Home / Posts Tagged "info"

Scatta dal 1 luglio 2018 l’obbligo di prenotazione per il rilascio della Carta d’identità elettronica (CIE) negli sportelli del Comune di Venezia. “L’obiettivo è quello di agevolare l’utenza riducendo le attese – ha commentato l’assessore al Decentramento Paola Mar – efficientando il lavoro degli operatori e facendo scegliere ai cittadini il giorno e l’ora per recarsi allo sportello. Un servizio che i numeri ci dimostrano essere sempre più fondamentale. Infatti, se nel 2017 sono state rilasciate 6.929 CIE a fronte delle 27.792 cartacee, in questi primi mesi del 2018 il dato si sta sensibilmente invertendo con 13.951 CIE contro le 3.997 cartacee. Un’ulteriore dimostrazione di come i cittadini apprezzino l’innovazione e preferiscano il formato elettronico a quello cartaceo”.

 

La prenotazione potrà essere effettuata in due modi:
via web collegandosi al portale del Comune di Venezia servizi online anagrafe semplice
contattando gli Uffici relazione con il pubblico (Urp) di Venezia e Mestre tramite i numeri telefonici 041 2748080 (dal lunedì al venerdì 9.00 – 13.00 e il giovedì pomeriggio 15.00 – 17.00) e 041 2749090 (dal lunedì al venerdì 9.00 – 13.00 e il martedì pomeriggio 15.00 – 17.00).

 

Per chi preferisce recarsi agli sportelli, la prenotazione dell’appuntamento per il rilascio della CIE può venire effettuata anche nelle sedi dell’anagrafe del Comune che dispongono degli apparecchi per il rilascio:

– Venezia Ca’ Loredan
San Marco 4142 (ingresso da calle Loredan)
San Marco 4161 (ingresso da calle del Carbon)
– Lido via Sandro Gallo 32
– Pellestrina Sestiere Zennari 639
– Murano Fondamenta da Mula 153
– Burano via San Martino Destro 179
– Mestre via Cappuccina 76
– Favaro Piazza Pastrello
– Marghera Piazza del Municipio 1
– Chirignago Piazza San Giorgio 1
– Zelarino Piazza Munaretto

 

La Carta d’identità elettronica, che diventerà obbligatoria per circolare in Europa, sta sostituendo quelle cartacee mano a mano che arrivano a scadenza. Il rinnovo è possibile a partire dal 180° giorno antecedente quello di scadenza. Il documento ha un costo di 22,21 euro da pagarsi in contanti ed è dotato di sofisticati elementi di sicurezza conformi agli standard internazionali anticlonazione e anticontraffazione. La nuova CIE viene spedita direttamente all’indirizzo indicato dall’utente dal Poligrafico dello Stato entro 6 giorni dalle operazioni di rinnovo.

Dopo il successo delle precedenti mostre, il giovane e talentuoso fotografo veneziano Alvise Scarton annuncia finalmente la data della sua terza mostra fotografica – dall’originale titolo “Il Graffio su Donna” –, con cui intende portare all’attenzione del pubblico il fenomeno sempre più attuale della violenza sulle donne. Una violenza che troppo spesso non viene denunciata, poiché ha luogo entro le mura domestiche, quelle che ogni donna ritiene sicure, familiari, ma che purtroppo a volte si trasformano in teatro di solitudine e dolore.

 

Nei suoi scatti in bianco e nero, Alvise mostrerà la paura, la sofferenza e la sottomissione che una donna vittima di violenza è costretta a sopportare quotidianamente, lanciando questo importante messaggio: “Fatevi rispettare e trovate sempre il coraggio di denunciare gli abusi”.

 

La mostra, che sarà inaugurata alle 18.30 di giovedì 21 giugno presso l’ex Provvederia di Mestre, in via Torre Belfredo 1, sarà visibile gratuitamente dal 22 giugno al 7 luglio, dal lunedì al sabato, nel seguente orario: dalle 9.30 alle 12 e dalle 16.00 alle 19.

 

Per info: 393 8657361 o alvisescarton9@gmail.com

Wolfgang Beltracchi e Mauro Fiorese. Un progetto di Christian Zott.

Venezia, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, 5 ottobre – 3 novembre 2018

 

La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con ZOTT Artspace, presenta, dal 5 ottobre al 3 novembre 2018 nelle sue Sale Monumentali, la mostra “KAIROS. Il momento decisivo”, che vuole proporre uno sguardo unico nel suo genere sulla storia dell’arte.

La mostra permetterà infatti di ammirare le opere mai viste e mai realizzate in 2000 anni di produzione artistica europea.

 

Dopo tre anni di preparativi, la mostra con le fotografie di Mauro Fiorese (1970 – 2016) e i quadri di Wolfgang Beltracchi (*1951) inaugurerà la sua tournée europea nelle sale della Biblioteca Nazionale Marciana.
“Visto lo stretto legame con Mauro Fiorese, di cui “KAIROS. Il momento decisivo” è stato l’ultimo progetto, tenevamo particolarmente a inaugurare la mostra in Italia, suo Paese natale”, afferma l’ideatore del progetto, Christian Zott, riguardo alla cooperazione con la Biblioteca Nazionale Marciana. Per il progetto europeo, Zott ha incaricato due artisti di confrontarsi con la domanda degli spazi vuoti nella nostra visione dell’arte: “Come sarebbe se non vedessimo tutto ciò che invece avremmo potuto vedere?”, domanda alla quale i due
artisti forniscono risposte fortemente divergenti.

 

 

Mauro Fiorese, nella sua pluripremiata serie “Treasure Rooms”, ha fotografato i depositi di alcuni tra i più importanti musei, dagli Uffizi al Museo Correr passando per la Galleria Borghese, mettendo in luce l’enorme varietà del nostro retaggio culturale, del quale però vediamo in realtà solo una piccola parte. Circa il 90 percento delle collezioni, infatti, è immagazzinato nei depositi dei musei. Il loro grande momento è passato. Perché? – questa è la domanda che i lavori di Fiorese sembrano porre.

 

 

Il pittore Wolfgang Beltracchi, dal canto suo, si mette alla ricerca dei grandi momenti del passato che non sono mai stati fissati su tela, che Beltracchi dipinge utilizzando la mano artistica dei grandi maestri del proprio tempo. Dalla HMS Beagle che salpa con a bordo Charles Darwin, nella mano artistica di William Turner, fino alle scoperte di Amerigo Vespucci, il primo europeo a capire che il Nuovo Mondo era un continente a sé stante, attraverso la mano del suo contemporaneo Sandro Botticelli. Momenti cruciali di una ventina di epoche storiche ci si presentano innanzi, per la prima volta ritratti con la mano artistica dei maestri del loro tempo.

 

Grazie a moderni strumenti per la rappresentazione dell’arte, come una App con realtà aumentata, Christian Zott e il curatore Andreas Klement rendono la visita della mostra un’esperienza quanto mai coinvolgente.

 

Informazioni:
Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, con ingresso dal Museo Correr, secondo il seguente orario:

ore 10-18 fino al 31 ottobre

dal 1° novembre ore 10-16

 

 

Gli artisti:

Wolfgang Beltracchi è nato nel 1951 con il nome di Wolfgang Fischer come figlio di un pittore e restauratore di chiese. Già in giovane età ha dato una mano al padre, affiancandolo nel suo lavoro e studiando volumi di storia dell’arte. Cosa che gli ha permesso di sviluppare quasi per gioco una profonda conoscenza dell’arte e una straordinaria abilità artigianale, con le quali in seguito avrebbe sbalordito ma anche ingannato il mondo dell’arte.

Mauro Fiorese (1970 – 2016) è da annoverarsi tra i fotografi contemporanei più riconosciuti a livello internazionale. I suoi lavori sono stati esposti, tra gli altri, alla Bibliothèque Nationale de France a Parigi, al Museum of Fine Art di Houston e al Museo di Fotografia Contemporanea di Milano. All’inizio del 2016 è stato premiato come uno degli artisti più influenti a livello mondiale nel quadro del World Economic Forum a Davos.

La meditazione per gli occidentali

 

Venerdì 15, 22 e 29 giugno, inizia un nuovo ciclo di meditazioni attive, dalle ore 18 alle 19.45, presso l’Associazione Ambra, in via Garibaldi 20, a Quinto di Treviso.

 

Le meditazioni attive di Osho creano un percorso di autoconoscenza a partire dal corpo, che consente di focalizzare l’attenzione su:
❃ blocchi energetici condensati in alcuni punti fisici, per scioglierli e allentarli dolcemente
❃ punti di forza, per renderli vivi e attivi
❃ la nostra essenza più profonda

 

Ogni meditazione attiva ideata da Osho si compone di alcuni stadi durante i quali si possono scaricare le tensioni sia fisiche che emotive e mentali, per poi giungere naturalmente a uno stato di quiete interiore, la meditazione.

La presenza di un materassino e di una coperta è consigliata.

 

 

Info e prenotazioni:

Cell. e WA: 320 4103952 (Roberta)

E-mail:  info@robertamarzola.it

Evento Facebook

L’ingresso è libero con contributo responsabile su prenotazione

Dal 28 giugno al 31 luglio a Campocroce di Mogliano Veneto (Treviso) in programma spettacoli teatrali, musica e mostre d’arte

 

7 spettacoli di cui una prima nazionale, 2 appuntamenti musicali, una mostra d’arte, 4 workshop per bambini e ragazzi e uno stage di 15 giorni: tutto questo è Tema Cultura Festival, la terza edizione di un evento che si propone di presentare i grandi nomi del teatro italiano ma anche di promuovere i giovani talenti.

 

“Quest’anno – commenta Giulia Pelliciari, direttore artistico del festival – abbiamo voluto puntare in alto: l’intento è quello di creare un’iniziativa di ampio respiro culturale con rappresentazioni che possano far divertire, riflettere, coinvolgere, stupire, scuotere il pubblico. Vogliamo creare dibattito, formare uno spettatore consapevole e allo stesso tempo dare l’opportunità alle giovani compagnie di farsi conoscere”.

 

Il cartellone si apre il 28 giugno con un monologo di Giuseppe Pambieri una delle grandi voci del teatro italiano, “Centomila uno nessuno”, un viaggio ironico ed emozionante attraverso l’universo di Pirandello.

 

Il 5 luglio sul palcoscenico la compagnia IF Prana in collaborazione con la Regione Toscana con la prima nazionale di “Scimmie”, una riscrittura del mito di Troia attualizzato nel presente.

 

Unica data veneta l’11 luglio per Alessandro Preziosi che porta alla Filanda Motta “Totò oltre la maschera”, un recital omaggio all’attore napoletano.

 

Il 19 luglio in programma “Io mai niente con nessuno avevo fatto”, testo pluripremiato portato in scena da Vucciria Teatro, teatro Bellini di Napoli che affronta il tema dell’omosessualità.

 

Il 26 luglio Edoardo Siravo conquisterà il pubblico con “Non ci resta che ridere”, un viaggio nella letteratura e nella poesia comica di tutti i tempi.

 

Tutti gli spettacoli inizieranno alle 21.00 mentre alle 20.30 è previsto un aperitivo con gli artisti.

 

 

Il 28 giugno alle 19.30 si inaugura la mostra “Vachement” di Martino Zanetti che sarà ospitata nella Filanda Motta per tutto il periodo del festival.

 

Due gli appuntamenti con la musica: il 19 luglio alle 19.30 Ginga, una delle più autorevoli voci gospel italiane nello spettacolo “Ginga on my mind”,  mentre il 26 luglio alle 19.45 Francesco Zanetti darà voce alle note di Fabrizio De André con “Storie sbagliate”.

 

Per la rassegna giovani palcoscenici, il 31 luglio alle 19.30 studenti della London Accademy (di cui una ex allieva di Tema Cultura) presenteranno uno studio su Antigone, il 30 e il 31 luglio alle 21.00 luci accese su “Alice” prodotto dalla Compagnia La Stanza e realizzato durante uno stage in programma dal 16 al 29 luglio.

 

Per i bambini e i ragazzi in programma l’8-15-22-29 luglio workshop con laboratori di teatro, arti grafiche, pittura, lettura.

 

Tema Cultura Festival è una delle iniziative della rassegna Metropolis promossa dal Comune di Mogliano Veneto.

 

Per info e prenotazioni:

www.temacultura.it

Tel.3462201356

temaculturafestival@gmail.com

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici, ha approvato durante l’ultima seduta il progetto definitivo dei lavori di restauro, adeguamento funzionale, normativo e riordino dei forti Manin, Carpenedo, Gazzera, Tron, Mezzacapo, Pepe e Rossarol.

 

Nello specifico i lavori, che avranno un valore complessivo di 1,5 milioni di euro, finanziati dal Bando periferie, avranno come obiettivo la tutela e conservazione degli immobili con consistenza strutturale ed edilizia gravemente compromessa (ad esempio la Casa del maresciallo a Mezzacapo, con copertura crollata e l’Ex archivio Militare a Carpenedo, con travi marcite e ampi tratti di copertura collassati), il risanamento e consolidamento strutturale, ai fini della sicurezza e della salubrità dell’uso (Capannone a Mezzacapo e il Corpo di guardia a Gazzera) e l’accessibilità in sicurezza ai compendi fortilizi con un’importante azione di contrasto alla progressiva invasione da parte della vegetazione infestante.

 

In base quindi alla consistenza complessiva dei beni oggetto di intervento che occupano una superficie pari a 82mila metri quadri coperta in un contesto di oltre 1,4 milioni di metri quadri di aree pertinenziali, sono stati formulati, dopo una puntuale condivisione con la Soprintendenza, i seguenti interventi ritenuti prioritari:

 

FORTE MAZZACAPO

Casa del Maresciallo: recupero con ricostruzione parziale della copertura, sostituzione degli infissi ammalorati, predisposizione della dotazione impiantistica di base, per possibile utilizzo a tipo foresteria
Capannoni: consolidamento strutturale, cinturazione sottogronda, fasciatura con piatti in acciaio, per messa in sicurezza del manufatto
Batteria: rifacimento parziale della guaina di copertura deteriorata
Garitte: posizionamento a terra di 3 in quanto pericolanti

 

FORTE CARPENEDO

Ponte d’accesso: rifacimento completo piano di calpestio
Ex Archivio Militare: ripristino con rifacimento copertura recupero degli elementi lignei in buono stato, manto in lamiera su tavolato ligneo, consolidamento strutturale,ricostruzione della falda crollata su due piazzole di tiro, apposizione degli infissi dell’ambito chiuso alle intemperie, impianto elettrico
Traversone d’attacco: recupero del marciapiede esterno

 

FORTE GAZZERA

Traversone centrale/Batteria: rifacimento completo guaina di copertura
Caponiera: spazzolatura e trattamento antiruggine e installazione reti anticaduta calcinacci
Corpo di guardia: recupero funzionale e risanamento interno
Traversone centrale e d’attacco: recupero del marciapiede esterno

 

FORTE TRON

Ponte: integrazioni puntuali pianodi calpestio e integrazioni al parapetto
Corpo di guardia: misure antintrusione, chiusura forometrie
Forte: eliminazione vegetazione e arbusti infestanti e delle puntellazioni permanenti

 

FORTE PEPE

Casa del Maresciallo e Corpo di Guardia: messa in sicurezza con puntellazioni permanenti
Batteria, Casa del Maresciallo e Corpo di Guardia: eliminazione vegetazione e arbusti infestanti
Recinzione su via Triestina: rifacimento recinzione

 

FORTE ROSSAROL

Ponte d’accesso: integrazione del piano di calpestio e parapetto
Batteria: eliminazione vegetazione e arbusti infestanti e puntellazioni permanenti

 

FORTE MANIN

Batteria: eliminazione vegetazione infestante
Recinzione: rifacimento recinzione
Polveriera: manutenzione della copertura e chiusura forometrie
Ponte: messa in sicurezza

Iniziativa del Rotary col patrocinio del Comune il 12 giugno a Villa Condulmer

 

Lo sport è la metafora della vita: ti insegna a compiere sacrifi­ci, a credere in ideali, a lottare per qualcosa, a rialzarti dopo una caduta.

 

Le storie di campioni, come di atleti qualsiasi, specie se paratleti, sono spesso paradigma di come andrebbe affrontata la quotidianità.

 

Per questo il Rotary Club Treviso Terraglio di Mogliano Veneto, col patrocinio del Comune, assessorato allo sport, ha chiesto a due atleti di successo del nostro territorio di raccontarsi nel corso di una serata aperta a tutti, che si svolgerà a Villa Condulmer, martedì 12 giugno alle 20.00 (ore 20.00: aperitivo a bu­et – costo €15,00 su prenotazione; ore 20.45: ingresso libero e presentazione degli atleti, con saluto per l’Amministrazione Comunale dell’assessore Oscar Mancini).

 

A raccontarsi, presentati da Valter Durigon, formatore di educazione fisica, ci saranno Andrea Cipressa, olimpionico medaglia d’oro nel fioretto a squadre (con Stefano Cerioni, Mauro Numa e Angelo Scuri) ai giochi olimpici di Los Angeles 1984, ora CT Nazionale Italiana Fioretto Medaglia d’oro Olimpica a squadre, e Fabrizio Pescatori, Medaglia d’oro ai Mondiali di Nuoto Acque libere

 

Previsto anche l’intervento del neo presidente del rugby Mogliano, Maurizio Piccin.

 

Dopo aver promosso l’iniziativa nel 2017, la Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Ambiente ha riproposto anche per il 2018 un bando dedicato a chi decide di acquistare nuovi autoveicoli rottamando il proprio vecchio mezzo inquinante.

 

“Dopo aver soddisfatto tutte le richieste pervenute lo scorso anno, nella delibera che ho portato in votazione questa settimana – afferma l’assessore – abbiamo infatti approvato un nuovo bando che per l’anno corrente mette a disposizione dei soggetti privati residenti nel Veneto mezzo milione di euro di contributi per la rottamazione di veicoli inquinanti e la loro sostituzione con veicoli a basso impatto ambientale di nuova immatricolazione”.

 

Rottamando autovetture adibite al trasporto persone, che appartengano alle classi emissive benzina Euro 0 ed Euro 1 o gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3, potrà essere assegnato ai beneficiari un contributo variabile a seconda del tipo di nuovo mezzo acquistato. Il contributo sarà pari a 3.500 euro per autoveicoli elettrici o per autoveicoli ibridi (benzina/elettrica) a classe emissiva Euro 6, a 2.000 euro per autoveicoli bifuel (benzina/GPL o benzina/metano) sempre a classe emissiva Euro 6.

 

“Per agevolare massimamente chi può averne più bisogno – specifica l’assessore –, nel predisporre la graduatoria del bando abbiamo voluto tenere conto anche della situazione economica dei beneficiari, prevedendo una priorità per le fasce di reddito più basse”.

 

Le domande, il cui modulo sarà pubblicato sul BUR nei prossimi giorni, dovranno pervenire alla Direzione Regionale Ambiente entro il 31 luglio 2018. Oltre al reddito si terrà conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino a esaurimento delle disponibilità finanziarie.

 

“ Con questi ulteriori stanziamenti – conclude l’assessore -, attraverso cui arriviamo a oltre 1,3 milioni di euro dedicati alla rottamazione delle auto nel giro di pochi mesi, continua la nostra politica per la tutela dell’aria ma anche di attenzione ai cittadini.

 

Politica di risanamento che peraltro non si ferma qui: attendiamo infatti, per poterle ulteriormente impegnare in questo tipo di iniziative, che il governo nazionale ci fornisca altrettante risorse di quelle che sta già mettendo la Regione in materia, come peraltro stabilito anche nell’accordo che firmai lo scarso anno a Bologna con il ministero dell’Ambiente insieme alle altre regioni del Bacino Padano”.

La stagione di danza del Bolshoi si avvia alla conclusione con un ultimo appuntamento che IMG Cinemas Candiani di Mestre trasmetterà live domani, domenica 10 giugno, alle ore 17.00: in diretta satellitare da Mosca, Coppelia, un’eccezionale trasposizione dell’originale versione del 19° secolo di questa spumeggiante commedia – che coinvolge un’eroina appassionata, un fidanzato immaturo che guarda un po’ troppo le donne e un’anziana produttrice di bambole –, con le coreografie di Sergei Vikharev e le musiche di Leo Delibes.

 

Martedì 12 giugno (ore 20.15) terminerà anche la stagione dei balletti della Royal Opera House di Londra, con il superclassico Il lago dei cigni, che IMG Cinemas trasmetterà in diretta satellitare.

Una nuova produzione che si inserisce nel repertorio del Royal Ballet, con integrazioni coreografiche dell’artista residente Liam Scarlett, che guarderà con occhi nuovi la messa in scena di questo classico.

 

 

Info, prenotazioni e prevendite:

Tel. 041 2383111

www.imgcinemas.it

Sabato 16 giugno il Tennis Club di Padova presenta “Tutti matti per il tennis. Disco Pool Party”, un evento di beneficenza a favore a favore del Progetto Itaca e della salute mentale.

La formula è quella del doppio giallo misto con qualificazioni al mattino per decidere il tabellone e torneo al pomeriggio. 44 i posti possibili. Ma la notizia non è questa, soprattutto se a ospitare e a organizzare il torneo è il noto Tennis Club di Padova di via Libia 40.

 

La notizia infatti è che il torneo sarà di beneficenza e che a seguire prenderà vita un party esclusivo con cena e/o dopo cena anche per chi non parteciperà attivamente al doppio misto durante la giornata, ossia familiari e amici, soci e non soci del club, amanti dello sport o solo delle notti estive. Non è un caso che il party sia stato denominato “Tutti matti per il tennis”.
Tutte le donazioni raccolte, quelle per il torneo, per la cena o per il dopo cena saranno infatti devolute al progetto Itaca Onlus.

 

Progetto Itaca Onlus è la più grande Associazione Italiana che opera nel settore della salute mentale con progetti specifici gestiti direttamente dai suoi volontari a supporto delle persone colpite da patologie psichiatriche e delle loro famiglie. Fa parte di un importante movimento mondiale che offre modelli innovativi e affermati a tutte le persone che soffrono di queste patologie e ai loro famigliari (Clubhouse International con sede a NY – USA e N.A.M.I. National Alliance of Mental Illness).

 

I numeri di questa malattia sono impressionanti a livello mondiale: basti pensare che l’Organizzazione Mondiale della Salute identifica con 1 su 5 le persone che nell’arco della loro vita soffriranno di un disturbo psichiatrico. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità stima che nel 2020 la depressione sarà la causa principale di assenteismo dal lavoro e nel 2030 sarà la malattia più diffusa. Più del cancro, più delle patologie cardiache, più dell’Alzheimer. Nonostante i numeri questo settore è stato lasciato molto indietro rispetto ad altre malattie. Ecco perché il Progetto Itaca si occupa di progetti innovativi rispetto all’Informazione, Sensibilizzazione; Prevenzione e Riabilitazione della malattia, sviluppando iniziative e percorsi personalizzati per garantire sostegno alle persone malate e alle loro famiglie. Lo fa raccogliendo fondi per dare vita appunto a “progetti di speranza”, anche e soprattutto attraverso eventi sportivi come i tornei di tennis.

Nel 2018 il Progetto Itala Onlus ne ha in programma ben 7 in tutta Italia, il primo sarà proprio a Padova, al Tennis Club, il 16 giugno 2018.

 

La giornata sarà così organizzata: durante il giorno si svolgerà il torneo di tennis di doppio misto a 44 partecipanti, previa iscrizione. Alla sera, Festa di inizio estate, cena, Dj set e open bar a partire dalle ore 23.00, per almeno 150 persone invitate.

 

Le persone potranno partecipare ai due eventi attraverso un’iscrizione con donazione minima: 30 euro il torneo, 50 la cena, 25 il dopo cena.

All’appello sono chiamate anche le aziende locali che potranno essere parte attiva della giornata e/o serata facendo delle donazioni al Progetto.

 

 

 

Questo il menù a buffet della cena (dalle 20.30 alle 22.30):

 

Crudo di Parma
Soppressa nostrana
Coppa stagionata
Forma di Asiago stravecchio
Tartare di manzo
Fritti (mozzarelline in carrozza, panzerotti di pane pomodoro e mozzarella, pollo fritto, panzanelle gamberi e zucchine, baccalà mantecato)

 

Pasta fredda pomodoro e mozzarella

Riso venere gamberi e zucchine

Cous cous alle verdure

Insalata di orzo con tonno pomodoro olive, spaghetti freddi, rucola e sfilacci

 

Spiedini pollo bbq

Roast beef freddo olio e limone

Tonnato

Cicciotto di maiale al taglio con patate al forno.

 

 

Dopo Cena (dalle 22. 30 alle 23.30):
Semifreddo di mascarpone e fragole/operà/crostata alla frutta

 

 

Intrattenimento musicale e cocktail bar (dalle 22.30 alle ore 1.30):
con Edoardo Damiani DJ & Enrico di Stefano al sax

 

 

Informazioni:

I posti sono limitati. Si prega di prenotare entro il 15 giugno, chiamando i numeri:

049 8805494

049 8755597

348 3553700

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!