Home / Slide-main  / “Abbi cura di splendere sempre”: gli uomini raccontano le donne

“Abbi cura di splendere sempre”: gli uomini raccontano le donne

Doppio appuntamento con lo spettacolo di Tema Cultura: il 4 marzo a Mogliano Veneto e l’8 marzo a Treviso   “È questo – dichiara Giovanna Cordova di Tema Cultura – uno spettacolo, forse controcorrente, in cui i

Doppio appuntamento con lo spettacolo di Tema Cultura: il 4 marzo a Mogliano Veneto e l’8 marzo a Treviso

 

“È questo – dichiara Giovanna Cordova di Tema Cultura – uno spettacolo, forse controcorrente, in cui i protagonisti saranno gli uomini. Saranno loro a raccontare l’amore, la passione, il gioco della seduzione, il dolore e la cattiveria, la giovinezza e la vecchiaia, i diversi modi di essere donna non con riferimento a fatti straordinari, ma alla realtà che caratterizza la vita di tutti noi. Un punto di vista spesso sottovalutato, ma fondamentale per porre in evidenza, una volta tanto, “l’altra faccia della luna” per uscire dai molti stereotipi che vedono la donna vittima e fanno di questo una bandiera considerandola quasi una “categoria protetta”. Come dice Oriana Fallaci “Le donne non sono una fauna speciale e non si capisce per quale ragione esse debbano costituire, specialmente sui giornali, un argomento a parte: come lo sport, la politica e il bollettino meteorologico”. Questo non vuol dire sottovalutare i molti problemi riferiti alla donna, in primis quello della violenza, ma parlare di donne non può essere solo parlare di violenze subite spesso oggetto di strumentalizzazione politica e mediatica”.

 

 

“La donna – spiega Cordova – è amore, bellezza, intelligenza e seduzione, la donna è magia, è angelica e carnefice, è madre, figlia, moglie e amante, come dice Dostoevskij, “solo il diavolo lo sa” e allora parliamone! Io ho deciso di farlo da un angolo di visuale privilegiato: quello degli uomini,  di coloro che l’hanno amata e maledetta, l’hanno scelta come sposa o amante, con lei hanno condiviso peccati e la grandezza di un amore perfetto e tanti diversi modi d’amare”.

 

 

Conclude: “A proposito dell’otto marzo concludo con quest’affermazione di Luciana Littizzeto: “Basta con ‘sta festa della donna. Ammucchiamo queste benedette mimose e facciamo un falò. Ormai ci siamo emancipate. Siamo uguali agli uomini. Ci viene l’infarto anche a noi. Cosa vogliamo di più? La prostata forse? O la barba… visto che i baffi ce li abbiamo…”.

 

 

Lo spettacolo andrà in scena all’auditorium delle scuole Stefanini di Treviso l’8 marzo, alle 20.30, e a Spazio 11, a Campocroce di Mogliano, in via Zero Branco 16, il 4 marzo alle 20.30.

Per info: Tema Cultura temacultura@libero.it; tel. 346 2201356

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!