 

Fonte: OggiTreviso

Sarà CoopCulture, cooperativa operante nel settore dei beni e delle attività culturali in Italia, a gestire il Centro d’Arte e Cultura del Brolo che ospiterà la pinacoteca, che sarà allestita con una quarantina di opere di assoluto rilievo affidate al Comune di Mogliano in comodato d’uso dalla collezione Alessandra.

 

È questo l’esito della procedura per l’affidamento in concessione della gestione del Brolo, per un primo periodo di diciotto mesi, avviato dal Comune, ultimo atto verso l’inaugurazione della nuova sede espositiva e dell’apertura al pubblico che avrà luogo a settembre.

 

CoopCulture è stata scelta tra cinque società, oltre a essa Basilissa, Arte Laguna, Arcadia Arte, Cooperativa Socioculturale, che avevano manifestato il proprio interesse a seguito dell’indagine esplorativa avviata a marzo, con riapertura dei termini a maggio, dall’Amministrazione comunale. Il criterio di selezione è stato quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, da valutarsi solo sulla base dei criteri qualitativi esplicitati nella lettera di invito.

 

CoopCulture, con sede principale a Mestre e Roma e sedi operative a Torino, Firenze e Napoli, opera in oltre 250 siti in Italia, tra musei, biblioteche, luoghi d’arte e di cultura, con oltre 1.000 operatori. Si occupa di accoglienza, assistenza di sala e guardaroba, attività didattiche e laboratori, catalogazione informatizzata, museum shop e bookshop, biglietteria, prenotazione e prevendita, audio guide e supporti multimediali, marketing, promozione e comunicazione.

 

I numeri della società dimostrano il suo peso nel panorama della gestione culturale in Italia: 49 milioni di euro fatturati, 11,5 milioni di visitatori accolti, 4 milioni di prenotazioni, 452 mila utenti visite didattiche , 105 mila visite didattiche scuole, 22 mila laboratori didattici, 650 mila utenti audio e video guide, 9 milioni di visualizzazioni pagine del portale web.

 

“La scelta dell’operatore culturale cui affidare la gestione della futura pinacoteca è un passaggio determinante per la riuscita del progetto perché dal gestore e dalla sua capacità dipenderà l’affermazione del nuovo Brolo nel panorama culturale nazionale e la capacità di attrarre visitatori. A noi non basta e non interessa, infatti, che al Brolo ci siano quaranta opere importantissime, obiettivo dell’Amministrazione è che diventi un polo attrattivo di amanti dell’arte, di turisti che abbiano un motivo in più per venire a Mogliano, in poche parole creare un volano che porti beneficio a tutte le attività cittadine. Naturalmente crediamo anche possa trattarsi di uno strumento di crescita culturale per tutta la nostra comunità”, affermano il sindaco Carola Arena e l’assessore alla Cultura Ferdinando Minello.

 

L’idea di realizzare la pinacoteca al Brolo fu proposta nel 2016 all’Amministrazione dalla società moglianese Villaggio Globale International, leader nell’organizzazione di mostre e di eventi culturali, che era stata incaricata dall’Architetto Giuseppe Alessandra, collezionista di opere d’arte, nativo di Mogliano Veneto, di verificare la possibilità di affidare gratuitamente la propria collezione di opere d’arte ad una Istituzione pubblica che la potesse destinare ad una visione permanente al pubblico. La collezione è costituita da un numero considerevole di opere d’arte, in maggioranza pittoriche, appartenenti ad un ampio periodo storico che va dal Gotico al Novecento, costituenti un corpus di indubbio valore culturale.

 

L’Amministrazione, accettando la proposta, ha quindi affidato a Villaggio Globale la realizzazione di uno studio di fattibilità propedeutico alla realizzazione della pinacoteca costituita dal fondo Alessandra presso il Brolo, che ha dato esiti positivi e, nel frattempo, ha provveduto ad una riqualificazione della sede espositiva che ora è pronta a ospitare opere così importanti.

 

Sono state stabilite le tariffe di ingresso (intero euro 6,00, ridotto, per studenti e scolaresche, componenti le comitive di almeno 10 persone paganti, ultrasessantacinquenni, disabili e loro accompagnatori, associazioni convenzionate, membri dell’Associazione Amici dei Musei, soci Touring Club, partecipanti ad iniziative didattiche della pinacoteca, euro 4,00, catalogo euro 7,00) che saranno introitate dal gestore.

 

Tra le opere che saranno esposte, ci saranno capolavori come il “Testa di orientale” di Vittore Carpaccio, il “Ritratto di Daniele Barbaro” e “Ritratto di uomo barbuto” di Jacopo Tintoretto, il “Ritratto d’uomo” di Paris Bordon, il “Giorgione con teschio di cavallo” di Pietro della Vecchia (che raffigura il Giorgione), il “Ritratto di giovane” di Santi di Tito.

 

Nella foto: Ritratto di uomo barbuto, Jacopo Robusti detto Tintoretto (attribuito a) (1519-1594) – fine del quinto decennio del XVI sec. – Olio su tela, cm 58 x 49

Il compost è creato con la frazione umida conferita dai cittadini moglianesi

 

Con la distribuzione gratuita di sacchetti di compost ai cittadini, l’Amministrazione comunale moglianese, con l’assessorato all’ambiente, in collaborazione con Veritas, promuove una nuova iniziativa tesa a incentivare una buona raccolta differenziata.

 

“La buona qualità della frazione organica raccolta dai virtuosi cittadini di Mogliano ci ha consentito di produrre un ammendante di ottima qualità e nel contempo di tenere bloccate le tariffe per il quarto anno consecutivo, nonostante la ripresa dell’inflazione”, commenta il sindaco Carola Arena.

 

I sacchetti sono già in distribuzione agli utenti che si recheranno all’Ecocentro di via Ronzinella negli orari di apertura e precisamente il martedì, venerdì e sabato dalle 13.00 alle 17.00. Il compost deriva dal trattamento della frazione organica, separata dagli stessi cittadini.

 

“L’obiettivo dell’iniziativa è perseguire l’obiettivo dell’economia circolare ovvero di rigenerare i nostri rifiuti reimmettendoli nel ciclo biologico. In questo modo dimostriamo concretamente ai cittadini che il loro sforzo per differenziare i materiali non è vano, sfatando così il più classico dei luoghi comuni secondo il quale i rifiuti raccolti separatamente sarebbero poi rimescolati”, spiega l’assessore all’Ambiente Oscar Mancini.

 

La frazione organica è costituita dalla parte umida dei rifiuti (scarti di cucina, avanzi di cibo, frutta e verdura, pane vecchio; fondi di caffè e filtri di tè; alimenti avariati e scaduti, gusci d’uovo; tovagliolini di carta; lettiere di piccoli animali domestici) e da fiori recisi, piante domestiche, sfalci e potature di parchi e giardini. La frazione organica costituisce una parte molto rilevante dei rifiuti differenziati dai cittadini: una famiglia di quattro persone che vive in una casa con un giardino di 500 mq produce ogni anno 2.500 kg di frazione organica (tra frazione umida, verde e ramaglie) che una volta trattati diventano 1.200 kg di compost.

 

“Il recupero della frazione organica riveste, quindi, un ruolo strategico per la salvaguardia dell’ambiente. Solo separandola bene sarà possibile rispettare l’ambiente e ridurre i rifiuti, contenendo i costi di smaltimento. Molto importante è fare bene la differenziata perché basta una piccola quantità di materiale estraneo per inquinare tutto il resto e renderlo non più riciclabile o riutilizzabile”, sottolinea Mancini.

 

Durante il compostaggio le diverse componenti organiche vengono decomposte dai microrganismi (fase di biossidazione), in condizioni di umidità e aerazione controllate. La temperatura si alza e supera i 70°C, igienizzando così il materiale organico. Altri microrganismi avviano poi la fase di maturazione, che si conclude con la creazione di un terriccio scuro che odora di sottobosco: il compost. Si tratta di un ottimo ammendante, da utilizzare in agricoltura, orticoltura, frutticoltura, florovivaismo e per creare parchi, giardini, aree verdi e naturalistiche. Il compost di qualità inferiore viene invece utilizzato per bonifiche e interventi di recupero ambientale.

Dopo le serate con Ascanio Celestini, Massimo Carlotto, Mario Tozzi e Giobbe Covatta, sarà David Riondino a salire sul palco di Piazzetta del Teatro per l’appuntamento che chiuderà la rassegna teatrale curata da Cinema Teatro Busan nell’ambito di Metropolis, il cartellone estivo promosso dall’Amministrazione comunale.

 

Triglie, principesse, tronisti e alpini è lo spettacolo che andrà in scena alle 21.00 (al Busan in caso di maltempo), con le musiche dal vivo di Mirio Cosottini.
Uno spettacolo incentrato su cronache cantate dell’Italia più o meno contemporanea.
“Uno dei problemi più complessi della fine del Novecento e dell’inizio del millennio è il titolo da dare agli incontri col pubblico di autori che tendono a saltare di palo in frasca. Che già sarebbe un buon titolo. Più semplice dire che apro il sipario, espongo il banchetto e metto in mostra la mia merce: racconti in versi, canzoni più o meno lunghe e più o meno serie, più o meno autentiche e più o meno parodistiche. Un diario in musica, che fotografa questi primi anni del millennio. Questi anni di crisi, insomma, raccontati a partire dalle canzoni e dalle storie che ho scritto in occasioni molto diverse, per radio, teatro, giornali più o meno satirici, televisione”, commenta David Riondino.

 

“Troverete e ritroverò anche io, sempre meravigliandomene, le canzoni che ci mandava il Dottor Djembé da Bora Bora alla RadioRai: la strana Hit Parade con le canzoni crudeli di Pino Paoli, di Francesco Puccini con la P, attenzione!), gli inni delle categorie merceologiche delle Pagine Gialle, le canzoni selle piccole emozioni quotidiane dei Lottatori di Sumo, dei Voltapagine di Pollini, dei Vescovi a Conclave per dirne solo alcune. Troverete diverse canzoni sugli animali: Le triglie, i
Paguri, i pesci Cha cha cha. Ma anche la Sula e l’Albatros. Mi è poi capitato, fortunatamente e fortunosamente, di mettere in canzone anche diverse novelle di Boccaccio, per una serie di Radio3: e un paio sarà opportuno ascoltarle, per valutare quanto gli antichi fossero contemporanei, come lo è Madonna Filippa in una canzone tratta da un racconto esemplare. E faranno da filo conduttore, i poemetti storici, dalla Fornero a Renzi passando per Grillo e Bersani. Più che politica, epica: la cronaca politica mi interessa solo per quanto ne risulta di cantabile, per quanto se ne possa trasformare in poesia, più o meno grottesca.

 

Sarà l’occasione di mettere in fila questi interventi sparsi, che sono a modo loro una cronaca degli ultimi anni, ma soprattutto sono esercizi sulla canzone, e sui molti modo di comporla. Rimango solidamente cantautore, per quanto discograficamente indisciplinato. Trattasi insomma di cantautore eclettico, che racconta i suoi tempi giocando con le forme della canzone, Corta, lunga, sibilata, didattica, epico-narrativa, intra-psichica, animalista, centrifuga, centripeta, e ancor di più.

 

Naturalmente sotto lo sguardo severo di un coro di alpini, invisibile ma vero, che esegue con me due commoventi canzoni d’alta quota. Con la “Q””, conclude infine l’autore. Sempre a cura del Cinema Teatro Busan, seguirà a partire dal 6 agosto “L’estate al cinema”, la rassegna del cinema all’aperto.

 

Info
Biglietto intero: € 15,00 – Biglietto ridotto: € 13,00
Riduzione: fino ai 26 e oltre i 65 anni; disabili e loro accompagnatore.
Acquisti e prevendite online (www.cinemabusan.it) e presso la biglietteria del Teatro Busan, in via don Bosco 41, Mogliano Veneto (TV). Tel. 041 5905024 e 334 1658994
Apertura della biglietteria nella settimana che precede lo spettacolo: mercoledì, giovedì e venerdì dalle 17.00 alle 19.30; sabato dalle 10.00 alle 12.30.
La vendita dei biglietti avverrà inoltre nel luogo dello spettacolo a partire dalle ore 20:00.
In caso di pioggia lo spettacolo si terrà presso il Teatro Busan; in tal caso i posti non saranno numerati.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni