Home / Posts Tagged "Biblioteca civica VEZ"

Proseguono con successo gli appuntamenti di Tuffi nel blu. Festival tra storie e paesaggi d’acqua, organizzato dalla Biblioteca Civica VEZ – Rete Biblioteche Venezia in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, WWF Venezia e Territorio, ecco un’altra occasione per approfondire i segreti del mare con la fisica e ricercatrice CNR – ISMAR Venezia Fantina Madricardo.

 

Fantina Madricardo, laureata in fisica, è una ricercatrice del CNR-ISMAR di Venezia, che ha sede nelle tese dell’Arsenale Nord. Con la sua ricerca si occupa della Laguna, andando a investigare cosa si nasconde sotto le sue acque. Per fare questo, però, non prende scafandro e pinne, bensì si avvale di tecnologie all’avanguardia che permettono a lei e al team di ricerca di vedere come è fatto il fondale lagunare. Decifrando il modo in cui le onde sonore “rimbalzano” a contatto con fango e roccia, i ricercatori sono in grado di preparare mappe dei fondali e individuare oggetti fino alla grandezza di un metro. Ecco allora che si svela cosa l’acqua cela ai nostri occhi: alterazioni dovute ai lavori sui canali, l’effetto del moto ondoso, rifiuti e barche affondate, e un particolare interesse per le conseguenze dei lavori alle Bocche di Porto per sostenere le dighe mobili del MOSE. Ma svela anche la presenza di vita animale e vegetale, dimostrando che l’acqua che circonda Venezia è viva e in continuo mutamento. La grande importanza di questo tipo di studi è chiara: per proteggere la Laguna dobbiamo conoscerla e il lavoro di Fantina ci permetterà di tenere sotto controllo gli effetti che l’uomo ha su questo ambiente straordinario.

 

L’appuntamento, accompagnata da tanti consigli di lettura, è per domani alle ore 18, alla Biblioteca VEZ, dove si terrà una conferenza per conoscere la parte sottomarina della nostra laguna dal titolo “La Laguna Svelata: cosa si nasconde sotto le sue acque, dai canali alle bocche di porto”.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

 

Per ulteriori informazioni:

Biblioteca Civica VEZ

Piazzale Donatori di Sangue 10 Mestre – Venezia

tel. 041/2746741; 041/2746742

www.culturavenezia.it/biblioteche

“Come vorresti la tua città?” Gli alunni di due classi quarte della scuola primaria “Lombardo Radice”, di due terze della “San Gioacchino” e di due prime della scuola secondaria di secondo grado “Volpi”, assistiti dagli studenti di quarta del liceo artistico Guggenheim, lo hanno potuto spiegare in maniera concreta, grazie al progetto “Città d’artista”, ideato e realizzato dall’Associazione Didatticando, in collaborazione con il Settore Cultura del Comune di Venezia e con Ance Venezia Giovani. Partendo dai libri per i ragazzi che parlano di Mestre, forniti dalla Biblioteca Vez Junior, i ragazzi hanno ideato delle storie sulla loro città “ideale” e poi ci hanno abbinato anche dei disegni.

 

Ieri mattina è scattata la fase operativa del progetto. Dapprima i piccoli partecipanti all’iniziativa sono stati accolti alla Vez Junior dai consiglieri comunali Chiara Visentin e Barbara Casarin, dal direttore della Biblioteca, Michele Casarin, e dai promotori del progetto. Poi i ragazzi si sono sparsi lungo via Carducci, per colorare i loro disegni, che sono stati apposti sulle vetrine dei negozi della strada.

 

Un piccolo, entusiastico, vociante fiume di bambini che ha rallegrato, e colorato, una delle vie centrali della città.

“Avete fatto – ha sottolineato il consigliere Visentin, portando anche i saluti del sindaco – un lavoro meraviglioso. È bello che, grazie a questo progetto, siano nate delle idee per la Mestre del futuro proprio dai suoi cittadini più giovani, quelli che poi dovranno tra qualche anno prendersi materialmente cura della nostra città.”

 

Questa mattina, dalle ore 10.30 alle 12.30, è in programma l’ultima tappa del progetto, il laboratorio artistico rivolto alle famiglie: i bambini, questa volta con i loro genitori, coloreranno i disegni da loro insieme realizzati, apposti sulle vetrine degli esercizi commerciali di piazzale Donatori di sangue.

 

Prosegue con grande interesse di pubblico il Festival Tuffi nel blu, tra storie e paesaggi d’acqua, organizzato dalla Biblioteca Civica VEZ – Rete Biblioteche Venezia in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, WWF Venezia e Territorio.

 

La prossima settimana, il 12 aprile, sarà la volta di un’insolita coppia: Silvia Della Rocca, giornalista, videomaker, autrice e regista e Michele Dalla Palma, giornalista, fotografo ed esploratore, insieme per raccontarci un romanzo a quattro mani, L’isola di Aral, (Polaris editore): la storia del destino di tre donne, in epoche diverse: Da Nizza al borgo di Bussana, fino all’isola di Formentera, legato dalla magia di un’isola che incanta e il richiamo di misteriose creature marine.

 

L’appuntamento è alle 18, presso la Biblioteca Civica VEZ (Piazzale Donatori di Sangue 10, Mestre – Venezia).

Tel. 041 2746741

 

www.culturavenezia.it/biblioteche,

www.comune.venezia.it/content/tuffi-blu-festival-storie-e-paesaggi-dacqu…

Prosegue con grande interesse di pubblico il Festival Tuffi nel blu, tra storie e paesaggi d’acqua, organizzato dalla Biblioteca Civica VEZ – Rete Biblioteche Venezia in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, WWF Venezia e Territorio.

 

La prossima settimana, il 10 aprile, la ricercatrice Francesca Ronchi farà una panoramica sulla questione dei rifiuti in mare, portando i risultati degli ultimi studi in Adriatico e illustrando alcuni esempi di buone pratiche che hanno visto la partecipazione attiva, in questi ultimi anni, di pescatori e cittadini.

 

 

L’appuntamento è alle 18, presso la Biblioteca Civica VEZ (Piazzale Donatori di Sangue 10, Mestre – Venezia).

Tel. 041 2746741

 

www.culturavenezia.it/biblioteche

www.comune.venezia.it/content/tuffi-blu-festival-storie-e-paesaggi-dacqu…

Ricca stagione di primavera per i bambini e ragazzi in tutte le biblioteche della Rete Biblioteche Venezia. Dal mese di aprile fino a giugno, nelle biblioteche della Rete Biblioteche Venezia, da Pellestrina a Favaro, da Zelarino al Lido, in programma ci sono 70 eventi dedicati alla lettura per i più giovani.

 

Due le novità: i laboratori per gli ultrapiccoli dai sei mesi ai 3 anni, un’occasione per cullare con le narrazioni, liberare l’immaginazione e creare tante storie con Coccole e colori, a cura di R.C.M. Rinascita Cooperativa Musicale, brevi letture, letture animate, laboratori creativo e tanti libri.

 

Il percorso per i bambini fino ai 10 anni è con Perle di Meraviglia. Pensieri illustrati di una bambina di vetro a cura di Silvia Piovan e Anna Arpini, alla scoperta del fantastico mondo dell’illustrazione creato da Beatrice Alemagna. Letture animate, alcune anche in doppia lingua, o in inglese o in francese, attraverso immagini dei libri proiettate che permeteranno ai bambini di entrare direttamente nella storia anche attraverso attività laboratoriali di approfondimento della storia proposta.

 

Continua quindi l’importante proposta rivolta ai giovani e alle famiglie in tutto il territorio cittadino, preludio di un autunno ancora più denso di appuntamenti. Per il programma dettagliato nelle Biblioteche è a disposizione il calendario degli Eventi Junior sul portale della Rete Biblioteche Venezia.

 

Ma c’è spazio anche per i più grandi con il workshop di Stop Motion, un laboratorio di 10 ore – dall’ideazione della storia all’animazione fotogramma dopo fotogramma – con gli artisti dello studio FramebyFrame di Venezia rivolto ai ragazzi dagli 11 ai 14 anni. Il worshop, sold out nel giro di un’ora e dall’uscita del programma di VEZ Junior è la conferma dell’interesse per le iniziative di qualità da parte dei ragazzi che trovano in VEZ Junior il loro punto di riferimento culturale. Il workshop sarà replicato in autunno in Bettini Junior, a Venezia.

 

 

Per consultare tutti gli eventi, cliccare qui: http://www.comune.venezia.it/eventi?tags[]=135&sezione[]=155

 

Per ulteriori informazioni, contattare la Biblioteca Civica VEZ:

Tel. 041 2746741 oppure 041 2746742

www.culturavenezia.it/biblioteche

Questa mattina, l’assessore comunale alla Coesione sociale, Simone Venturini, ha visitato a Mestre alcuni cantieri dove è attivo il progetto di lavori di pubblica utilità “Venezia-LPU.017”. Finanziato dalla Regione Veneto e dal Comune di Venezia, il programma è volto a favorire l’integrazione e l’inserimento lavorativo dei cittadini che versano in situazioni di disagio socio-economico e/o di emarginazione dal mercato del lavoro, in carico ai Servizi sociali comunali, attraverso attività di lavoro di pubblica utilità realizzate presso alcuni servizi dell’Amministrazione comunale. 

 

Il progetto si sta realizzando con la collaborazione del Consorzio CSU Zorzetto e delle cooperative sociali Co.Ge.S – don Lorenzo Milani, Labor, Libertà, S.AR.HA, MA.CE, Primavera e Non solo Verde e coinvolge 28 beneficiari che stanno svolgendo in diversi uffici del Comune e aree territoriali attività a carattere straordinario e temporaneo come ad esempio giardinaggio in aree pubbliche, servizi ambientali e di sviluppo del verde, attività di riordino, inventariazione e catalogazione di materiale d’archivio, sgombero e trasferimento locali, manutenzione pubblica.

 

L’assessore Venturini, accompagnato dal direttore del CSU Zorzetto Alberto Cigana e dal referente per la cooperativa CoGeS Luca Breda, ha visitato i lavori in corso al parco Albanese e alla biblioteca Vez di Mestre, dove i referenti dei servizi comunali, Istituzione Grandi Parchi e Servizio Vez Rete Biblioteche, insieme ai lavoratori coinvolti (Gisella, Alessandra, Maria Cristina, Alit, Diego, Giovanni, Maurizio, Luca, Armando) hanno avuto modo di presentare l’attività svolta e raccontare la loro personale esperienza lavorativa nel progetto.

 

In particolare, grazie alla loro attività, sono finora stati possibili alcuni interventi straordinari a beneficio del decoro e volti a garantire una maggior fruibilità dei servizi. Al Parco Albanese sono state svolte le pulizie di oltre cento pozzetti di acque bianche, di centinaia di metri di canalette di scolo e vialetti, la pulizia di scarichi intasati nei bagni pubblici del Parco, e sono state realizzate piccole e varie manutenzioni di natura idraulica come l’apertura e l’installazione di rubinetti fontanelle, oltre che la raccolta rifiuti. Alla biblioteca Vez le lavoratrici LPU sono state  impiegate nell’allestimento del sistema di antitaccheggio, che consentirà nuove modalità di gestione e di protezione del patrimonio librario; ad oggi sono stati etichettati circa 40mila documenti su un totale di 135mila tra libri, cd e dvd della Biblioteca. I lavori continueranno nei prossimi mesi con la sistemazioni di ulteriori aree verdi e la prosecuzione dell’opera di manutenzione del parco.

 

I lavori di pubblica utilità si stanno realizzando anche al parco San Giuliano, a supporto del Servizio Logistica impegnato nelle varie sedi comunali, al Centro logistico Tronchetto, all’Archivio e Biblioteca di Ca’ Farsetti e al Centro Candiani.

 

Nel commentare l’iniziativa l’assessore Venturini ha ricordato l’importanza di coinvolgere i cittadini che si rivolgono ai servizi sociali come “generatori di esperienze di utilità sociale” e ha sottolineato come i lavori di pubblica utilità garantiscono numerosi vantaggi: “ai beneficiari coinvolti, attraverso un guadagno economico, una proposta formativa e un inserimento lavorativo; alla comunità locale, con un miglioramento della qualità dei servizi pubblici; alla stessa Amministrazione, permettendo un risparmio sui costi. Le attività che oggi ho potuto verificare  sono state realizzate con dedizione e cura e hanno consentito interventi piccoli ma diffusi e dalla grande importanza. Per le persone impegnate nel progetto si tratta di un passo importante verso l’autonomia personale e verso la crescita della fiducia in loro stessi. Visti i risultati positivi intendiamo continuare e rafforzare queste progettualità anche nel prossimo futuro”.

Due tappe in città per lo scrittore e divulgatore scientifico Nicolò Carnimeo, che sarà alla Biblioteca Civica VEZ di Mestre mercoledì 4 aprile alle 18 e alla Biblioteca Hugo Pratt del Lido giovedì 5 aprile alle 18, a presentare il suo libro Com’è profondo il mare. La plastica, il mercurio, il tritolo e il pesce che mangiamo (Chiarelettere).

 

All’interno del Festival Tuffi nel blu, tra storie e paesaggi d’acqua organizzato da Biblioteca Civica Vez – Rete Biblioteche Venezia, in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, WWF Venezia e Territorio, l’ospite ci farà compiere un viaggio nella letteratura di mare: da Conrad ad Hemingway, da Gabriel García Márquez a Stieg Larsson narrando tante belle storie tra le onde del mondo.

 

Poi, navigando nella realtà di un paese a vocazione marina come l’Italia, ci porterà alla scoperta del più grande pericolo per i nostri mari: la plastica. Lo farà con racconti e immagini, con l’esperienza di un viaggiatore che ha solcato il Pacifico per comprendere i rischi che il pianeta e l’umanità stanno correndo.

 

Incontreremo le testimonianze di molti uomini di buona volontà che, in paesi diversi, hanno adottato delle strategie ambientaliper preservare le acque e i suoi abitanti e dire no all’inquinamento selvaggio. Se i dati sulle condizioni dei nostri mari sono inquietanti, ci sono esempi di buone pratiche: è arrivato il tempo di cambiare rotta e avere cura dell’ambiente marino come una parte vitale del nostro corpo.

 

L’autore

Nicolò Carnimeo, insegna Diritto della navigazione e dei trasporti nella facoltà di Economia dell’Università di Bari. Collabora con la rivista di geopolitica Limes, La Gazzetta del Mezzogiorno, Fare vela e altre pubblicazioni del settore nautico. È presidente della Fondazione Vedetta sul Mediterraneo, che si occupa di promuovere la cultura e la letteratura del mare. Dopo un viaggio in Nigeria e Malesia ha scritto Nei mari dei pirati (Longanesi). Ha pubblicato anche il libro Montenegro,Viaggio senza tempo (Giorgio Mondadori).

 

Biblioteca Civica VEZ, mercoledì 4 aprile 2018 ore 18.00

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

Piazzale Donatori di Sangue 10, Mestre – Venezia

Tel. 041 2746741

 

 

Biblioteca “Hugo Pratt” Lido,  giovedì 5 aprile 2018 ore 18.00

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.  

Via Sandro Gallo 136/B, Venezia – Lido

Tel. 041 5268991

 

 

Dopo il successo dei primi appuntamenti del Festival Tuffi nel blu. Festival tra storie e paesaggi d’acqua, organizzato dalla Biblioteca Civica VEZ – Rete Biblioteche Venezia in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, WWF Venezia e Territorio, ecco un’altra occasione per approfondire i segreti del mare.

 

Oggi alle 18, alla Biblioteca VEZ, Piero Mescalchin, esperto subaqueo da più di quarant’anni, racconterà le meraviglie e le scoperte del mondo sommerso: pesci e piante, colori e forme, antiche navi custodite e paesaggi marini. L’esperienza sarà accompagnata da tanti consigli di lettura.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

Piero Mescalchin

Pratica l’attività subacquea da più di quarant’anni, nel Mediterraneo e principalmente nell’Alto Adriatico, dove ha già compiuto più di 3.000 immersioni. Oltre che fotografo, è autore di numerosi documentari, di cui ha curato personalmente anche il montaggio e la colonna sonora. Ospite in numerose trasmissioni televisive, fra cui Uno Mattina; Alla ricerca dell’arca; Ambiente Italia; Vivere il mare; Linea Blu; Pianeta Mare. Nell’agosto del 2000 con l’appoggio del Comune di Chioggia, ha fornito documentazione scientifica e fotografica per ottenere che l’area delle Tegnùe di Chioggia, fosse dichiarata Zona a Tutela Biologica, come è stato con Decreto Ministeriale, nel 2002. È Presidente dell’Associazione Tegnùe di Chioggia.

 

Biblioteca Civica VEZ

Piazzale Donatori di Sangue 10 Mestre – Venezia

saletta seminariale della Biblioteca VEZ, con entrata da via Querini

Tel. 041/2746741 041/2746742

www.culturavenezia.it/biblioteche

Ha riaperto ieri pomeriggio la Biblioteca di Villa Erizzo dopo la chiusura per inventario della scorsa settimana. L’inventario ha consentito di riordinare i libri della collezione, garantendo le condizioni per un servizio di prestito e di consultazione dagli elevati standard qualitativi. Durante l’inventario sono stati circa 135.000 i testi lavorati nelle operazioni di catalogazione; si è inoltre provveduto alla tinteggiatura di alcune sale della biblioteca e all’apertura di una nuova sala attrezzata con scaffali aperti nei quali sono stati messi a disposizione dell’utenza circa 4500 libri precedentemente collocati in magazzino.

 

“Anno dopo anno, – ha dichiarato l’assessore Simone Venturini durante il sopralluogo in biblioteca per ringraziare i dipendenti impegnati nell’inventario e per verificare le migliorie apportate –  i servizi e gli spazi in Vez crescono e migliorano. In soli due anni la Rete biblioteche del Comune di Venezia ha fatto passi da gigante, garantendo l’apertura di due strutture per bambini di grande bellezza e rafforzando la qualità dell’offerta culturale in città. Vogliamo continuare questo percorso, investendo tempo, energie e risorse. La prossima grande sfida è rappresentata dal raddoppio della biblioteca di Villa Erizzo per il quale la Giunta ha recentemente approvato e finanziato il progetto”.

Sono 30 le iniziative che ci racconteranno del mondo marino e delle sue meraviglie attraverso le indagini dei geografi, l’impegno della comunità scientifica, la passione di scrittrici e scrittori.

 

Il primo appuntamento del Festival è l’occasione per conoscere le balene attraverso l’esperienza e le ricerche di un docente di eccellenza, Sandro Mazzariol. Da molti anni l’Università di Padova rappresenta un’eccellenza nazionale e internazionale per studiare la medicina dei mammiferi marini.

 

La conferenza ci farà conoscere i cetacei dei nostri mari, le loro abitudini, le malattie e come si interviene in caso di spiaggiamenti. Il professor Mazzariol ci illustrerà le principali cause di spiaggiamento e il ruolo dell’uomo. Al centro le ricerche e gli studi su questi magnifici animali, si parlerà di sonar militari e di prospezioni geologiche, di inquinamento acustico e chimico e delle misure adottate dagli Stati Europei per proteggerli dall’estinzione.

 

Il Festival è organizzato dalla Biblioteca Civica Vez – Rete Biblioteche Venezia, in collaborazione con Associazione Culturale Mozaik, Acqua Alta Teatro, FAI Giovani Delegazione di Venezia, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e WWF Venezia e Territorio.

 

L’appuntamento è domani, martedì 13 marzo, alle ore 18, presso la Biblioteca Civica Vez di Mestre. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!