Home / Posts Tagged "Mogliano Veneto"

Lunedì 23 luglio, alle ore 19.30, presso la sala consiliare del palazzo municipale di piazza Caduti, si terrà il Consiglio comunale, con il seguente ordine del giorno:

 

1. Comunicazioni.
2. Interpellanza presentata dal Consigliere Comunale Fazzello Domenica avente ad oggetto: “Situazione edificio ex Asilo Favier c/o Istituto Gris – Mogliano V.to. Prospettive di utilizzo e quesiti vari”.
3. Interpellanza presentata dal Consigliere Comunale Fazzello Domenica avente ad oggetto: “Istituto Gris – Area centro servizi residenziali per anziani – via Tommasini. Inserimento nella programmazione locale per Unità di offerta Centro Diurno per anziani non autosufficienti”.
4. Interpellanza presentata dal Consigliere Comunale Fazzello Domenica avente ad oggetto: “Convenzione Vega (Società cooperativa di distribuzione merci) e Comune di Mogliano V.to. Opere compensative per la frazione di Bonisiolo. Tutela dell’Ambiente”.
5. Interpellanza presentata dal Consigliere Comunale Manes Cristina avente ad oggetto: “Bando europeo WiFi4Eu”.
6. Affidamento delle funzioni e delle attività relative alla riscossione ai soggetti preposti al servizio pubblico nazionale di riscossione. Integrazione deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 28.08.2017.
7. Individuazione organismi indispensabili ai sensi dell’art. 96 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267.
8. Variazione di assestamento al Bilancio di Previsione 2018-2020 e verifica degli equilibri di bilancio.
9. Approvazione del Documento Unico di Programmazione 2019-2021 (DUP). Verifica dello stato di attuazione dei programmi. Aggiornamento degli obiettivi operativi del DUP 2018-2020.
10. Adozione variante al P.R.G. n. 97 “Variante Verde bandi 2017 e 2018” per la riclassificazione di aree edificabili ai sensi dell’art. 7, comma 2, della L.R. 4/2015.
11. Mozione presentata dal Consigliere Comunale Manes Cristina avente ad oggetto: “Adesione del Comune di Mogliano Veneto all’Associazione Rete Italiana Città Sane-OMS”.

Da mercoledì 4 a domenica 8 luglio, in Piazza dei Caduti degustazioni di piatti a base di pesce e appuntamenti musicali a ingresso gratuito

 

Oltre agli spettacoli di musica, cinema, teatro e danza, Metropolis, l’estate moglianese, prevede anche appuntamenti enogastronomici e di intrattenimento in Piazza Caduti. Tra questi, a luglio è in programma la prima edizione di “Pesce & Prosecco”, organizzata dall’associazione Teatro&Musica e dalla Coop. Mareadentro di Chioggia, con l’obiettivo di far conoscere le tipicità della cucina chioggiotta.

 

Molteplici i piatti della nota cucina che si potranno degustare: sarde e gamberi in saor, insalata di mare o cozze in Cassopipa, risotto alla marinara, spaghetti allo scoglio, pasticcio di pesce e gnocchetti alla pescatora, le prelibate fritture o le ottime grigliate… Un percorso enogastronomico di qualità grazie agli chef e alla cucina della Festa del pesce azzurro di Chioggia, insignita del riconoscimento “Visitaly”.

Le degustazioni saranno accompagnate da Prosecco DOC e vini veneti.

 

La manifestazione si terrà da mercoledì 4 a domenica 8 luglio. Il programma prevede non solo degustazioni, ma anche appuntamenti musicali a ingresso gratuito con serate dedicate:
Mercoledì 4: Comunque Lucio – Omaggio a Lucio Battisti
Giovedì 5: Funkasin – Street band
Venerdì 6: Noi con Voi – Tributo Pooh
Sabato 7: Venice Floyd – “The Pink Floyd experience”
Domenica 8: Enrico Marchiante in concerto

 

L’apertura degli stand gastronomici è prevista alle 18.00; musica e spettacolo dalle 21.30.

 

La Giunta comunale ha dato il via libera a due delibere che avviano l’iter approvativo della fase progettuale di due nuove opere intitolate: “Interventi di completamento delle connessioni ciclabili e intermodali dei parcheggi scambiatori del quadrante di Zelarino: Lotto1 e Lotto 2”.

 

“Si tratta della realizzazione di 7,5 km di nuova pista ciclabile che permetterà di compiere la ricucitura dei collegamenti ciclabili esistenti e la realizzazione di nuovi a partire dalla zona della Gazzera, fino alla zona più nord del territorio comunale al confine con il comune di Mogliano Veneto, che già il sindaco Luigi Brugnaro aveva presentato alla cittadinanza di Zelarino lo scorso 14 dicembre e che ora passa nella fase operativa – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Francesca Zaccariotto. Un progetto che prevede la realizzazione di 2,7 km di nuova pista per il Lotto 1, corrispondente al quadrante sud di Zelarino, e altri 4,8 km nel Lotto 2, corrispondente al quadrante nord. Nuovi tracciati che sommati ai 2 km di ciclabili già realizzati in questa parte di territorio, vanno a costituire un percorso di ciclabile senza interruzioni dalla Gazzera a via Marignana – via Terraglio, per un totale di 9,5 km”.

 

Nello specifico, partendo dalla zona della Gazzera verso il centro di Zelarino, il nuovo percorso ciclabile interesserà gli assi viari di collegamento alle zone più densamente abitate e frequentate di questo quartiere quali via Visinoni, via Selvanese e via Tito, attraversando altresì il parco del Marzenego, noto come “Parco Zia”, migliorandone la visibilità e la penetrabilità dalla viabilità principale. Contestualmente, la realizzazione delle piste ciclabili consentirà la messa in sicurezza del percorso di accesso della limitrofa scuola dell’infanzia Melograno e del nido Gori.

 

 

Il progetto prevede inoltre la realizzazione di due nuove rotatorie: una all’intersezione tra via Visinoni e via Selvanese e una all’intersezione tra via Selvanese e via Tito, entrambi nodi di criticità per il traffico cittadino, specialmente nelle ore di punta.

 

 

La nuova ciclabile, collegandosi ai percorsi già presenti lungo la Castellana, lambirà il sagrato della Chiesa di Zelarino proseguendo verso nord lungo via Scaramuzza: inizialmente attraversando l’area residenziale al di sotto di via Paccagnella e via Marieschi per poi collegarsi al tratto di ciclabile già realizzata nella medesima via per proseguire senza interruzioni fino alla via Gatta. A questo punto la ciclabile di progetto si collegherà in direzione ovest con la ciclabile esistente di via Gatta e proseguirà in direzione est fino al sottopasso ferroviario e poi ancora fino al Terraglio.

 

A fronte di una viabilità esistente molto stretta e priva di marciapiedi, il nuovo tracciato andrà a realizzarsi al di fuori della sede stradale, sul lato campagna, andando finalmente a costituire un nuovo percorso ciclo-pedonale in sicurezza per gli utenti deboli della strada. Un altro tratto di ciclabile verrà infine realizzato in ambito rurale, staccandosi dalla via Turbine, una laterale di via Gatta, per percorrere un tratto di circa 1,8 km sopra l’argine sud del fiume Dese fino a intersecare la via Marignana.

 

 

“Sono estremamente fiducioso che il Consiglio comunale valuterà positivamente questo progetto che vedrà la realizzazione di un percorso ciclabile tra i più importanti della Città – commenta l’assessore all’Urbanistica e all’Ambiente Massimiliano De Martin. In questo modo, non solo questa Amministrazione dimostra di sostenere la mobilità green, cosa che tra l’altro stiamo facendo incentivando i motori elettrici di vetture e imbarcazioni, ma di avere a cuore il rispetto dell’ambiente in cui viviamo e dell’aria che respiriamo. Un percorso pensato anche per le famiglie con bambini, che potranno muoversi in completa sicurezza alla scoperta del territorio circostante”.

 

Per la realizzazione dei due interventi, l’Amministrazione comunale ha finanziato una spesa complessiva di euro 3.775.000,00 e prevede l’avvio dei lavori, se questi dovessero essere approvati dal Consiglio comunale, nella seconda metà del 2019.

 

La Giunta ha approvato il progetto definitivo. Il cantiere è previsto per la primavera 2019

 

L’approvazione del progetto definitivo delle due nuove piste ciclabili di via Cavalleggeri e via Torni, da parte della Giunta comunale, mette in rampa di lancio l’esecuzione delle due importanti e attese opere, la cui realizzazione si concluderà entro il 2019.

 

“Siamo estremamente soddisfatti per aver completato l’iter amministrativo di queste due opere, nonostante alcuni intoppi legati alle procedure di esproprio per via Cavalleggeri. Le due nuove ciclopedonali significheranno molto per la sicurezza di pedoni e ciclisti in due aree non centrali, ma non per questo meno importanti per la nostra città. La ciclabile di via Torni completa il collegamento verso Marcon, mentre quella di via Cavalleggeri tra le zona residenziali di via Bonotto e via Bianchi con il centro, ampliando sensibilmente i percorsi sicuri del nostro territorio”, commenta il sindaco Carola Arena.

 

L’importo con il quale l’Amministrazione ha finanziato interamente l’opera già nel bilancio 2017 ammonta a 560mila euro. L’Amministrazione ha comunque deciso di partecipare al bando regionale per l’assegnazione dei fondi statali per la progettazione e la realizzazione di interventi per lo sviluppo e la messa in sicurezza della circolazione ciclistica cittadina, per tentare di ottenere un finanziamento del 20 % dei costi.

 

La soluzione progettuale adottata per l’intervento su via Cavalleggeri prevede la realizzazione di un tratto di pista ciclopedonale, a doppio senso di marcia, sul lato est, dal limite del ponte sul fiume Zero fino al limite della pista ciclopedonale esistente a lato della rotatoria sull’intersezione tra la Tangenziale nord e via Cavalleggeri. La pista ciclopedonale viene prevista in rilevato sopra il fossato esistente con tombamento dello stesso. Infine nei tratti dove è già presente l’allargamento della banchina stradale con tombamento del fossato, che viene ricreato al lato est della ciclabile per preservare l’invarianza idraulica, e viene prevista una semplice sistemazione a pista ciclabile della banchina esistente. Tra le opere previste per la realizzazione della pista ciclopedonale ci sono realizzazione di sottoservizi con collegamenti idraulici tra le intersezioni, impianto di illuminazione pubblica, formazione di rilevati stradali in ampliamento, sistemazione a verde (piante tappezzanti su aiuola spartitraffico), realizzazione di nuova segnaletica orizzontale e verticale.

 

In occasione dei lavori, inoltre, ci sarà l’opportunità di estendere a via Cavalleggeri la rete metano-gas, da parte del gestore ACM Gas, dando così la possibilità a tutti i residenti di allacciare le proprie abitazioni al servizio.

 

La soluzione progettuale adottata per via Torni prevede la realizzazione di un tratto di pista ciclopedonale, anche in questo caso a doppio senso di marcia, sul lato Nord della ex SP75, dal limite della pista ciclopedonale esistente che si collega al centro di Mogliano, fino al marciapiede al limite del confine comunale con Marcon. La pista viene prevista in rilevato sopra il fossato esistente con tombamento dello stesso. Nei tratti dove è già presente l’allargamento della banchina stradale con tombamento del fossato viene prevista una semplice sistemazione a pista ciclabile della banchina esistente. In corrispondenza del sottopasso autostradale la pista viene ridotta a 1,5 metri con innalzamento del piano ciclabile ad 1 metro da terra per protezione contro eventuali urti da traffico stradale. Sono previste la realizzazione di sottoservizi con collegamenti idraulici, impianto di illuminazione pubblica, realizzazione di rampa con muro di sostegno in calcestruzzo e parapetto, formazione di rilevati stradali in ampliamento, sistemazione a verde (piante tappezzanti su aiuola spartitraffico) e realizzazione di nuova segnaletica orizzontale e verticale.

 

“La viabilità di via Cavalleggeri è stata aggravata recentemente dalla realizzazione della Tangenziale nord che la attraversa a raso, confermando che la via è di fatto una porta di accesso alla città, senza rallentamenti di incroci e semafori, sempre più utilizzata. Questo comporta criticità nella sicurezza che con l’intervento saranno sanate. Così come in via Torni, dove la carreggiata e il sottopasso autostradale sono ristretti e l’attuale percorso protetto obbliga pedoni e ciclisti ad attraversare in prossimità di curve, situazione di pericolo che il nuovo manufatto eliminerà”, commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Filippo Catuzzato.

 

Lunedì 25 giugno, alle ore 20.45, il Coro Quodlibet si esibirà nel Concerto d’estate, nella piazzetta del Teatro di Mogliano, proponendo musiche di Verdi, Bellini, Lehàr, Rossini, Mancini, Arlen, Cohen e Kander.

 

Diretti da Emanuele Pedrini, sentiremo esibirsi:

Loriana Marin Soprano
Alessandra Vavasori Mezzosoprano
Gabriella Pellos Mezzosoprano
Marco Rumori Tenore
Eugenio Masino Tenore
Safa Korkmaz Tenore
Luca Scapin Baritono
Antonio Casagrande Basso

Ulisse Trabacchin e Alberto Boischio Pianoforte a 4 mani

 

 

Informazioni:

ingresso € 10, posti numerati
i biglietti si possono acquistare presso: ass. Amici della Musica, bar Al Teatro, libreria Mondadori
tel. 335 7735237 oppure 348 9025425
in caso di maltempo, il concerto avrà luogo presso il Duomo di S. Maria Assunta.

 

Il Concerto d’estate è realizzato nell’ambito della rassegna METROPOLIS e con il Patrocinio della Città di Mogliano Veneto.

Anche a Mogliano, saranno installate a breve diverse colonnine di ricarica per veicoli a trazione elettrica. L’amministrazione comunale ha infatti sottoscritto un protocollo d’intesa con Enel x Mobility.

Enel si impegna a realizzare la rete di ricarica per veicoli elettrici, facendosi carico di tutti quanti i costi relativi al progetto, senza oneri per il comune. In particolare, Enel provvederà all’allacciamento alla rete elettrica delle colonnine, alla loro installazione, gestione e manutenzione per un periodo di 8 anni, mentre il Comune s’impegna a promuovere la mobilità elettrica all’interno del proprio territorio comunale, mettendo a disposizione gratuitamente dei posti auto per la ricarica dei veicoli elettrici, vigilando che siano utilizzati esclusivamente a questo scopo.

 

“Non ci basta aver raggiunto con largo anticipo i risultati previsti dal nostro PAES. Vogliamo fare di più per incentivare l’utilizzo di veicoli che permettano un ulteriore abbattimento dell’inquinamento sia atmosferico sia acustico e la presenza delle colonnine di ricarica nel nostro territorio sarà utile a chi dispone già di un’auto elettrica, ma sicuramente di incentivo per altri che la vorranno acquistare. Ormai la strada è tracciata, le vetture alimentate da gasolio spariranno dalla circolazione ed Enel ha in previsione di realizzare, entro i prossimi 3 anni, 14 mila colonnine di ricarica in tutta Italia”, dichiarano il sindaco Carola Arena e l’assessore alle Politiche ambientali, Oscar Mancini.

 

Ma aspettando le colonnine, l’amministrazione punta decisa sulla sensibilizzazione dei cittadini e anche quest’anno proporrà gli “Energy days”, nel prossimo fine settimana. Il 23 giugno, dalle 9 alle 19, e il 24 giugno, dalle 9 alle 13, in Piazza Caduti saranno protagoniste tutte le soluzioni sostenibili, in materia di energia, che caratterizzeranno il prossimo futuro e che il PAES di Mogliano, Piano di azione per l’energia sostenibile, già prevede.

 

Aziende specializzate presenteranno impianti fotovoltaici fissi o a inseguimento del sole, accumulatori dell’energia prodotta dai pannelli, le wall-box per la ricarica casalinga di auto, moto e biciclette elettriche. Particolare attenzione sarà dedicata, infatti, alla mobilità con auto a batteria elettrica. Non mancheranno i materiali da costruzione, gli isolanti, gli infissi con basse trasmittenze, ma anche la tecnologia per l’alimentazione dei veicoli industriali col biogas prodotto dai rifiuti organici.

 

Puntiamo a ridurre le nostre emissioni di ben oltre il 40% entro il 2030, continuando a incentivare la sostituzione delle caldaie domestiche, oltre alle 230 già sostituite, e chiamando a collaborare i cittadini, le aziende e le organizzazioni del terziario. Abbiamo inoltre allo studio provvedimenti per la realizzazione di boschi e la riduzione dell’uso delle fonti energetiche fossili, prevedendo ulteriori incentivi per favorire l’efficientamento energetico e la diffusione delle tecnologie che impiegano le fonti rinnovabili”, aggiungono il sindaco Arena e l’assessore Mancini.

 

Gli “Energy days” hanno il patrocinio della Commissione europea e del ministero dell’Ambiente e sono promossi assieme a D-Nest, Associazione Nordestsudovest ed Energoclub.

 

Il ladro che la settimana scorsa ha compiuto il furto ai danni della cassa dell’Hotel Villa Stucky di Mogliano è stato smascherato dai Carabinieri.

 

Si tratta di un 25enne magrebino che nella notte si è introdotto nell’hotel e ha approfittato della momentanea distrazione del personale per forzare la cassa della reception, asportando quello che vi era dentro.

 

A quanto dichiarato dalla Proprietà, la somma sottratta si aggirava intorno ai mille euro, tuttavia non è la prima volta che si verificano episodi del genere: negli ultimi tre, quattro anni, i tentativi di furto sono stati numerosi e tutti a opera di extracomunitari.

 

I Carabinieri, sempre molto collaborativi, anche questa volta si sono adoperati per individuare il responsabile. Incrociando le immagini delle telecamere dell’hotel e del Comune, sono presto riusciti a scovare il ladro e ad arrestarlo.

Carlo & Giorgio anche quest’anno dedicano l’estate al loro pubblico, con uno spettacolo che riporta in scena il repertorio storico e i personaggi più amati. E lo fa rispolverando un titolo che per il duo comico ha avuto un grande successo: Così per gioco, ovvero il Gioco dell’Oca di Carlo & Giorgio.

 

Lo spettacolo verrà proposto al Lido di Venezia, a Palazzo del Cinema – Teatro Perla, il 29 e 30 giugno e il 1 luglio (ore 21.00). Viste le numerose richieste, è stata aggiunta una quarta data, lunedì 2 luglio, sempre alle 21.00 (prevendite aperte da venerdì 15 giugno).

 

Così per gioco si sposterà poi a Mogliano Veneto, dove andrà in scena in Piazzetta del Teatro il 18, 19, 20, 21 luglio alle 21.30 (in caso di maltempo si sposterà al Teatro Busan).

 

 

Così per gioco, personalissima rivisitazione del gioco dell’oca

 

Il gioco dell’oca, così come nella vita, richiede di vincere prove, superare ostacoli, guadagnare premi o subire punizioni, nel tentativo di arrivare alla meta finale.

 

In scena ecco un grande tabellone numerato, dei dadi e… il gioco è fatto: Carlo & Giorgio sfidano il pubblico ed innescano una gara a colpi di dadi verso la casella della vittoria n. 63. Ad ogni casella del tabellone, così come nel vero gioco dell’oca, corrisponde un premio, una penalità e soprattutto uno sketch che vede protagonisti i personaggi più noti di Carlo & Giorgio: torneranno così in scena la signora Giancarla con il marito Sergio, i tossici Denis e Fabietto, Batman e Robin e tanti altri personaggi che li hanno resi celebri.

 

La vera novità è che lo spettacolo sarà diverso ed imprevedibile ogni sera, perché saranno i dadi e quindi la casualità e la sorte a determinare l’uscita di questo o quel personaggio e l’andamento del gioco: il filo conduttore sarà dunque affidato al caso.

 

 

Così per gioco, un successo che si rinnova

 

Comicità, improvvisazione, musica, ironia: gli elementi che da sempre caratterizzano lo stile di Carlo & Giorgio trovano in questo spettacolo un perfetto incastro nella struttura essenziale del gioco dell’oca. È questo il segreto della longevità di COSÌ PER GIOCO che, con l’inserimento di nuovi sketch o la riproposta dei classici più amati dal pubblico, viene riproposto con grande freschezza lasciando, oltre al sorriso, un pizzico di riflessione, come i mille significati nascosti nella simbologia del gioco, dei suoi singoli elementi, delle mete che più o meno consapevolmente ci affanniamo ad inseguire per poi magari scoprire che erano solo “un’oca”.

 

 

Per informazioni, costi, prevendite e modalità di acquisto:

www.carloegiorgio.it oppure 333 2573806

Quando non puoi cambiare ciò che è intorno a te, comincia a cambiare ciò che è dentro di te. In altre parole, sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.
Così recitava il Mahatma Gandhi e così recita oggi anche Inner Peace, un’associazione presente in oltre cinquanta Paesi al mondo, che propone la meditazione come primo passo verso la ricerca della pace interiore, in un progetto che ambisce a diffondere il desiderio di un mondo più sereno, a partire dalle nuove generazioni. Un progetto che è stato accolto con grande successo anche nella Scuola Primaria Dante di Mogliano Veneto, su iniziativa dell’insegnante Paola Mantelli, che ha conosciuto l’associazione Inner Peace grazie a un servizio del TG2.

 

 

Il mese scorso ha dunque visto numerosi bambini di diverse classi elementari della Dante cimentarsi nella pratica della meditazione e realizzare splendidi disegni veicolanti messaggi di gioia e serenità.

 

La meditazione nelle scuole è un fenomeno che si sta diffondendo sempre più, utile non solo a diminuire il deficit di attenzione, ma anche a migliorare l’integrazione con gli altri e a scoraggiare gli episodi di bullismo, perché se si sta bene dentro, si riesce a star bene pure fuori. Questo stato d’animo garantisce infatti un approccio rispettoso verso l’ambiente circostante e uno sviluppo armonico della propria personalità, rendendoci più consapevoli dei legami che ci uniscono agli altri, al di là di ogni appartenenza culturale o religiosa.

 

Fiducia, creatività, pace, gioia e armonia sono le qualità che vengono risvegliate e nutrite dalla pratica di questo tipo di yoga, così semplice, così spontaneo, che guida i più piccoli alla scoperta del loro io più segreto.

 

Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo da tutti gli insegnanti e i bambini che vi hanno partecipato.

 

 

 

A Mogliano sono partiti i centri estivi, ma non alla scuola Dante di via Roma.

Pochi giorni prima dell’apertura prevista in questa scuola, i genitori dei bambini iscritti – che avevano pagato anticipatamente la retta – sono stati chiamati e informati che la Dante non aveva raggiunto il numero di iscritti previsto e che quindi i centri estivi non sarebbero partiti.

 

In alternativa venivano proposti i centri estivi della scuola alle Olme, vale a dire nella parte della città più lontana dalla Dante di via Roma.

Per coloro che non accetteranno è previsto il rimborso.

 

In tutto questo viene ravvisata una carenza di comunicazione da parte degli organi comunali preposti. Sarebbe stato bene avvisare un poco prima i genitori, dando così loro la possibilità di iscrivere i figli ai centri estivi della Parrocchia di Santa Maria Assunta ormai, purtroppo, pieni.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!