Home / 2017 / luglio

Nel Consiglio Comunale di venerdì 28 luglio si sono discussi anche i due punti presentati dal Movimento 5 Stelle.

All’interrogazione su via Sassi il Sindaco Arena ha replicato che non è prevista alcuna soluzione a breve termine. Una soluzione afferma sarebbe il raccordo con il passante, ma non si sa quando e se sarà realizzato.

Il Consigliere Manes, Movimento 5 Stelle, ha ribadito che così come stanno le cose gli interessi di pochi prevalgono sugli interessi dei molti ed ha chiesto che, nelle more di una soluzione definitiva, si tenga aperta la strada quando sarà messa in sicurezza e resa agibile.

Per quanto riguarda la Mozione circa l’accesso ai dati sensibili del Comune da parte dei Consiglieri, si è data lettura di una relazione del Segretario Generale che non dimostra contrarietà alla richiesta. Tuttavia l’Assessore competente ha detto che la cosa non potrà essere realizzata a breve e che non se ne conoscono i costi.

Inoltre viene ammessa una inadeguatezza del sistema informatico. “ Chiedevamo un segnale – afferma la Manes – da parte della Giunta nel segno della trasparenza non avendo dato tempi per la realizzazione della proposta. A mio avviso non ci sono costi insostenibili, tuttavia la Mozione è stata bocciata dalla maggioranza. “.

Questa mattina incidente stradale a Saletto di Breda di Piave. In via Molinetto una vettura è uscita di strada in modo autonomo.

L’incidente non avrebbe avuto altre conseguenze se non dei danni alla vettura, ma sfortunatamente nell’uscire di strada è andata ad urtare un contatore di gas distruggendolo.

Il conducente, illeso, ha immediatamente allertato i Vigili del Fuoco per la messa in sicurezza del luogo e delle persone. Oltre ai Pompieri è intervenuta la Polizia Stradale.

“ NO PARKING”, questo l’avvertimento scritto a lettere cubitali e con vernice spray sul fianco sinistro di una cinquecento L FIAT parcheggiata davanti un condominio di via Rossini a Marocco.

E’ la conclusione, per ora, di una faida tra vicini. Sembra che il proprietario fosse stato più volte avvertito di non parcheggiare in quel punto perche l’auto era messa alla fine di un vicolo cieco ed in modo da impedire ogni manovra di inversione di marcia.

La cosa naturalmente avrà uno strascico di denunce e recriminazioni.

Il Cinema Teatro Busan di Mogliano presenta “ Estate al Cinema all’Aperto “.

I migliori film dell’anno verranno proiettati in Piazzetta del Teatro nel mese di Agosto alle ore 21

Questi i film in programma:
– Lunedì 7/8 Sally
– Martedì 8/8 Animali fantastici
– Mercoledì 9/8 Beata Ignoranza
– Giovedì 10/8 Allied
– Lunedì 14/8 Captain Fantastic
– Martedì 15/8 Sing Street
– Giovedì 17/8 Barriere
– Lunedì 21/8 Il Diritto di contare
– Martedì 22/8 Vita da animali
– Mercoledì 23/8 Florence
– Giovedì 24/8 Il Medico di campagna
– Lunedì 28/8 La La Land
– Martedì 29/8 Sing
– Mercoledì 30/8 Lion La Strada verso casa
– Giovedì 31/8 Acquarius

Successo assoluto quello registrato per la serata di musica e balli dedicata alla memoria del DJ moglianese Luciano Aramini.

Aramini è scomparso i primi di luglio a causa di un incidente avvenuto sulla feltrina mentre era in sella della sua moto ed ha lasciato orfani i suoi due giovai figli. La moglie era morta alcuni anni fa.

La serata aveva anche lo scopo di raccogliere fondi a favore dei due giovani ed è stata organizzata dal gruppo Facebook “ sei di Mogliano Veneto se….” Che ha raccolto centinaia di consensi in pochissimi giorni.

Moltissimi i cittadini presenti in piazzetta del Teatro per dare testimonianza del loro affetto per Luciano Aramini.

Singolare incontro dei Vigili Urbani di Mogliano che ieri sera alle 21,30 circa, sulla via Zermanesa all’altezza di Zerman, hanno fermato un SUV che viaggiava con sole tre ruote.

Al SUV mancava la ruota anteriore destra. Il conducente, che non ha saputo spiegare l’accaduto, è risultato positivo all’alcool test. Ritiro della patente e sequestro del mezzo, come segnalato dalla Tribuna.

Sempre in via Zermanesa lunedì, a causa del forte temporale e del vento, un pino marittimo è crollato pesantemente al suolo nel posteggio antistante il cimitero. Fortunatamente nessun danno a persone o cose.

Domani sera si discuterà in Consiglio Comunale anche la Mozione presentata dal Movimento 5 Stelle con la quale viene chiesto l’accesso diretto ai sistemi informatici del Comune.

“Abbiamo presentata questa Mozione – precisa Cristina Manes portavoce dei pentastellati – perché nell’espletamento del’attività di Consiglieri vi è la continua necessità di accedere ad informazioni e documenti, che però è fortemente condizionata dai tempi per l’accesso agli atti, 30 giorni anche per noi come per i cittadini.”.

“Spesso i documenti richiesti sono rilasciati in forma cartacea, contrariamente a quanto previsto dalla legge. Ciò comporta difficoltà per la ricerca e l’elaborazione dei dati. In alcuni casi abbiamo riscontrata la mancata pubblicazione nel sito comunale, come prevede la legge, di importanti documenti.”.

“Ricordo – prosegue la Manes – che dal novembre 2016 rimane insoddisfatta la nostra richiesta di accesso all’elenco digitale dei protocolli del Comune in formato digitale. Ci è stato impedito l’accesso integrale perché secondo il Segretario Generale del Comune sarebbero preclusi ai Consiglieri, nonostante amministratori, alcuni dati sensibili e perché il Comune non si è ancora adeguato alla normativa sulla digitalizzazione.”.

“Su questo stiamo ottenendo una risposta dall’ANAC e dal Garante della Privacy. Tutto ciò comporta un ostacolo al corretto svolgimento delle funzione previste dal nostro ruolo. Il diritto di accesso agli atti di un Consigliere Comunale non può subire compressioni per pretese esigenze di natura burocratica dell’Ente.”.

“Chiediamo pertanto – conclude la Manes – a Sindaco e Giunta l’ottenimento di una password mediante la quale accedere alla visione diretta dei programmi di contabilità, del protocollo e dell’intera banca dati documentale dell’Ente. Chiediamo inoltre che l’Amministrazione si adegui alla normativa vigente in termini di trasparenza e digitalizzazione.”.

 

La decisione dell’amministrazione di aderire al progetto SPRAR che prevede di destinare alloggi del Comune all’accoglienza diffusa di migranti, è oggetto di un punto nel prossimo Consiglio Comunale del 28/7, proposto dal Consigliere di opposizione Giovanni Azzolini, che commenta; “ L’adesione allo SPRAR è nulla per legge:”.

“ E’ nulla perché manca la ratifica del progetto da parte del Consiglio Comunale. – continua Azzolini – Per cui i profughi non potranno essere accolti in modo legittimo nell’alloggio di via Ragusa. Inoltre la cooperativa non aveva sottoscritto alcun contratto di locazione per l’alloggio di via Ragusa alla data in cui ha vinto il bando.”.

“ Per accedere allo SPRAR è obbligatoria l’adesione formale dell’Ente Locale, ovvero la delibera del Consiglio Comunale. Il progetto quindi è decaduto perché il Sindaco ha mancato di far ratificare l’accordo al Consiglio Comunale. Inoltre lo Statuto del Comune prevede l’obbligo del Sindaco di agire tramite accordo di programma e di far ratificare al Consiglio Comunale , pena la nullità dell’atto.”.

“ L’integrazione non può essere un processo caduto dall’alto, – conclude Azzolini – ma deve partire dal basso coinvolgendo tutte le strutture della democrazia. A Mogliano l’adesione allo SPRAR è stata un’iniziativa personale del Sindaco.”.

Anche Canova, Lega Nord precisa: “ Nel 2015 quando il Sindaco Arena ha annunciato la sua adesione all’accoglienza diffusa, un solo moglianese su 30.000 abitanti ha dato la disponibilità del proprio alloggio. A Mogliano sono migliaia gli alloggi sfitti, se solo uno ha risposto vuol dire che la cittadinanza ha ritenuto poco affidabile la proposta del Sindaco.”.

Gianfranco Vergani

Convocato il Consiglio Comunale per il 29 agosto ore 19. I punti in discussione sono 11 tra i quali, due su tutti sembrano interessanti e certamente oggetto di forti discussioni.

L’interpellanza presentata dal Movimento 5 Stelle avente per oggetto “Chiusura di via Sassi ai non residenti. Viabilità sul Terraglio. Il diritto di viaggiare in sicurezza ed il diritto alla salute”, e il punto aggiuntivo presentato dal Consigliere Giovanni Azzolini: “ Situazione SPRAR. Verifica dei requisiti soggetto attuatore ed indirizzi del Consiglio Comunale in merito agli alloggi da destinare ad accoglienza diffusa.”.

Questi due argomenti hanno sollevato e stanno tuttora sollevando forti critiche non solo delle opposizioni, ma anche di un forte numero di cittadini.

La chiusura al traffico di via Sassi ai non residenti è sempre oggetto di forti critiche non solo dei moglianesi, ma anche di tutti gli utenti della statale Terraglio a causa delle lunghissime code che ogni mattina si formano all’altezza del semaforo di Marocco per il traffico diretto alla sede delle Assicurazioni Generali. Traffico che sino a poco tempo fa era smaltito appunto dalla via Sassi.

La questione SPRAR ed il relativo problema alloggi da destinare all’accoglienza diffusa sta provocando forti opposizioni da parte di molti ed in particolare dei condomini del condominio di via Ragusa nel quale l’Amministrazione ha individuato un alloggio da destinare a cinque migranti.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni