Home / Economia  / Politica  / Sacchetti biodegradabili e fake news

Sacchetti biodegradabili e fake news

Molto si dice sui sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati e nei negozi di vicinato. Sembra addirittura che non sia vero che l’Europa ce li abbia imposti e che, sempre secondo l’Europa, sia lecito portarseli

Molto si dice sui sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati e nei negozi di vicinato. Sembra addirittura che non sia vero che l’Europa ce li abbia imposti e che, sempre secondo l’Europa, sia lecito portarseli da casa e riusarli.

 

Ora si mormora anche di presunti interessi politici nella vendita dei sacchetti, Tanti mormorii, tante illazioni. Della questione ne parla anche Lucia Tronchin, membro del Direttivo Provinciale trevigiano di Forza Italia.

 

“Sacchetti biodegradabili. Fake News? – precisa la Tronchin – Sta impazzando sul web un messaggio che collegherebbe la normativa per l’uso dei sacchetti biodegradabili a presenti interessi di qualche partito politico nella prossima campagna elettorale”.

 

“Non entro nel merito della correttezza dell’uso di fakes news o presunte tali nella campagna elettorale, ma prendo atto che la quantità dei messaggi che mi sono arrivati e la trasversalità, anche politica, dei soggetti che li hanno spediti è un segnale ormai inequivocabile del clima elettorale ormai senza regole e della mancanza di fiducia nei confronti delle istituzioni”.

 

“E’ forse il caso di voltare pagina” conclude la Tronchin.

Commenta la news

commenti

gianfranco.vergani@libero.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!