Home / Cultura & Ambiente  / Cultura  / La bellezza rivelata – un viaggio nella terra d’Etiopia sulle orme degli antichi esploratori

La bellezza rivelata – un viaggio nella terra d’Etiopia sulle orme degli antichi esploratori

Il 25 gennaio presso la prestigiosa sede della Società Geografica Italiana in via della Navicella a Roma, alla presenza di S.E. Melaku Petros Tetemke, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata Etiopica in Roma, del Segretario Generale della Società

Il 25 gennaio presso la prestigiosa sede della Società Geografica Italiana in via della Navicella a Roma, alla presenza di S.E. Melaku Petros Tetemke, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata Etiopica in Roma, del Segretario Generale della Società Geografica Prof. Rossella Belluso, del Prof. Giorgio Banti Prorettore dell’Università degli Studi l’Orientale di Napoli e del Prof. Rodolfo Fattovich, etiopista, è stata inaugurata la mostra “La bellezza rivelata – un viaggio nella terra d’Etiopia sulle orme degli antichi esploratori”. Mostra organizzata da Carlo e Marcella Franchini, dall’Università di Napoli “L’Orientale” nelle persone di Andrea Manzo e Luisa Sernicola e dall’artista Francesca Borro, con il Patrocino dell’Ambasciata Etiopica in Roma.

All’inaugurazione hanno partecipato oltre 200 visitatori.

 

Compongono la mostra:

120 fotografie di Carlo Franchini, viaggiatore e appassionato di fotografia, che ha avuto la fortuna di nascere e vivere per tanti anni in quelle terre continuando poi a visitarle ripetutamente.

20 opere tra quadri ad olio e carboncini dell’artista Francesca Borro che si è ispirata, per i suoi lavori, alle illustrazioni riportate nei resoconti degli esploratori e alle fotografie di Carlo Franchini, carte geografiche, schizzi, stralci di diari, oggetti etnografici e libri antichi e rari.

Completano l’esposizione 40 pannelli: alcuni descrittivi, altri con citazioni ed immagini tratte da diari degli esploratori.

 

Percorrendo le grandi sale della mostra, il visitatore è “catapultato “nella straordinaria terra d’Etiopia. Terra, come scrivono gli organizzatori, “… da sempre di varietà e contrasti, di diversità ambientali e culturali, di opposti che magicamente si attraggono ed interagiscono facendo convivere, in un caleidoscopio di immagini, paesaggi, suoni e colori. Le straordinarie genti che la abitano, la loro cultura e le loro tradizioni, i deserti e le savane, i grandi fiumi e i laghi, le vette imbiancate dei rilievi più alti e le caratteristiche ambe, sono le tessere di un bellissimo mosaico che ancora oggi vive, in equilibrio tra modernità e tradizione. Una miscela di volti, dunque, di genti dalle lingue, attività economiche, caratteristiche fisiche, acconciature, abitudini più diverse. E lo scenario religioso non è meno vario, comprendendo le tre grandi religioni monoteistiche accanto alle quali persistono usi e rituali animisti tradizionali.

 

Questa incredibile ricchezza ha attratto, nel corso dei secoli, numerosi viaggiatori ed esploratori che, spinti dalla curiosità, dalla sete di sapere, dal gusto per l’avventura, hanno attraversato in lungo e in largo questi territori, e dei loro viaggi hanno lasciato diari, resoconti, carte, schizzi, foto, ritratti. Henry Salt, Théophile Lefebvre, James Bruce, e gli Italiani Vittorio Bottego, Gustavo Bianchi, Antonio Cecchi, sono solo alcuni dei tanti esploratori europei che, tra Ottocento e Novecento, ci hanno raccontato di questi luoghi, muovendosi dai grandi laghi meridionali alle guglie dell’altopiano settentrionale, dalle terre infuocate dell’Afar a est, alle regioni montuose a ovest. È sfogliando i loro diari e ammirando le immagini che li arricchiscono che è maturata l’idea di una mostra che, seguendo le orme di alcuni degli antichi esploratori, guidasse il visitatore alla scoperta di questo straordinario Paese. …”

 

Diversi gli sponsor che hanno contribuito tra cui Webtechnet, l’Ethiopian Airlines, la Green Land Tours di Addis Abeba , Caffè Morgantiu, Prometeoengineering.

La mostra sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, fino al 25 febbraio 2018.

Ulteriori date sono previste a Napoli, dal 12 aprile al 30 a Palazzo delle Arti e a Addis Abeba dal 15  ottobre al 31 dicembre al Museo Etnografico.

 

Per informazioni: http://www.labellezzarivelata.com/it/index.php

 

Guarda la Gallery con le foto dell’inaugurazione il 25 gennaio

Commenta la news

commenti