Home / Cronaca di Mogliano  / Polizia locale, non solo multe: 2017 anno al servizio dei cittadini

Polizia locale, non solo multe: 2017 anno al servizio dei cittadini

Hanno consegnato 87 carte di identità a disabili che non potevano recarsi agli uffici comunali e acquisito in 44 casi firme per autorizzazioni a persone invalide, e insegnato educazione stradale a circa 2000 studenti di

Hanno consegnato 87 carte di identità a disabili che non potevano recarsi agli uffici comunali e acquisito in 44 casi firme per autorizzazioni a persone invalide, e insegnato educazione stradale a circa 2000 studenti di 84 classi delle scuole moglianesi in 245 ore di lezione.

Non è fatta solo di controlli del traffico e multe la quotidianità del lavoro della Polizia locale di Mogliano, ma oltre a questo che rimane istituzionalmente il compito principale, anche nel 2017 è stata svolta un’attività su molti fronti, al servizio dei cittadini.

 

I dati sono stati resi pubblici in occasione della festa del patrono della Polizia locale (San Sebastiano, 20 gennaio).

“Oggi la chiameremmo una fake news, ma l’idea che la Polizia locale esista solo per riempire le casse comunali è davvero un falso clamoroso. Anzi, l’operatività in strada è ridotta dalla mole delle incombenze amministrative che i vigili sono chiamati ad assolvere, considerando anche l’organico ridotto rispetto alle necessità. Un lavoro che non è sotto i riflettori e che ai più è sconosciuto, ma che è quotidianamente svolto al servizio dei cittadini” dichiara il Sindaco Carola Arena.

 

Attualmente l’organico a Mogliano è di 14 agenti, compreso il Comandante e due impiegati amministrativi, circa una unità ogni 2 mila abitanti. Tra le attività diverse da quelle relative al codice della strada, spiccano, nel bilancio 2017, quella sulla sicurezza, con 20 violazioni accertate di accattonaggio, 6 di degrado, 16 di prostituzione, quella di polizia giudiziaria, con 36 informative all’Autorità giudiziaria, 5 informative di reato, 1 sequestro penale, 20 indagini anche con interrogatori e accertamenti disposti dall’Autorità giudiziaria, 38 pratiche relative ad infortuni sul lavoro, quella anagrafica, con oltre 1200 iscrizioni anagrafiche e cambi di via, oltre 400 controlli sulla dimora, 18 accertamenti di convivenza, 146 casi di notifica di atti provenienti da Procura e Prefettura, accertamenti SIA, 212 autorizzazioni occupazione suolo pubblico, quella in materia ambientale, con oltre 50 controlli di aree in stato di degrado, l’accertamento di 22 violazioni in materia ecologica, di 90 violazioni di regolamenti comunali e di. Sono stati eseguiti 5 trattamenti sanitari obbligatori.

 

La polizia locale è stata impegnata anche nel controllo di stranieri, con l’identificazione di due persone, con un caso di rilievi foto dattiloscopici e la denuncia di due persone.

Sostanziosa è stata l’attività antiprostituzione, con una decina di pattugliamenti serali, un centinaio di persone identificate, l’accertamento di 16 violazioni del regolamento comunale in materia.

 

“E’ sul fronte della sicurezza che la nostra Polizia locale ha svolto un eccellente lavoro, nei limiti delle proprie competenze, ma sempre in costante coordinamento con le forze di polizia e dei Carabinieri e in collaborazione con la Polizia locale dei comuni limitrofi. La presenza sul territorio delle nostre pattuglie è uno strumento deterrente anche contro l’attività di prostituzione, almeno col risultato di spostare verso zone non abitate il fenomeno e su questo continueremo a pianificare turni serali”, dichiara l’assessore alla sicurezza Filippo Catuzzato.

 

Naturalmente c’è un ampio capitolo che riguarda le attività relative al codice della strada, con 7300 verbali, di cui oltre 3000 di transito col semaforo rosso rilevato dalle strumentazioni di controllo, 219 per mancata revisione dei veicoli, 146 per divieto di circolazione veicoli di peso superiore alle 3,5 tonnellate, 86 per sosta su spazi invalidi di non aventi diritto, 68 per uso di cellulari alla guida, 54 superamento limiti velocità accertati con autovelox, 43 per mancato uso delle cinture di sicurezza e 22 per mancata copertura assicurativa. Oltre 2300 sono stati i veicoli controllati (eccetto la sosta), 67 i test di alcolemia effettuati, con 12 casi di guida in stato di ebrezza. Sono stati rilevati 77 indicenti stradali, nessuno dei quali mortale, ritirate 25 patenti e 5 persone sono state denunciate per lesioni personali a seguito di incidente.

 

Nel 2017 sono stati incassati 590.000 euro con le sanzioni, che il bilancio di previsione 2018 porta a 1,1 milioni, a causa della norma che prevede che siano previsti incassi complessivi, quindi oltre alla riscossione effettiva anche i crediti pregressi, seppur inesigibili (nel 2017 pari a 400.000 euro di sanzioni non pagate che diventeranno ruoli esattoriali).

 

Il comune di Mogliano non ha autovelox fissi, che possono essere autorizzati, per legge, dalla Prefettura, solo in determinate tipologie di strade, ma un solo autovelox mobile.

Tutta questa attività ha dato vita a 41 ricorsi al Prefetto e 21 al Giudice di pace. Delle 36 udienze davanti al Giudice di Pace cui la Polizia locale ha presenziato, 17 hanno visto vincente il Comune ed una è stata persa con annullamento della multa.

Commenta la news

commenti

POST TAGS:

sara.angioni@webtechnet.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!