Home / Cronaca di Venezia  / Porto Marghera punto di arrivo di petrolio importato illegalmente

Porto Marghera punto di arrivo di petrolio importato illegalmente

L’indagine della Guardia di Finanza ha portato alla luce un commercio illegale di petrolio libico, trasportato e sbarcato con documenti falsi. Le navi che lo trasportavano, dopo una sosta a Malta in attesa del momento propizio

L’indagine della Guardia di Finanza ha portato alla luce un commercio illegale di petrolio libico, trasportato e sbarcato con documenti falsi.

Le navi che lo trasportavano, dopo una sosta a Malta in attesa del momento propizio per procedere, facevano scalo anche a Porto Marghera.

Il commercio era condotto da un’organizzazione maltese, libica e italiana, che nel periodo esaminato (giugno 2015 giugno 2016) ha portato a termine ben 31 viaggi illegali.

Le navi si dirigevano anche nei porti di Civitavecchia e Augusta, ma Porto Marghera è stato il punto di approdo fra i più preferiti.

Sono milioni i metri cubi di petrolio importati illegalmente e ben 11 milioni di euro l’IVA evasa.

 

Fonte: La Nuova Venezia

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!